Keystone
GIAPPONE
07.05.2021 - 10:500

Verso le Olimpiadi: stato di emergenza prolungato e vaccini per gli atleti

Il Giappone si ritrova sotto pressione a causa del numero di casi che non accenna a diminuire.

Con Pfizer ha raggiunto un accordo per vaccinare gli sportivi e gli staff.

TOKYO - Il Giappone ce la sta mettendo tutta per riuscire ad organizzare in sicurezza i giochi olimpici. Ma sta facendo i conti con un diversi problemi. 

In primo luogo il numero di casi non diminuisce nonostante le misure importanti intraprese dal Paese in alcune zone. Tant'è che il mini lockdown, che doveva terminare l'11 maggio, sarà rinnovato. E verranno aggiunte altre zone in cui verranno messe in atto misure più severe. Ad esempio nelle prefetture di Tokyo, Osaka, Hyogo e Kyoto i ristoranti che servono alcolici così come i grandi negozi non potranno aprire al pubblico. In caso di mancato rispetto delle regole, le autorità potranno infliggere pesanti multe. 

Anche i provati cittadini sono colpiti dalle nuove misure: non potranno uscire di casa se non per necessità, ma come spiega il Guardian, l'analisi del traffico dimostra che le cose stanno diversamente. 

Il Giappone ha registrato da inizio pandemia 622'000 casi, e i casi giornalieri si attestano intorno ai 4'300, con una sessantina di morti al giorno. Anche se i casi a Tokyo negli ultimi giorni sono diminuiti, è anche vero che il periodo combaciava con le vacanze primaverili dette Golden Week, in cui le persone sono meno propense a farsi testare. Tra le città maggiormente colpite figura Osaka, dove i posti letto in cure intense sono ormai esauriti. 

Il Giappone è indietro anche con i vaccini. La campagna è iniziata solamente a metà febbraio, e prosegue lentamente. Solo il 2% della popolazione ha ricevuto almeno un'iniezione Pfizer, unico vaccino approvato nel paese, e gli operatori sanitari non sono ancora stati tutti vaccinati. 

Vaccino per gli atleti - Tuttavia il Paese vuole preservare le Olimpiadi, e ha stretto un accordo con Pfizer per vaccinare tutti gli atleti e i membri dello staff sportivo che non hanno già ricevuto il preparato. Si tratta di dosi aggiuntive, che non intaccano le forniture del Giappone. La vaccinazione non sarà obbligatoria, ma caldamente consigliata. 

Quel che è certo è che gli appassionati di Olimpiadi non potranno recarsi in Giappone per tifare i propri atleti. Ma non è ancora chiaro se i giapponesi potranno assistere alle gare. Una decisione verrà presa prossimamente. 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-21 06:45:25 | 91.208.130.86