Cerca e trova immobili

STATI UNITIEcco il procuratore che sfida Donald Trump

18.03.23 - 21:11
Bragg è nato a Harlem ed è cresciuto a New York, la città che è anche dell'ex presidente
Foto Imago
Fonte ATS
Ecco il procuratore che sfida Donald Trump
Bragg è nato a Harlem ed è cresciuto a New York, la città che è anche dell'ex presidente

NEW YORK - Laureato a Harvard e il primo afroamericano procuratore di Manhattan. Alvin Bragg è l'uomo che sfida Donald Trump, colui che potrebbe incriminarlo per il pagamento da 130.000 dollari alla pornostar Stormy Daniels in cambio del suo silenzio sulla loro relazione.

Eletto nel 2021, Bragg è nato a Harlem ed è cresciuto a New York, la città che è anche dell'ex presidente. Nel corso della sua carriera si è occupato di casi di primo piano. Nel 2014 ha rappresentato la madre di Eric Garner, l'afroamericano ucciso dalla polizia, contro il New York Police Department. Oltre a essere stato il responsabile della supervisione del caso di Harvey Weinstein, l'ex re di Hollywood travolto dalle accuse di molestie.

Alla guida della procura di Manhattan Bragg ha preso il posto di Cyrus Vance, aspramente criticato per non aver avuto successo nel perseguire Trump, tema su cui Bragg si è impegnato personalmente da quando è stato eletto. Al ruolo di procuratore è stato scelto al termine di una campagna elettorale giocata sulla necessità di rendere le forze di polizia più responsabili delle loro azioni.

Una battaglia per lui personale visto che, ha raccontato più volte, quando aveva solo 15 anni un agente gli ha puntato una pistola alla testa. Un episodio che ha condizionato tutte le sue scelte, spingendolo a studiare giurisprudenza e a divenire un legale per la difesa dei diritti civili.

Da procuratore di Manhattan ha creato una 'Special Victims Division' dedicata ai reati sessuali e alla violenza domestica e ha rafforzato la 'Hate Crimes Unit' nel tentativo di riportare fiducia nelle forze dell'ordine.
 
 

COMMENTI
 

Mox 11 mesi fa su tio
Questo procuratore è corrotto fino al midollo ed ha già diversi capi d'accusa pendenti

Emib5 11 mesi fa su tio
Risposta a Mox
I casi, le prove?

Spartan555 11 mesi fa su tio
Classico burattino eletto con i soldi di Soros. Da notare che il dipartimento di giustizia USA e vari magistrati di alto livello sono arrivati alla conclusione che non era il caso di avviare una procedura per questa cosa (anche considerando che lo statute of limitation, è scaduto nel 2018), ma questo „genio“ decide di farlo, si capisce che, come si dice in inglese, questo è nient‘altro che un political hit job.

Fra Francesco 11 mesi fa su tio
Fanno di tutto per distruggere Trump, l’unico presidente che non ha mai iniziato una guerra.

Johnnybravo 11 mesi fa su tio
Risposta a Fra Francesco
Ma per favore... Dwight Eisenhower (in carica dal 1953 al 1961) che ha proseguito la guerra di Corea senza però iniziarne alcuna, Richard Nixon (1969-1974) che si è limitato a concludere – seppur tra le polemiche – la guerra del Vietnam. Gerald Ford (1974-1977), che non combattè alcuna guerra, ma che chiese al Congresso l’autorizzazione – negata – di iniziare un nuovo conflitto con il Vietnam. Nessuno di questi 3 ha iniziato una guerra... informati bene prima di scrivere inesattezze...

Johnnybravo 11 mesi fa su tio
Risposta a Johnnybravo
Peccato che il presidente-che-non-ha-mai-fatto-la-guerra sia quello che all’inizio di aprile del 2017, tre mesi dopo il suo ingresso alla Casa Bianca, ordinò il lancio di 59 missili Tomahawk contro il territorio siriano controllato dall’esercito di Assad. Doveva essere una ritorsione per l’uso di armi chimiche da parte del regime di Damasco, ma il bombardamento provocò la morte di molti civili. Poco più di un anno dopo, il 14 aprile del 2018, il raid fu ripetuto, stavolta con 105 missili e con un numero di vittime ancora più alto. Tutte e due le incursioni furono condannate dal Segretario generale dell’Onu...

Mox 11 mesi fa su tio
Risposta a Johnnybravo
E il premio Nobel abbronzato con 7 guerre all'attivo dove lo mettiamo?

Princi 11 mesi fa su tio
con i dollari comperi tutto anche un procuratore

Nikko 11 mesi fa su tio
Risposta a Princi
No, questo procuratore non mi sembra proprio comperabile…

Pensopositivo 11 mesi fa su tio
Risposta a Princi
Quello che "compra" é il Trump e questa volta non ci é riuscito...

Johnnybravo 11 mesi fa su tio
Risposta a Nikko
Comperabile?? Volevi dire comprabile, non in vendita, non acquistabile... Cmq sicuramente non lo è, sembrerebbe una persona con sani principi e ideali.
NOTIZIE PIÙ LETTE