Keystone
Il Cancelliere austriaco Sebastian Kurz.
AUSTRIA
29.05.2020 - 16:200

L'Austria ritocca l'obbligo delle mascherine

Non saranno più obbligatorie nei luoghi pubblici, ma solo dove non si può rispettare la distanza sociale

VIENNA - L'Austria ha deciso di revocare a partire dal 15 giugno l'obbligo di indossare le mascherine nei luoghi pubblici. Lo ha annunciato il cancelliere Sebastian Kurz, visto il buon andamento epidemiologico.

Le mascherina andranno indossate solo sui mezzi pubblici, nel settore sanitario (ospedali, residenze sanitarie assistenziali e farmacie) e per i servizi dove non si può rispettare la distanza minima di un metro, come per esempio dai parrucchieri. Anche per i camerieri l'obbligo per il momento resta in vigore.

Inoltre, da metà giugno l'orario di chiusura di bar e ristoranti sarà prolungato dalle ore 23 all'1 di notte. Decade anche il numero massimo di 4 commensali per ogni tavolo.

Già da oggi è invece nuovamente in funzione il famoso parco di divertimento Prater. Da questa mattina la grande ruota panoramica gira nuovamente. «La ruota gira, gli alberghi aprono e lentamente torna la vita», ha commentato il sindaco di Vienna Michael Ludwig.

L'Austria, che il 15 giugno aprirà definitivamente i confini con Germania, Liechtenstein e Svizzera, cerca anche accordi con altri Stati per consentire agli austriaci il rientro senza i 14 giorni di quarantena.

«La situazione in Italia è quella più difficile. Cerchiamo comunque a breve una soluzione. I dettagli non saranno presentati prima di mercoledì», ha precisato il cancelliere Sebastian Kurz.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Mag 4 mesi fa su tio
Le mascherine non servono nei luoghi dove posso essere garantite le distanze e un ricambio d'aria senza stagnazione: lo sanno anche i sassi e quindi pensate a quanto son dure le teste di chi vorrebbe la mascherina dappertutto. Per non parlare dei guanti: nessuno si lava i guanti ogni volta che tocca qualcosa in giro, come invece avviene per le mani nude.
Mah916 4 mesi fa su tio
Mascherine infette gettate nei rifiuti comuni (e non come correttamente dovrebbero essere smaltite, rifiuti speciali o ospedalieri), cestini pubblici, cassonetti o per terra magari.. Consigliare l'uso delle mascherine e' stato veramente d'aiuto per il virus bravi!
Mah916 4 mesi fa su tio
Le mascherine infette sono rifiuti speciali o ospedalieri, che succede quando qualcuno la getta in un cestino pubblico, in un negozio o magari per terra? Chi non sa di essere infetto non puo' prendere l'iniziativa di smaltirle correttamente... quindi le mascherine porteranno ad una diffusione indiretta del virus.. Non si potrebbe fare una indagine?
Patrick Cristina Ritter 4 mesi fa su fb
Otto Austria arriviamo
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-24 02:57:14 | 91.208.130.89