Cerca e trova immobili

CANTONEQuattrocento franchi e due giorni di congedo

21.02.24 - 17:25
La misura decisa dal Consiglio di Stato per gli impiegati pubblici per far fronte al carovita. Per i sindacati non è abbastanza.
Archivio Ti Press
Fonte Rsi
Quattrocento franchi e due giorni di congedo
La misura decisa dal Consiglio di Stato per gli impiegati pubblici per far fronte al carovita. Per i sindacati non è abbastanza.

BELLINZONA - Ai dipendenti dell'amministrazione cantonale sarà versata un'indennità unica di 400 franchi e concessi due giorni di congedo, al posto dei due e mezzo di cui inizialmente si era vociferato. Lo ha deciso il Consiglio di Stato per far fronte al caro vita, dopo l'approvazione del preventivo 2024.

A renderlo noto la Rsi che ha visionato una comunicazione interna inviata agli impiegati. Il portale dell'emittente di Comano, sottolinea che il contributo una tantum sarà elargito in proporzione al grado di occupazione, ma in ogni caso non sarà al di sotto dei 200 franchi. I due giorni di congedo, per i funzionari, saranno usufruibili tra il 2 e il 16 agosto, mentre per i docenti le date saranno definite a marzo. Infine, come deciso durante la discussione sul preventivo, non sarà prelevato alcun contributo di solidarietà.

Dal canto loro i sindacati avevano già annunciato che il contributo unico non sarebbe stato sufficiente. I lavoratori cantonali sono dunque attesi il 29 febbraio a Bellinzona per lo sciopero.

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Bastian 1 mese fa su tio
Probabilmente sono tutti concordi che se una ditta non "gira" in modo efficiente, forse il problema sta nella "direzione". Domandina facile facile: Chi ha nominato questi "quadri dirigenti" (dalle indiscusse capacità.... linguali), che nell'ambito privato (da dove qualcuno è stato ripescato) non avrebbero certamente avuto lunga vita? ......e guarda caso sono poi quelli che contribuiscono alla crescita ....del tanto vituperato "salari mediano" dei dipendenti pubblici, che tanto scandalizza.....Pantalone,

vulpus 1 mese fa su tio
Ma va anche bene che facciano lo sciopero. Nell'economia privata nessuno arriva a mobilitare la gente per fare uno sciopero. Dovrebbe servire anche a chi lavora nel privato una manifestazione di questo genere. Sulla questione insegnanti non condivido il sarcasmo e la denigrazione di alcuni. Purtroppo una certa politica ha ingenerato nella popolazione il senso del disprezzo per il corpo insegnate, che sembrerebbe abbia l'unico torto di non presenziare a scuola durante il periodo estivo, che qualcuno continua a definire vacanze .Oggi si delegano compiti educativi alla scuola, e relative rogne di famiglia per quei nuclei che non esistono , ragzzi abbandonati a sè stessi , assenza dei genitori in campo educativo e formativo. Poi tutto questo a detrimento della scuola e di chi la frequenta correttamente. Condivido in toto però , chi afferma che un cantone come il nostro ha un sovranumero di impiegati. Ci sono dipartimenti che non sanno più come giustificare il numero di amici e amici degli amici. Se pensiamo al numero di poliziotti che abbiamo, vien da pensare che in ticino tutti delinquenti siamo, e questo tanto per fare un solo esempio.

Gattopardo 1 mese fa su tio
Nel privato le condizioni sono un disagio —> anche nello Stato allora devono essere un disagio, senno non è giusto —> le condizioni sono un disagio per tutti, e il disagio ora è la normalità —> nel privato le condizioni sono un super disagio —> anche nello Stato allora … ecc

Zeno 1 mese fa su tio
È veramente vergonoso quello che si regala agli statali !!! i contribuenti, che certamente LAVORANO di più !!!! si sognano quello che si è fatto !!!!

