LUGANOIl Segnalibro: «I nostri 20 anni per Natale»

06.12.22 - 06:52
La libreria di via Pioda festeggia l'importante traguardo puntando sulla qualità
Le fondatrici: Francesca Beltrani, Sabina Buzi e Prisca Wirz Costantini
Il Segnalibro: «I nostri 20 anni per Natale»
La libreria di via Pioda festeggia l'importante traguardo puntando sulla qualità

LUGANO - Sarà un Natale speciale per Il Segnalibro. La libreria di Lugano di via Pioda il 2 dicembre ha spento venti candeline. «Il periodo delle feste è già molto intenso, difficile fermarci per festeggiare», spiega Prisca Wirz Costantini che con Sabina Buzi e Francesca Beltrani ci accoglie orgogliosa davanti alla loro vetrina, agghindata per l’occasione (vedi foto).

Tanti sacrifici per ottimi risultati - Sono proprio queste tre donne che venti anni fa, dopo aver lavorato per parecchi anni in un’altra realtà, hanno deciso di mettersi in proprio. «Lugano stava perdendo le sue librerie di riferimento. Una città come la nostra non poteva rimanere senza una buona offerta». Tanti sacrifici - «abbiamo saltato i pasti, le pause non erano contemplate» - hanno portato a risultati di successo. Due piani di negozio di ampia metratura, ordini online, via telefono e tramite email, oggi le tre titolari contano anche sul supporto di sei collaboratori per far fronte a tutte le richieste.

Alle sfide si risponde con un servizio di qualità - Le sfide, inoltre, non sono mancate. Se gli ebook ormai sono una presenza stabile, oggi sono gli acquisti online la grande minaccia. «Dobbiamo resistere ad Amazon. Noi puntiamo sulla qualità della nostra offerta e del nostro servizio. Aiutare nell’acquisto, in particolare, è ancora qualcosa di unico e speciale».

«Il rapporto con i clienti e gli scrittori ticinesi - molto richiesti - è fondamentale. Non mancano quindi i firmacopie, i podcast, la classifica settimanale e il club del libro, il mercoledì mattina e il giovedì sera».

Il lato positivo dalla digitalizzazione - Anche Il Segnalibro ha comunque puntato sull’online per rimanere al passo con i tempi. Il catalogo sul sito della libreria è sempre aggiornato e utile anche per gli italofoni oltre Gottardo. «C’è chi compra dal sito o chi controlla lo stock e poi viene in libreria».

«I nostri clienti sono molto diversi fra loro, gli affezionati passano anche una volta alla settimana, c’è chi invece ci raggiunge per i libri per la scuola. Siamo inoltre molto felici di vedere molti giovani. C’è un filone "young adult" in forte crescita, soprattutto grazie agli influencer di Tik Tok. Un lato positivo dei social».

Natale in arrivo - Un consiglio per Natale? «Per noi è difficile senza sapere chi sarà il destinatario del dono. Edito dalla Fontana Edizioni avrà di sicuro successo "Nove100novantanove domande sul Ticino e sui ticinesi", sulla scia del precedente "Mille100undici domande sulla Svizzera e sugli svizzeri" di Maurizio Cattaneo. Consigliamo in generale gli autori ticinesi, impossibile citarne solo alcuni».

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE