Immobili
Veicoli

AUSTRALIAGli incendi hanno ucciso, o fatto scappare, tre miliardi di animali selvatici

28.07.20 - 12:19
La stima è stata calcolata da alcuni ricercatori dell'Università di Sydney
Archivio Keystone
Gli incendi hanno ucciso, o fatto scappare, tre miliardi di animali selvatici
La stima è stata calcolata da alcuni ricercatori dell'Università di Sydney
I più colpiti sarebbero i rettili, che avrebbero subito perdite per oltre due miliardi di unità

SYDNEY - Si stima che quasi 3 miliardi di koala, canguri e altre specie animali siano rimasti uccisi, siano stati salvati all'ultimo o siano scappati a causa degli incendi avvenuti a cavallo tra il 2019 e il 2020 in Australia.

Lo riferisce uno studio, finanziato da WWF Australia e riportato dal portale Abc, che aggiorna e triplica la stima precedente, che si fermava a 1 miliardo.

I ricercatori ritengono che gli unici disastri naturali paragonabili agli incendi di quest'anno (nella storia recente) siano le fuoriuscite di petrolio in Alaska e nel Golfo del Messico. «È inconcepibile che così tanti animali siano dovuti morire o siano stati costretti a spostarsi», ha detto il professor Chris Dickman, dell'Università di Sydney, coordinatore della ricerca.

Lo studio non ha distinto i decessi dagli spostamenti, questo poiché è troppo complicato stimare quanti animali siano effettivamente riusciti a fuggire. 

L'aggiornamento delle stime è stato effettuato considerando questa volta anche gli incendi al di fuori del Nuovo Galles del Sud, perciò anche nelle altre regioni colpite, ed estendendo l'analisi a un numero maggiore di specie, tra cui pipistrelli e rane.

I rettili i più colpiti - Il team di 10 scienziati di diverse università del paese ha esaminato l'impatto degli incendi su mammiferi, rettili, uccelli e rane. In totale, sono stati toccati 143 milioni di mammiferi, 2,46 miliardi di rettili, 180 milioni di uccelli, e 51 milioni di rane.

Per calcolare le cifre, i ricercatori hanno stimato la densità degli animali in ogni luogo in cui le fiamme hanno lasciato la loro devastante scia, moltiplicandola per l'intera superficie bruciata.

Dickman ha anche ribadito la difficoltà di effettuare simili stime, in particolare a causa degli effetti a lungo termine. «Potrebbero passare settimane o addirittura mesi prima che le popolazioni di particolari specie scompaiano perché trovate e cacciate da predatori selvatici, o a causa dell'improvvisa assenza delle loro tipiche risorse alimentari».

Il professor Dickman ha detto di non avere «alcun dubbio» che alcune specie saranno portate all'estinzione.

Un evento distruttivo - «Non sono a conoscenza di un altro evento con un impatto simile sulla fauna selvatica australiana», ha detto Lily van Eeden, autrice principale dello studio dell'Università di Sydney. «Se pensiamo ad accadimenti che hanno portato a mortalità di massa degli animali, non mi viene in mente nulla di paragonabile».

Guardando più in generale ad altri tipi di catastrofi naturali, Dickman ha detto che solo le fuoriuscite di petrolio come la Exxon Valdez nel 1989 o la fuoriuscita di Deepwater Horizon della BP nel 2010 potrebbero aver avuto delle conseguenze simili.

Riscaldamento globale - Il professor Dickman ha inoltre detto che, a causa del surriscaldamento globale, è «molto probabile che avremo sempre più spesso degli incendi di questo genere».

«Credo che abbiamo scatenato il demone del cambiamento climatico», ha spiegato. I risultati sono stati pubblicati come rapporto intermedio prima della "peer review" (revisione paritaria), in parte per ottenere il contributo di altri esperti del settore.

«Ma nel complesso, penso che i numeri principali, quelli veramente grandi, non cambieranno di molto» ha concluso Dickman.

COMMENTI
 
sedelin 2 anni fa su tio
:-((((((((((
seo56 2 anni fa su tio
Tristezza:-(
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO