keystone-sda.ch / STR (Mahesh Kumar A)
Chiesto un piano da 50 miliardi di dollari per sconfiggere la pandemia e ripartire.
MONDO
02.06.2021 - 07:590

Un piano da 50 miliardi di dollari per ripartire dopo la pandemia

Lo caldeggiano i direttori di varie organizzazioni internazionali. Al centro ha la vaccinazione globale

GINEVRA / WASHINGTON - Un piano da 50 miliari di dollari (44,8 miliardi di franchi svizzeri), capace di generare ritorni economici globali per 9000 miliardi entro il 2025 e aumentare la capacità produttiva, l'offerta, i flussi commerciali e l'equa distribuzione di diagnostica, ossigeno, trattamenti, forniture mediche e vaccini.

È quanto hanno chiesto i direttori del Fondo monetario internazionale (Fmi) Kristalina Georgieva, del gruppo della Banca Mondiale (Bm) David Malpass, dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) Tedros Adhanom Ghebreyesus e dell'Organizzazione mondiale del commercio (Omc) Ngozi Okonjo-Iweala. L'appello arriva in conclusione dell'Assemblea mondiale della sanità e in concomitanza con gli incontri del G7.

I leader delle quattro agenzie internazionali hanno affermato: «Ormai è diventato abbondantemente chiaro che non ci sarà una ripresa su vasta scala senza una fine alla crisi sanitaria. L'accesso alla vaccinazione è fondamentale». La tabella di marcia da 50 miliardi è fondamentale per accelerare l'equa distribuzione dei dispositivi sanitari in tutto il pianeta, per fermare così il Sars-CoV-2 e le sue pericolose varianti. Allo stesso tempo questa sarà la base «per una ripresa veramente globale, nonché una maggiore sicurezza sanitaria».

Gli osservatori internazionali sottolineano come si tratti di un investimento relativamente modesto rispetto alle migliaia di miliardi spesi nei vari piani nazionali di sostegno e ripartenza. La particolarità di questa tabella di marcia è che funge da stimolo alla vaccinazione globale e colma il divario globale. «Aumentare la nostra ambizione e vaccinare più persone e più velocemente: l'Oms e i suoi partner Covax hanno fissato l'obiettivo di vaccinare circa il 30% della popolazione in tutti i paesi entro la fine del 2021», hanno affermato i quattro leader. «Ma si può raggiungere anche il 40% attraverso altri accordi e investimenti, e almeno il 60% entro la prima metà del 2022». 

Nel frattempo, l'Oms ha annunciato di aver approvato l'omologazione del vaccino anti-coronavirus Sinovac, dichiarando che gli standard d'efficacia e sicurezza sono rispettati.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-21 20:22:36 | 91.208.130.85