GY/Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
Italia
1 ora
Le mafie stanno sfruttando l'emergenza Covid per arricchirsi
L'Antimafia lancia un appello ai governi: «Bisogna far fronte comune e trattare questa emergenza come quella sanitaria»
STATI UNITI
1 ora
Un muro di automobili per fermare i migranti
L'idea è arrivata dal Governatore dello Stato, Greg Abbott
LOMBARDIA
1 ora
Un Re africano in visita a Milano
È quanto avvenuto ieri con l'arrivo di Re David Tchiffy, presidente dell'Associazione Unione dei Regni d’Africa
GERMANIA
3 ore
Se non sei vaccinato e finisci in quarantena, il datore non deve pagarti
In Germania sarà così dal 1 novembre, conferma il Governo. Il motivo è che «esiste un vaccino che funziona»
STATI UNITI
3 ore
«Il 70% del mondo vaccinato, per questo doniamo 1 miliardo di dosi»
La promessa degli Stati Uniti, ai margini dell'assemblea dell'Onu
AFGHANISTAN
3 ore
I talebani: «Fateci parlare alle Nazioni Unite»
Suhail Shaheen avrà il ruolo di esporre il punto di vista talebano nello scenario internazionale
Francia
4 ore
A tutto gas esilarante sugli Champs-Élysées, investe cinque persone
Il sindaco dell'VIII arrondissement chiede di rivedere il codice della strada con divieto di consumo del gas alla guida
FOTO
SPAGNA
5 ore
La colata alta 12 metri inghiotte tutto: «Vediamo le case sparire davanti ai nostri occhi»
In diversi comuni di la Palma è una corsa contro il tempo per salvare il salvabile dalle abitazioni, ormai condannate
LE FOTO
AUSTRALIA
6 ore
A Melbourne trema la terra, e anche la società
Giornata calda a Melbourne: prima, una scossa di terremoto di magnitudo 5.8, poi, le proteste in piazza
STATI UNITI
8 ore
Trump fa causa alla nipote, e al New York Times
Nel mirino dell'ex Presidente il reportage sulla sua situazione finanziaria, pubblicato nel 2018
STATI UNITI
9 ore
La triste conferma: il corpo ritrovato è quello di Gabby Petito
L'FBI ha confermato che si tratta della 22enne, e anche che si presume si tratti «di omicidio»
MONDO
15 ore
Vaccini, «pesano più i profitti o le vite umane?»
L'accusa ai leader della farmaceutica da parte di Amnesty International, che ha pubblicato un rapporto a riguardo
GERMANIA
18 ore
Presunta presa d'ostaggi su un autobus: un arresto
Durante l'operazione è stato chiuso un tratto dell'autostrada A9
CANTONE / STATI UNITI
16.09.2020 - 07:000
Aggiornamento : 08:58

«Negli Stati Uniti gli afroamericani non hanno il monopolio della violenza, i poliziotti sì»

Parola di Gary Younge, esperto britannico di questioni razziali negli States che sarà a Bellinzona per Babel Festival

«C'è differenza se dei ragazzini si sparano e se, ad ammazzarti, sono dei poliziotti. Questo perché loro sarebbero incaricati di far rispettare la legge e proteggerti, gli altri sono dei criminali»

BELLINZONA - BELLINZONA - Appassionato attivista prima, poi giornalista per il Guardian, scrittore, studioso di sociologia e professore universitario. Il britannico Gary Younge è una voce tanto importante quanto forte per le questioni razziali negli Stati Uniti.

Con lui – che sarà ospite dell'edizione del Babel Festival di Bellinzona che aprirà i battenti questo 17 settembre – abbiamo voluto parlare del movimento, e dei moti di piazza, nati attorno alla figura di George Floyd.

Come studioso, giornalista e scrittore qual è la sua chiave di lettura delle rivolte negli States legati alle violenze della polizia?

L'America si trova in un momento storico molto volatile e potenzialmente esplosivo, è una cosa che va al di là della questione razziale, che però riassume bene questa sua instabilità. Anche prima del Covid-19 i redditi stagnavano da più o meno una generazione, poi è arrivata la pandemia che ha riportato tutto in recessione.

Dall'altro lato abbiamo un presidente che appoggia e rafforza i suprematisti bianchi. In questo contesto le violenze ai danni di George Floyd e Jacob Blake sono state, per le tensioni razziali, la proverbiale scintilla nella polveriera. Gli eventi in sé non sono nulla di fuori dagli schemi ma a renderli totemici è stato il contesto. 

Nel suo libro “Another day in the death of America” scrive della normalizzazione della violenza e delle morti nella comunità afroamericana. Com'è che, a un tratto, queste uccisioni hanno iniziato a catalizzare le attenzioni del mondo?

Il mio libro è ambientato dal giorno in cui è nato l'hashtag #BlackLivesMatter, ovvero quando George Zimmerman (il poliziotto che sparò a Trayvon Martin, ndr.) è stato scagionato, a quello in cui è diventato popolare, ovvero l'uccisione di Michael Brown a Ferguson.

Negli States sia la violenza sociale sia quella della polizia sono la normalità nelle comunità afroamericane. C'è però differenza se dei ragazzini di colore si sparano e se, ad ammazzarti, sono dei poliziotti. 

Questo perché loro sarebbero incaricati di far rispettare la legge e proteggere i cittadini ed è per questo ricevono le tasse, i criminali no. Negli Stati Uniti gli afroamericani non hanno il monopolio della violenza, i poliziotti sì. 

Secondo lei è possibile produrre un cambiamento da questo movimento di protesta? 

Sicuramente queste manifestazioni mostrano una gran voglia di cambiamento. Da sole però non basteranno. Questo si ottiene attraverso un insieme di elementi: maggiore percezione della problematica, cambio dell'elettorato e della leadership politica così come delle leggi. I moti di piazza sono solo una parte del tutto.

La vera sfida è quella di riuscire a fare breccia in un sistema basato sulla supremazia dell'uomo bianco: gli Stati Uniti sono stati una nazione schiavista per 250 anni poi per 100 anni c'è stato un regime di apartheid. Nominalmente è una democrazia non-razziale solo da 60 anni.

Oltre alle diseguaglianze storiche, bisognerà affrontare anche quelle economiche: saranno necessari grossi investimenti e ridistribuzioni di ricchezza. E in un sistema capitalistico come quello americano non sarà affatto ovvio.

Arrivare più in alto ma anche cadere più in basso

Si sente spesso parlare di afroamericani ma quasi mai di... “afrobritannici”, eppure la presenza di colore nel Regno Unito esiste e anche quella si è mobilitata al grido di «Black Lives Matter».

Eppure i due gruppi non potrebbero essere più diversi: «Negli Stati Uniti la presenza di donne e uomini origini africane ha una storia più lunga e questo si riflette in una presenza maggiore nella classe media e un maggior coinvolgimento nelle istituzioni», spiega Younge.

«Nel Regno Unito, sebbene persone di colore ci siano sempre state sin dai tempi dei romani, il numero è aumentato solamente dopo la seconda guerra mondiale. Quindi siamo pochi, poco rappresentati e con una classe media più ristretta». Grande differenza, però, la fa il contesto sociale: «Per quanto riguarda il sottoproletariato nel Regno Unito siamo messi un po' meglio. Negli States non c'è welfare e il tasso d'incarcerazione degli afroamericani è elevatissimo. Come persona di colore, in America puoi arrivare molto più in alto, ma anche cadere molto più in basso»

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-22 17:47:18 | 91.208.130.87