Immobili
Veicoli

STATI UNITICaso Gabby Petito: l'autopsia non chiarisce le cause della morte di Brian Laundrie

27.10.21 - 13:02
La vicenda dei due giovani continua a far parlare di sé, e sono ancora molte le domande senza risposta
AFP
Caso Gabby Petito: l'autopsia non chiarisce le cause della morte di Brian Laundrie
La vicenda dei due giovani continua a far parlare di sé, e sono ancora molte le domande senza risposta
Le indagini proseguono su più fronti: la causa del decesso, il recupero del quaderno di Laundrie, il ruolo della famiglia

CHEYENNE - È ormai passata una settimana da quando è stato ritrovato il corpo di Brian Laundrie, l'allora fidanzato e compagno di viaggio di Gabby Petito, un ritrovamento che sembrava potesse mettere la parola fine ad un mistero durato mesi.

L'interesse pubblico sul caso è però ancora alto, e le domande senza una risposta sono ancora parecchie. In particolare dopo che il coroner ha dichiarato che l'autopsia sui resti di Laundrie ha portato a risultati «inconclusivi». Insomma, non è chiara la causa della sua morte.

Online, le teorie e le ipotesi - anche strampalate - hanno quindi iniziato a moltiplicarsi. Laundrie si è tolto la vita? Qualcuno l'ha ucciso? Potrebbe essere stato attaccato da un animale, come un alligatore, o è morto per cause naturali, magari di fame?

Una seconda autopsia?
I resti del 23enne sono intanto stati trasmessi ad un antropologo forense, ma secondo la dottoressa Kathy Reichs, anch'ella antropologa forense, le autorità potrebbero non scoprire mai come è morto il giovane.

L'esperta lo ha dichiarato all'International Business Times, spiegando che al momento le autorità sono probabilmente alla ricerca di segni di traumi e di impatti a livello osseo. Poi, anche l'ambiente circostante - con l'aiuto di un entomologo e un botanico - potrebbe suggerire qualcosa, ma nulla è garantito.

Intanto, le autorità hanno dovuto chiarire che i resti sono effettivamente quelli di Laundrie - lo ha confermato l'analisi dentale - dopo che numerose persone online ipotizzavano potessero essere di qualcun altro.

Quel quaderno inzuppato...
Una svolta potrebbe arrivare dagli effetti personali. Gli investigatori, accanto al corpo, hanno recuperato anche diversi oggetti personali di Laundrie, tra cui uno zaino e un quaderno, seppur zuppi. La zona in cui è stato trovato il cadavere era infatti sommersa dall'acqua, in precedenza, ciò che averebbe reso difficile localizzarlo. Una fonte a conoscenza delle indagini ha dichiarato alla CNN che il quaderno è «possibilmente recuperabile».

In un laboratorio dell'FBI, gli esperti stanno tentando di salvare il salvabile, asciugando le prove cartacee e cercando di recuperare la scrittura e i segni di inchiostro e potenzialmente le impronte digitali. Il taccuino potrebbe teoricamente includere informazioni come le motivazioni di Laundrie, i suoi sentimenti su Petito e altri appunti. Poco si sa anche su un hard disk trovato sul furgone bianco della coppia, riguardo al quale le autorità non hanno ancora condiviso dettagli.

Il ruolo della famiglia
Come riporta l'emittente statunitense MSNBC, ci sono anche diverse domande aperte sul ruolo della famiglia di Laundrie. Era a conoscenza di dove si trovava Laundrie, prima della sua scomparsa il 13 settembre? Ad aver lanciato altri dubbi il fatto che le forze dell'ordine abbiano setacciato la zona - senza successo - per più di cinque settimane, mentre la mattina in cui i genitori di Laundrie sono arrivati per aiutare nella ricerca, i resti del 23enne sono stati rapidamente trovati.

«Lo hanno aiutato a fuggire? Hanno aiutato a distruggere le prove?». Anche il procuratore di Palm Beach County, in Florida, Dave Aronberg si è chiesto venerdì durante una trasmissione dell'emittente CNN: i parenti di Brian Laundrie «cosa sapevano?».

«Capisco» che una chiusura del caso arriverà solo quando si giungerà alla conclusione sull'omicidio di Gabby Petito: l'ha uccisa lui? «L'ha fatto, o non l'ha fatto?». «Garantisco che» ha poi aggiunto Aronberg, «gli investigatori sentono un grande bisogno di trovare tutti i fatti fornire la verità, qualunque sia la verità, ad entrambe le famiglie».

NOTIZIE PIÙ LETTE