Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
FOTO / VIDEO
MYANMAR
7 min
L'enorme frana che ha travolto i minatori
L'enorme smottamento delle scorse ore in Myanmar ha provocato almeno 113 vittime
CINA
46 min
I focolai di Pechino «collegati al sudest asiatico»
È quanto emerge da uno studio effettuato da un gruppo di ricercatori dell'Università di Harvard
MYANMAR
2 ore
Frana in una miniera di giada, i morti salgono a 113
Il cedimento è avvenuto a causa delle forti piogge
STATI UNITI
3 ore
Bezos sempre più "Paperone"
Il valore del patron di Amazon? Ben 171,6 miliardi di dollari
Cronaca
3 ore
Il Covid mette in ginocchio l'America
La pandemia cresce ancora in Brasile, con oltre 70mila nuovi contagi e più di 2400 morti
BOTSWANA
13 ore
Una misteriosa grande moria di elefanti
È quella che attanaglia lo stato africano del Botswana, ad oggi sono morti 350 esemplari e nessuno sa il perché
STATI UNITI
13 ore
C'è un gruppo di repubblicani vicini a George W. Bush che sostiene Joe Biden
E vuole mobilitare i repubblicani delusi dall'operato di Donald Trump: «Il partito ora è un culto della personalità»
STATI UNITI
16 ore
Tesla supera Toyota in borsa: è la regina del mondo dell'auto
Il sorpasso arriva a ridosso del suo decimo anniversario, quella di Elon Musk è davvero una scommessa vinta
STATI UNITI
16 ore
Una ragazza tenta di togliergli la bandiera nazista dal giardino, lui le spara nella schiena
È successo in Oklahoma. L'uomo, un 44enne, è stato arrestato. La 26enne, trovata in un fosso, è sopravvissuta
STATI UNITI
16 ore
Trump ha approvato il ritiro di 9'500 soldati dalla Germania
Una parte dei militi potrebbe essere stanziata in Polonia
GERMANIA
18 ore
È morto Georg Ratzinger, fratello del Papa emerito
Aveva 96 anni ed era malato da tempo
MONDO
18 ore
Coronavirus? «Finora, nessuna mutazione»
Lo ha detto il responsabile dell'OMS Abdinasir Abubakar
BRASILE
19 ore
Il Brasile si blinda, vietato l'ingresso nel Paese
Il Sindaco della città di Manaus è nel frattempo ricoverato in ospedale
REGNO UNITO
21 ore
Ristorazione in crisi nera: 5'000 posti di lavoro a rischio
La pandemia in Gran Bretagna sta avendo un «impatto senza precedenti»
AUSTRALIA
21 ore
Melbourne: 300'000 persone di nuovo in lockdown
L'aumento di casi di Covid-19 nello Stato di Victoria ha alzato la preoccupazione delle autorità
FOTO
REPUBBLICA CECA
22 ore
Un lungo "cenone d'addio" per il coronavirus
Una tavolata di 500 metri, centinaia di persone e nessun distanziamento. È accaduto a Praga
STATI UNITI
23 ore
Weinstein, 19 milioni di dollari alle vittime
Il fondo sarà distribuito anche tra le ex dipendenti della Weinstein Company
CINA
1 gior
Hong Kong, finora eseguiti più di 30 arresti
Gli addebiti vanno dalla manifestazione illegale alla violazione della nuova legge sulla sicurezza nazionale
STATI UNITI
1 gior
Svolta in Mississippi: addio alla storica bandiera
Il motivo? Troppo legata ai simboli confederati. In 15 giorni dovrà essere "rimossa"
PAKISTAN
1 gior
Piloti con false licenze, Pakistan Airline sospesa dai cieli dell'Ue
La misura entra in vigore oggi, e durerà almeno per sei mesi
STATI UNITI
08.04.2020 - 17:410

La perdita delle foreste sarebbe una delle cause di trasmissione dei virus all'uomo

A sostenerlo una ricerca dell'Università di Stanford

STANFORD - Virus che passano dagli animali all'uomo, come accaduto per il nuovo coronavirus, saranno sempre più comuni fin quando l'uomo continuerà a trasformare gli habitat naturali in terreni agricoli. A dirlo sulla rivista Landscape Ecology è uno studio dell'università di Stanford.

L'analisi mostra come la perdita di foresta tropicale in Uganda abbia messo le persone più a rischio di interazione fisica con i primati selvatici e i loro virus. «La combinazione di grandi cambiamenti ambientali, come la deforestazione, e la povertà possono scatenare una pandemia globale», spiega Laura Bloomfield, coordinatrice dello studio.

L'uomo finora ha convertito circa la metà del suolo terrestre in terreno agricolo. Ciò che rimane, fuori dai parchi e riserve protette, sono piccole isole in un mare di terreni agricoli e aree dove le coltivazioni penetrano nelle foreste. In Uganda questa situazione ha portato moltissime persone a concentrarsi al bordo delle foreste, aumentando la condivisione degli spazi e lotta per lo stesso cibo con i primati. Cosa che aumenta la possibilità di trasmissioni di malattie dagli animali all'uomo, come accaduto per l'Hiv.

Secondo i ricercatori delle piccole zone-tampone, come quelle ricavate con i progetti di riforestazione o le coltivazioni di alberi, intorno alle foreste ricche di biodiversità, potrebbero aiutare a ridurre la probabilità di interazione tra uomini e primati.

Dello stesso avviso un altro studio dell'università della California di Davis, pubblicato sulla rivista Proceedings of the Royal Society B: Biological Science, secondo cui sono tre i gruppi di mammiferi portatori di virus più a rischio di "saltare" all'uomo: le specie addomesticate (quali il bestiame), i primati e i pipistrelli.

