Keystone
NIGERIA
29.11.2020 - 15:570
Aggiornamento : 16:29

Almeno 43 contadini sgozzati da miliziani islamisti

Il bilancio del massacro potrebbe arrivare a 70 vittime. Il presidente nigeriano: «Omicidi insensati».

Il governatore del Borno: «La nostra gente deve decidere tra restare a casa e finire magari per morire di fame o andare nei campi e rischiare di essere uccisa dagli insorti».

MAIDUGURI - Almeno 43 persone sono state uccise da miliziani islamisti in un attacco iniziato sabato mattina in una risaia a una decina di chilometri da Maiduguri, capitale dello Stato nigeriano a maggioranza islamica del Borno. Le vittime erano degli agricoltori.

Come confermato ad Africanews da Babakura Kolo, responsabile di un gruppo pro-governativo locale, tutte le vittime finora rinvenute sono state sgozzate. Una trentina di loro è stata anche decapitata, riferisce Reuters, che segnala come il bilancio dei morti potrebbe salire a 70. Nell'area, infatti, molte persone risultano al momento scomparse.

Come riporta l'AFP, a perdere la vita sono stati dei braccianti giunti nel Borno dallo Stato del Sokoto, a circa mille chilometri da Maiduguri e anch'esso a maggioranza islamica. «La nostra gente è in una situazione molto difficile, costretta tra due estremi - ha dichiarato il governatore del Borno, Babagana Zulum -: da un lato, se restano a casa potrebbero morire di fame; dall'altro, vanno nei campi e rischiano di essere uccisi dagli insorti. È molto triste». 

Il presidente della Nigeria, Muhammadu Buhari, ha condannato «l'omicidio, per mano di terroristi, di questi contadini consacrati al loro lavoro»: «L'intero Paese è stato ferito da queste uccisioni insensate», ha sottolineato.

Il massacro ha avuto luogo in occasione delle elezioni amministrative locali, le prime dall'inizio dell'insurrezione jihadista. Venivano rimandate dal 2008. 

Benché nessuno abbia ancora rivendicato l'attentato, tutto lascia pensare che dietro ci sia il principale gruppo islamista del nord-est della Nigeria. «È senza dubbio opera di Boko Haram, che opera nella regione e attacca frequentemente gli agricoltori», assicura Babakura Kolo.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-27 02:47:43 | 91.208.130.89