Keystone
STATI UNITI
08.04.2020 - 17:410

La perdita delle foreste sarebbe una delle cause di trasmissione dei virus all'uomo

A sostenerlo una ricerca dell'Università di Stanford

STANFORD - Virus che passano dagli animali all'uomo, come accaduto per il nuovo coronavirus, saranno sempre più comuni fin quando l'uomo continuerà a trasformare gli habitat naturali in terreni agricoli. A dirlo sulla rivista Landscape Ecology è uno studio dell'università di Stanford.

L'analisi mostra come la perdita di foresta tropicale in Uganda abbia messo le persone più a rischio di interazione fisica con i primati selvatici e i loro virus. «La combinazione di grandi cambiamenti ambientali, come la deforestazione, e la povertà possono scatenare una pandemia globale», spiega Laura Bloomfield, coordinatrice dello studio.

L'uomo finora ha convertito circa la metà del suolo terrestre in terreno agricolo. Ciò che rimane, fuori dai parchi e riserve protette, sono piccole isole in un mare di terreni agricoli e aree dove le coltivazioni penetrano nelle foreste. In Uganda questa situazione ha portato moltissime persone a concentrarsi al bordo delle foreste, aumentando la condivisione degli spazi e lotta per lo stesso cibo con i primati. Cosa che aumenta la possibilità di trasmissioni di malattie dagli animali all'uomo, come accaduto per l'Hiv.

Secondo i ricercatori delle piccole zone-tampone, come quelle ricavate con i progetti di riforestazione o le coltivazioni di alberi, intorno alle foreste ricche di biodiversità, potrebbero aiutare a ridurre la probabilità di interazione tra uomini e primati.

Dello stesso avviso un altro studio dell'università della California di Davis, pubblicato sulla rivista Proceedings of the Royal Society B: Biological Science, secondo cui sono tre i gruppi di mammiferi portatori di virus più a rischio di "saltare" all'uomo: le specie addomesticate (quali il bestiame), i primati e i pipistrelli.

Tra le specie selvatiche minacciate dall'uomo per la perdita dell'habitat, ve ne sono alcune la cui popolazione è molto cresciuta negli anni e si è adattata agli ambienti dominati dall'uomo, come pipistrelli e roditori.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pulp 10 mesi fa su tio
Teoria interessante o bislacca? Non so, non sono in grado di competere con i ricercatori menzionati, però una piccola costatazione: Immaginatevi di tornare nel medioevo e fare leggere le notizie odierne sull'emergenza sanitaria da coronavirus. In particolare dove si legge che la media dei deceduti é di 78 anni. Sapete cosa vi direbbe l'interlocutore medievale? Semplice, direbbe: ma davvero c'é così tanta gente che vive più di 70 anni nel mondo che verrà? Meditate gente, meditate
Galium 10 mesi fa su tio
Il problema deve essere indubbiamente approfondito, ma non aiuta certo il livello miserevole di certi commenti che negano a priori qualsiasi correlazione
VECCHIOTTO 10 mesi fa su tio
Per favore restiamo con i piedi per terra e non raccontiamo stupidate
Galium 10 mesi fa su tio
@VECCHIOTTO Stupidate? Cominciamo ad approfondire invece di insultare chi dà notizie non gradite, soprattutto se si tratta di persone qualificate
miba 10 mesi fa su tio
Mah....sarà poi vero o fa parte delle tonnellate di bufale che circolano di questi tempi?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-02-24 21:43:28 | 91.208.130.89