Tra le specie selvatiche minacciate dall'uomo per la perdita dell'habitat, ve ne sono alcune la cui popolazione è molto cresciuta negli anni e si è adattata agli ambienti dominati dall'uomo, come pipistrelli e roditori.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pulp 2 mesi fa su tio
Teoria interessante o bislacca? Non so, non sono in grado di competere con i ricercatori menzionati, però una piccola costatazione: Immaginatevi di tornare nel medioevo e fare leggere le notizie odierne sull'emergenza sanitaria da coronavirus. In particolare dove si legge che la media dei deceduti é di 78 anni. Sapete cosa vi direbbe l'interlocutore medievale? Semplice, direbbe: ma davvero c'é così tanta gente che vive più di 70 anni nel mondo che verrà? Meditate gente, meditate
Galium 2 mesi fa su tio
Il problema deve essere indubbiamente approfondito, ma non aiuta certo il livello miserevole di certi commenti che negano a priori qualsiasi correlazione
Patricia Widy 2 mesi fa su fb
Ma cosa pensano di poter comandare il pianeta come vogliono !!! Se la natura si ribella vedi che bordello non si fermerà solo alla corona ma si riprenderà il reame
VECCHIOTTO 2 mesi fa su tio
Per favore restiamo con i piedi per terra e non raccontiamo stupidate
Galium 2 mesi fa su tio
@VECCHIOTTO Stupidate? Cominciamo ad approfondire invece di insultare chi dà notizie non gradite, soprattutto se si tratta di persone qualificate
Pierpaolo Lai 2 mesi fa su fb
Ma non era colpa del 5 g..? Ah no..
Alessandro Vilei 2 mesi fa su fb
😂😂😂😂😂 qualsiasi cosa porta il virus...le piante, il 5g, l’asteroide...smettetela che poi la gente ci crede!
Jettero Heller 2 mesi fa su fb
Speriamo veramente che si diano una mossa a livello mondiale contro lo strapotere delle multinazionali, e che gli abbassino un po' la cresta. Ci vorrebbe un tribunale mondiale che funzioni per sbattere in galera capi di stato corrotti e compagnia bella per crimini contro la natura e quindi contro l'imanità.
Gilda Bergonzoli 2 mesi fa su fb
Jettero Heller certo ma le multinazionali cosa fanno? Producono cose che noi consumiamo. Pertanto in quanto consumatori siamo tutti responsabili. Se non vi fosse un consumo spropositato di beni assolutamente non necessari ma soprattutto in quantità non necessarie, non sussisterebbe il bisogno di espropriare ogni singolo terreno disponibile.
Jettero Heller 2 mesi fa su fb
Gilda Bergonzoli I produttori è normale che facciano richieste fuori misura e norma a loro vantaggio, a questo servono poi i politici per regolare e vigilare, certo che se sono corrotti tutto il sistema collassa, è questa la grande sfida mondiale futura, sono i politici corrotti che metterei in galera, pene pesanti però, no roba all'italiana.
Gilda Bergonzoli 2 mesi fa su fb
Jettero Heller certo, ma alla fine dei conti se tutto si basa sul consumo... se non vi è più chi consuma questo sistema avrebbe vita breve.
Maurizio Roggero 2 mesi fa su fb
Beh ovvio, siamo definitivamente troppi su questo pianeta!
Claudio Trabattoni 2 mesi fa su fb
Quante piante tagliano nelle citta' per il 5g?
Ginettaccio Gino 2 mesi fa su fb
...Appunto...a Wuhan avevano appena tagliato un bosco e poi è partito il virus.....ma perpiasè....
Irina Cattan 2 mesi fa su fb
E lo capiscono solo adesso? Nel frattempo hanno ucciso quelli difendevano la natura 😭
Helene Piffero 2 mesi fa su fb
Bene adesso i conti tornano !!!
Barbara Paganetti 2 mesi fa su fb
Certo coprire terra con cemento nn aiuta ! Magari piano regolatore : ogni palazzo dottato stesso metraggio di verde , alberi e .... altro , respiriamo tutti ! 🤷🏼‍♀️😤💪🏽
miba 2 mesi fa su tio
Mah....sarà poi vero o fa parte delle tonnellate di bufale che circolano di questi tempi?
Lusis Gigio Amuraa 2 mesi fa su fb
Ma per piacere se non sapete più cosa scrivere state a casa con le vostre famiglie! Giornalisti e scienziati
Gilda Bergonzoli 2 mesi fa su fb
Lusis Gigio Amuraa mi farebbe piacere se potesse argomentare la sua opinione in merito all'articolo. Sarei veramente curiosa di sapere come quanto scritto nell'articolo possa creare disappunto.
Marc Franceschi 2 mesi fa su fb
Poi per la cronaca il virus ha una grandissima resistenza su carta e legno... però sicuramente è come dite voi
Davide Tedoldi 2 mesi fa su fb
Quante cavolate anche le scoregge trasmettono il virus ????
Matteo Lavizzari 2 mesi fa su fb
no se puzzano trasmettono altro 🤣🤣🤪🤪🤪
Davide Tedoldi 2 mesi fa su fb
Matteo Lavizzari le mie sono all’acqua di rosa
Matteo Lavizzari 2 mesi fa su fb
Davide Tedoldi immagino 🤣🤣🤣
Davide Tedoldi 2 mesi fa su fb
Matteo Lavizzari 😂😂😂😂😂😂
Francesco Lopez 2 mesi fa su fb
Ora l'avete sparata grossa. Abbandono la pagina.
Marc Franceschi 2 mesi fa su fb
Francesco Lopez fai bene
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-02 10:58:20 | 91.208.130.85