Immobili
Veicoli

FRANCIAEcco gli otto ricercati più pericolosi e temuti al mondo

13.08.20 - 07:02
Si sente spesso parlare di Interpol ma in pochi conoscono il lavoro che c'è dietro questa grande organizzazione.
Interpol
FRANCIA
13.08.20 - 07:02
Ecco gli otto ricercati più pericolosi e temuti al mondo
Si sente spesso parlare di Interpol ma in pochi conoscono il lavoro che c'è dietro questa grande organizzazione.

LIONE - Si tratta infatti di una rete che conta 192 paesi membri grazie al lavoro di oltre 650 dipendenti. Costituita nel 1923 a Vienna, l’organizzazione di polizia criminale è ora diventata una rete operante in quasi tutto il mondo con il cuore organizzativo a Lione, in Francia. Il suo compito principale è quello di diffondere informazione di polizia alle forze dell’ordine di tutte le altre nazioni, gestire le banche dati e supportare il lavoro degli Stati che ne fanno parte sotto il profilo operativo. L’obiettivo primario è dunque quello di facilitare la cooperazione internazionale delle forze di polizia. Il suo principale focus nel corso del tempo è stato quello di coordinare i casi di persone ricercate o scomparse. L’organizzazione dirama delle “red notice”, un’allerta internazionale che riguarda una persona ricercata con i dettagli relativi al paese che l’ha richiesta, oltre che a una serie d'informazioni sull’individuo.

Interpol

Matteo Messina Denaro
Nato nel 1962 in Sicilia, e legato a Cosa Nostra, Messina Denaro è considerato uno dei latitanti più ricercati e pericolosi al mondo. Soprannominato ‘U siccu (il magro) o Diabolik, è latitante dal 1993. Avrebbe fatto ricorso alla chirurgia plastica per essere irriconoscibile. Per gli inquirenti è il capo assoluto di Cosa Nostra.

 

 

Interpol

James Michael Kelly
Il 57enne irlandese è ricercato dalla National Crime Agency del Regno Unito con le accuse di rapimento e di traffico di droga. Particolarmente cruente le accuse che riguardano il rapimento di Anthony Joy, un socio di Kelly, che sarebbe stato torturato per cinque giorni versandogli acqua bollente sulla testa e usando una fiamma ossidrica.

 

 

 

Interpol

Jessica Edosomwan
Il crimine non è un’attività solo maschile come dimostra Jessica Edosomwan, nigeriana di 26 anni, considerata come la donna più ricercata in Europa e sotto processo a Lione in Francia. La donna è accusata di traffico di esseri umani nel tentativo di “importare” delle donne nigeriane in Europa per poi costringerle alla prostituzione. 

 

 

 

Interpol

Foco Tibor
In latitanza dal 1995, il 64enne austriaco è stato condannato a scontare l’ergastolo nel 1987 per l’omicidio di una prostituta avvenuto l’anno prima. Il 27 aprile del 1995, l’uomo è riuscito a evadere approfittando in un congedo per studio. Sulla sua testa c’è anche una taglia di 20mila euro della Criminal Intelligence Service Austria.

 

 

 

 

 

Interpol

Burkhard Garweg
Del 52enne tedesco c’è solo una foto “presunta” in quanto non è mai stato arrestato dalla polizia tedesca. Sulla sua testa pendono numerosi capi di accusa per rapine a portavalori avvenute tra il 1999 e il 2016 insieme ad altri due complici. Anche su di lui è stata messa una taglia da 80mila euro per chiunque avesse informazioni.

 

 

 

 

 

Interpol

Aleks Burrell
L’albanese Burrell è ricercato per triplice omicidio. L’episodio è avvenuto il 23 giugno del 2016 quando l’uomo, con un complice, è entrato in un ristorante ed ha fatto fuoco con un’arma automatica uccidendo un imprenditore, un poliziotto e sua moglie in presenza dei loro figli minorenni, e ferendo gravemente altre due persone.

 

 

 

 

Interpol

Diego Moreno Jimenez
Lo spagnolo di 41 anni è considerato uno dei ricercati più pericolosi presenti in questa lista. Jimenez faceva parte di una organizzazione criminale dedita al traffico di droghe, all’omicidio e al rapimento. Il gruppo criminale rubava la cocaina ad altre organizzazioni malavitose in situazione estremamente violente.

 

 

 

 

 

Interpol

Karim Ouali
Il francese Karim Ouali è ricercato in Francia con l’accusa di aver ucciso con un’ascia nell’aprile del 2011 un collega mentre lavorava come controllore del traffico aereo allo scalo Basilea-Mulhouse-Friburgo. L’uomo aveva gravi problemi psicologici con manie di persecuzione. L’ultimo avvistamento è avvenuto a Hong Kong. 

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO