Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch (ANSA/CLAUDIO PERI)
+14
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
50 min
Strage nella scuola in Texas, le reazioni si concentrano sulla questione delle armi
Da Barack Obama a Joe Biden, dal Papa fino a Matthew McConaughey, originario proprio di Uvalde
RUSSIA / SVIZZERA
1 ora
«Temo per la mia vita»
Boris Bondarev aveva rassegnato le sue dimissioni in segno di protesta contro l'aggressione all'Ucraina voluta da Putin.
STATI UNITI
2 ore
Pesante sconfitta in Georgia per Trump
Nelle primarie per la carica di governatore, il candidato sostenuto dall'ex presidente è stato sonoramente sconfitto.
SEGUI IL LIVE
UCRAINA
LIVE
Zelensky al WEF: «L'occidente è diviso di fronte alla Russia»
Nel frattempo Mosca ha annunciato di essere pronta al dialogo sulle forniture di grano dall'Ucraina
STATI UNITI
5 ore
Sparatoria alle elementari: almeno 19 i bambini morti
Si contano inoltre anche due vittime adulte. Il killer, il 18enne Salvador Ramos, era un ex allievo.
RUSSIA
6 ore
La sorte di chi ha deluso Putin
Spariti, silurati, arrestati: sono diversi i comandanti e politici al fianco dello "zar" che non si sono più visti
UNIONE EUROPEA
6 ore
Sempre più pesticidi pericolosi nella frutta europea
La denuncia arriva da un rapporto del Pesticide Action Network che ha analizzato quasi 100'000 campioni
STATI UNITI
13 ore
Sparatoria alle elementari: morti 14 bambini
School shooting in Texas. La strage è tra le più gravi nella storia recente degli Stati Uniti
SVIZZERA/MONDO
14 ore
«Parlare con Putin? Non vale la pena discutere con un malato»
Il sindaco di Kiev era ospite in remoto del Wef: «Ogni euro dato alla Russia è sporco di sangue ucraino»
ITALIA
14 ore
Vaiolo delle scimmie, un caso in Lombardia
È il primo, ed è stato diagnosticato all'ospedale Sacco di Milano
ITALIA
19.12.2020 - 20:190
Aggiornamento : 21:42

Natale in lockdown, ma oggi tutti a fare shopping

Roma, Milano e Napoli prese d'assalto dalla gente, tra spese e aperitivi

ROMA - La corsa all'ultimo weekend di shopping prima della zona rossa di Natale ha portato assembramenti un po' in tutte le città italiane, le stesse scene che avevano spaventato esperti e governo nel fine settimana precedente, spingendo a una stretta con diverse deroghe.

I contagi e le vittime del Covid sono ancora su cifre preoccupanti, ma un fiume di gente si è riversato in via del Corso a Roma - poi chiusa parzialmente al pari di piazza Navona - come al Vomero a Napoli, a cinque giorni dall'entrata in vigore delle nuove misure del decreto per le festività.

L'esodo che si temeva nelle stazioni e sulle autostrade invece non si è verificato, con i controlli straordinari già in funzione. Ma il giorno critico potrebbe essere lunedì 21 dicembre, quando non si potrà più spostarsi tra regioni ma sarà sempre consentito tornare alla residenza o al domicilio.

Gli italiani in vista del lockdown morbido, tra rosso e arancione, che durerà fino alla Befana si sono accalcati nelle strade per le compere che in tempi normali venivano distribuite nell'arco di parecchi giorni.

Nella capitale via del Corso, cuore del centro storico, è stata chiusa temporaneamente in un tratto per far defluire i pedoni, che stavano diventando decisamente troppi. I treni della metropolitana non sono stati fatti fermare alle stazioni nodali di Spagna e Flaminio per non intasare ancora di più le vie degli acquisti.

A Napoli invece caos nel quartiere elegante e in collina del Vomero, meta tradizionale dello shopping: strade intasate di automobili in coda e folla a piedi. «Un vero e proprio delirio prenatalizio», il commento di una residente, «inaudito in un periodo di pandemia». Impossibile mantenere il distanziamento, con file fuori dei negozi e dei bar per il caffè da asporto. E mentre il presidente della Regione Vincenzo De Luca ha deciso di mantenerla in zona arancione da domani, il sindaco del capoluogo Luigi de Magistris ha prima firmato e poi revocato, polemizzando con il governatore, un'ordinanza per la chiusura di strade e piazze in caso di assembramenti. Ennesimo conflitto tra le due autorità locali. La decisione di De Luca ha provocato la reazione dei ristoratori.

Anche a Milano folla in centro città per gli acquisti di Natale prima che scatti la zona rossa il 24. Gruppi di ragazzi nella zona di corso Como e in piazza Duomo, pieni i ristoranti all'ora di pranzo e affollati anche i tavoli all'aperto dei bar dell'aperitivo. Code si sono formate davanti a molti negozi, come in Galleria Vittorio Emanuele, il salotto della metropoli, dove la polizia locale regola gli ingressi in base a un'ordinanza del sindaco. In metropolitana per rispettare il contingentamento al 50% della capienza i tornelli di ingresso alle banchine sono stati chiusi (per alcuni minuti) 150 volte già entro le ore 16.

Scene analoghe in città più piccole come ad esempio Padova, dove la chiusura del centro alle auto nel weekend, per cercare di evitare l'assalto della settimana scorsa, ha provocato code di macchine nelle zone limitrofe. In Veneto è scattato il divieto di uscire dal comune dopo le ore 14, che durerà fino al 24 dicembre, quando anche questa regione, al primo posto da molti giorni per i nuovi contagi, sarà in zona rossa come il resto d'Italia.

I prossimi giorni diranno se l'esodo di Natale prima della chiusura avverrà in modo massiccio e quindi con maggiori rischi di diffusione del virus. Trasporti, shopping e cene con parenti e amici sono considerate le situazioni più a rischio per l'aumento dei contagi e la temuta terza ondata. I conti si faranno dopo le festività.

keystone-sda.ch (ANSA/CLAUDIO PERI)
Guarda tutte le 18 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-25 12:30:36 | 91.208.130.89