Deposit
ITALIA
11.02.2019 - 16:290

150 km/h in autostrada e bici in contromano: nuovo codice della strada in arrivo in Italia

In parlamento è allo studio una bozza di riforma. Prevede anche l’obbligo di abbigliamento tecnico per i motociclisti

ROMA - Nella vicina penisola si preparano diverse piccole rivoluzioni della circolazione stradale. In parlamento si discute infatti una bozza di modifica del codice della strada che prevede, tra le altre cose, l’innalzamento del limite di velocità a 150 km/h su alcune autostrade e la possibilità per le bici di andare contromano.


Deposit

Come riporta la stampa italiana, la riforma al vaglio della Commissione trasporti della Camera introduce diversi cambiamenti per quanto riguarda le biciclette. I ciclisti potranno innanzitutto superare la colonna al semaforo (ora non sarebbe permesso) e disporsi davanti alla prima vettura in attesa, dove sarà prevista una «striscia di arresto avanzata» simile a quella che esiste da noi per le ciclabili.


Keystone
Uno stop a Basilea

Le biciclette, poi, potranno circolare anche in contromano nelle zone 30 km/h, purché tale possibilità sia decretata dal sindaco e segnalata con un apposito cartello.


Deposit

Rimane la volontà di innalzare il limite di velocità da 130 km/h a 150 km/h su alcuni tratti autostradali a tre corsie particolarmente sicuri. La A9 che collega il valico di Brogeda a Lainate (Milano) non risulta però tra quelli citati nei mesi scorsi come possibili candidati.


Deposit

Regole più stringenti in vista per i motociclisti, per i quali si sta discutendo di un obbligo di abbigliamento tecnico di sicurezza.  


Deposit

Tra le altra modifiche allo studio, ci sono infine l’inasprimento delle sanzioni per l’uso del cellulare alla guida, il divieto di fumare al volante e la predisposizione di zone di sosta dedicate alle donne in gravidanza. Il testo in preparazione è tuttavia suscettibile di modifiche anche significative, non essendo considerato “blindato”.

Commenti
 
Lore62 1 sett fa su tio
Hihihi...da noi si fa il contrario, dalla velocità stratosferica di 120 orari di un tempo in molti tratti, si abbassano di anno in anno con la complicità dei cantieri eterni, fino ad arrivare alla velocità di un mulo...adatto alla ormai mulattiera Chiasso-Lugano...XD
Danny50 1 sett fa su tio
I limiti attuali sono stati calcolati in base ad autoveicoli che frenavano da 100km/h a 0 in 70 metri, senza ABS ed altri progressi nella sicurezza attiva. Un’auto odierna frena in meno di 40 metri da 100 a 0 ed inoltre grazie ad ABS e ESP rimane stabile in frenata. Il limite in CH di 120 km/h su autostrada accompagnato da regole talebane di via sicura, sdoganata dagli scaldasedie a Berna, serve a far cassa e a criminalizzare conducenti che a pochi km da casa loro possono guidare guardando la strada e non il contachilometri.
tico 1 sett fa su tio
bhe il treno va più veloce di una volta, l'aereo vola più in fretta di una volta, le navi viaggiano più veloci pure loro, ma le auto che negli anni non hanno avuto un grande aumento della velocità ma sono nettamente più sicure di allora, ora devono andare più piano di prima. Totale accanimento contro gli automoblisti in Svizzera, visto che nel resto dell'europa i limiti sono maggiori.
seo56 1 sett fa su tio
Alla faccia dei Verdi... bene!!
Meck1970 1 sett fa su tio
Per caso nelle autostrade svizzere c'è ancora un posto dove si può viaggiare ai 120 km/h ?
Lonely Cat 1 sett fa su tio
@Meck1970 Solo pochi tratti e servono solo per piazzare il radar dove ricomincia il 100!
neuropoli 1 sett fa su tio
anche da noi sulla tratta Bellinzona-Biasca e viceversa si potrebbe optare per una velocità max di 140km/h.
francox 1 sett fa su tio
@neuropoli Ma nooo, diminuirebbe l'entità delle multe.
Pulentaebrasaa 1 sett fa su tio
@neuropoli come su tutte le altre autostrade, magari con limitazioni orarie (come su certe autostrade tedesche) o tenendo conto della pericolosità della tratta.
Bacche80 1 sett fa su tio
@Pulentaebrasaa Con un calcolo puramente teorico: l’innalzamento del limite porterebbe a un risparmio di circa 1,5 minuti
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-02-24 03:02:30 | 91.208.130.85