GY/Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
BOSNIA ED ERZEGOVINA
21 min
Due morti in scontri tra migranti a Bihać
Nella località bosniaca si fermano migliaia di persone in marcia lungo la rotta balcanica.
FOTO E VIDEO
GRECIA
42 min
L'Acropoli di Atene brilla di nuova luce
Un nuovo sistema d'illuminazione rischiara il cuore della capitale greca. È a ridotto consumo e intensità variabile.
RUSSIA
1 ora
Navalny: «C'è Putin dietro il mio avvelenamento»
Accuse pesanti nei confronti del presidente russo
MONDO
1 ora
H&M: nel 2021 previste altre chiusure
Dovrebbero essere 250 i negozi coinvolti, il 5% del totale
ITALIA
1 ora
Cinghiali sull'autostrada, auto li investe: due morti e un ferito
L'incidente ha avuto luogo alle 3.40 sul tratto novarese dell'A26
ITALIA
1 ora
Lui 60 anni, lei 16: professore a processo
L'uomo si è innamorato tanto da chiedere il divorzio dalla moglie
SUDAFRICA
2 ore
Dopo sette mesi il Sudafrica riapre i confini
Restano vietati gli ingressi da circa 50 Stati che hanno ancora un alto tasso di contagi
STATI UNITI
2 ore
Purina si espande negli Usa
L'investimento sarà superiore ai 400 milioni di franchi
CANADA
3 ore
Un altro mese con le frontiere chiuse
Il confine terrestre con gli Usa, il più lungo del mondo, resterà sigillato fino al 21 ottobre
STATI UNITI
3 ore
Lo shutdown è stato evitato
Si tornerà a cercare un accordo sui conti dopo il voto di novembre
STATI UNITI
3 ore
American Airlines mette in congedo 19mila dipendenti
Se il Congresso dovesse estendere gli aiuti al settore dell'aviazione il provvedimento verrebbe immediatamente revocato
NUOVA ZELANDA
4 ore
Tra cannabis, clima, e bagni: si anima il dibattito neozelandese
La primo ministro Jacinda Ardern ha sfidato la leader del partito nazionale, Judith Collins
REGNO UNITO
12 ore
Troppe parolacce ai visitatori dello zoo, pappagalli spostati in un'area riservata
Il rischio era che la pratica si diffondesse anche agli altri uccelli del parco.
CANTONE / STATI UNITI
16.09.2020 - 07:000
Aggiornamento : 08:58

«Negli Stati Uniti gli afroamericani non hanno il monopolio della violenza, i poliziotti sì»

Parola di Gary Younge, esperto britannico di questioni razziali negli States che sarà a Bellinzona per Babel Festival

«C'è differenza se dei ragazzini si sparano e se, ad ammazzarti, sono dei poliziotti. Questo perché loro sarebbero incaricati di far rispettare la legge e proteggerti, gli altri sono dei criminali»

BELLINZONA - BELLINZONA - Appassionato attivista prima, poi giornalista per il Guardian, scrittore, studioso di sociologia e professore universitario. Il britannico Gary Younge è una voce tanto importante quanto forte per le questioni razziali negli Stati Uniti.

Con lui – che sarà ospite dell'edizione del Babel Festival di Bellinzona che aprirà i battenti questo 17 settembre – abbiamo voluto parlare del movimento, e dei moti di piazza, nati attorno alla figura di George Floyd.

Come studioso, giornalista e scrittore qual è la sua chiave di lettura delle rivolte negli States legati alle violenze della polizia?

L'America si trova in un momento storico molto volatile e potenzialmente esplosivo, è una cosa che va al di là della questione razziale, che però riassume bene questa sua instabilità. Anche prima del Covid-19 i redditi stagnavano da più o meno una generazione, poi è arrivata la pandemia che ha riportato tutto in recessione.

Dall'altro lato abbiamo un presidente che appoggia e rafforza i suprematisti bianchi. In questo contesto le violenze ai danni di George Floyd e Jacob Blake sono state, per le tensioni razziali, la proverbiale scintilla nella polveriera. Gli eventi in sé non sono nulla di fuori dagli schemi ma a renderli totemici è stato il contesto. 

Nel suo libro “Another day in the death of America” scrive della normalizzazione della violenza e delle morti nella comunità afroamericana. Com'è che, a un tratto, queste uccisioni hanno iniziato a catalizzare le attenzioni del mondo?

Il mio libro è ambientato dal giorno in cui è nato l'hashtag #BlackLivesMatter, ovvero quando George Zimmerman (il poliziotto che sparò a Trayvon Martin, ndr.) è stato scagionato, a quello in cui è diventato popolare, ovvero l'uccisione di Michael Brown a Ferguson.

Negli States sia la violenza sociale sia quella della polizia sono la normalità nelle comunità afroamericane. C'è però differenza se dei ragazzini di colore si sparano e se, ad ammazzarti, sono dei poliziotti. 

Questo perché loro sarebbero incaricati di far rispettare la legge e proteggere i cittadini ed è per questo ricevono le tasse, i criminali no. Negli Stati Uniti gli afroamericani non hanno il monopolio della violenza, i poliziotti sì. 

Secondo lei è possibile produrre un cambiamento da questo movimento di protesta? 

Sicuramente queste manifestazioni mostrano una gran voglia di cambiamento. Da sole però non basteranno. Questo si ottiene attraverso un insieme di elementi: maggiore percezione della problematica, cambio dell'elettorato e della leadership politica così come delle leggi. I moti di piazza sono solo una parte del tutto.

La vera sfida è quella di riuscire a fare breccia in un sistema basato sulla supremazia dell'uomo bianco: gli Stati Uniti sono stati una nazione schiavista per 250 anni poi per 100 anni c'è stato un regime di apartheid. Nominalmente è una democrazia non-razziale solo da 60 anni.

Oltre alle diseguaglianze storiche, bisognerà affrontare anche quelle economiche: saranno necessari grossi investimenti e ridistribuzioni di ricchezza. E in un sistema capitalistico come quello americano non sarà affatto ovvio.

Arrivare più in alto ma anche cadere più in basso

Si sente spesso parlare di afroamericani ma quasi mai di... “afrobritannici”, eppure la presenza di colore nel Regno Unito esiste e anche quella si è mobilitata al grido di «Black Lives Matter».

Eppure i due gruppi non potrebbero essere più diversi: «Negli Stati Uniti la presenza di donne e uomini origini africane ha una storia più lunga e questo si riflette in una presenza maggiore nella classe media e un maggior coinvolgimento nelle istituzioni», spiega Younge.

«Nel Regno Unito, sebbene persone di colore ci siano sempre state sin dai tempi dei romani, il numero è aumentato solamente dopo la seconda guerra mondiale. Quindi siamo pochi, poco rappresentati e con una classe media più ristretta». Grande differenza, però, la fa il contesto sociale: «Per quanto riguarda il sottoproletariato nel Regno Unito siamo messi un po' meglio. Negli States non c'è welfare e il tasso d'incarcerazione degli afroamericani è elevatissimo. Come persona di colore, in America puoi arrivare molto più in alto, ma anche cadere molto più in basso»

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-01 10:46:41 | 91.208.130.87