La verità 1 mese fa su tio
Risposta a Zeno
Quello che non va sono le paghe nel privato, non i giusti salari del pubblico... non facciamoci fot tere

airman21 1 mese fa su tio
Dire che sono fannulloni è ingeneroso ma questo non vuol dire che non sono critico nei loro confronti per lo sciopero che ritengo non opportuno. Specie per il loro futuro. Ma andiamo con ordine. Prima cosa la scuola, secondo me è anche da quello che sento in altri genitori il livello di medie e liceo in Ticino è scarso. Non prepara a sufficienza gli allievi ed è rimasto fermo a 15 anni da. Urge un intervento è ammodernamento ma sappiamo che ci sono forti resistenze. Questo sì che è un problema. Infine per i previlegi , diciamo che lavorano in un mercato sicuro poi che sia tutta acqua e rose non dire. Non farei mai il loro mestiere ma nessuno gli nemmeno obbligati dunque il lamento dopo un po’ stufa. Per trovare una soluzione io credo che dobbiamo superare gli scatti automatici delle scale salario, si potrebbe fare una scala automatica nei primi anni di carriera ma poi una parte di questi scatti deve essere collegata alla situazione finanziaria del Cantone. Esempio utile di 200 mio del cantone allora scatto di X a tutti. Abbiamo una perdita di 130 milioni scatti bloccati per 1 anno. Il rincaro credo che sia ovvio che il debba essere riconosciuto peccato che il governo ha deciso diversamente anche se ora come ora mi accontenterei dei 400 fr altrimenti la vostra pensione credo che la vedrete dimezzata dopo giugno 😉

John Wayne 1 mese fa su tio
Già bello che hanno un lavoro! Certi stipendi nel privato non li vedi nemmeno a 60 anni, anzi c'è gente trattata malissimo negli URC, ma c'è ancora chi va a difendere il malaffare di questi pseudo consulenti che aspettano solo il momento buono per darti le penalità! E sono anche contento che ho lottato per ben 13 mesi ma alla fine, l'ho vinta sulla consulente menefreghista e visto la bravura hanno pensato bene di spostare alcuni casi ad altri consulenti ben più umani!

Mario Bianchi 1 mese fa su tio
Sarà divertente vedere la scuola pubblica andare in malora per delle decisioni scellerate prese dalla politica ticinese, da chi magari i propri figli li manda nelle scuole private, ma mica lo fa sapere. Chissà perché Sergio Morisoli non tira fuori statistiche del genere. Tra vent'anni sarà interessante tornare a citare questo articolo e certi commenti fatti. È tempo forse che tutti inizino a sollevare critiche nei confronti di tutti i partiti politici e tutti quegli imprenditori padroni che hanno causato una disparità di ricchezza nella società mai vista prima nella storia dell'umanità. Come profetizzava l'economista John Maynard Keynes, è dagli anni '80 del secolo scorso che potremmo tutti campare lavorando 3 ore al giorno e goderci la vita. Viviamo nella società dell'abbondanza. Eppure tutto ciò nessuno l'ha reso possibile. Né la destra, né la sinistra, né il centro. Perché? Perché chi ha i soldi e un certo status non ha interesse a redistribuirli. La nostra società è semplicemente destinata a collassare su se stessa. E c'è chi dà la colpa ai lavoratori statali. Muahahahahah. Quanta ignoranza. Tutti dovrebbero andare a manifestare, dagli statali ai privati, senza alcuna distinzione, per una società più equa per tutti, sia statali che privati. Continuiamo pure a criticarci a vicenda, ma sarà una lotta tra poveri. Chi è ricco vuole proprio questo. Aprite gli occhi.

Bubo 1 mese fa su tio
Risposta a Mario Bianchi
Grazie Mario per portare un po' di cultura, buon senso e visione lungimirante in questo portale in cui i commenti sono sempre più da bettola e orientati a creare zizzania gratuita per poi perderci tutti.

TheQueen 1 mese fa su tio
Risposta a Bubo
Nei paesi civilizzati (stile nord europa) non hanno bisogno di dare posti di lavoro per accaparrarsi voti (il cosiddetto voto di scambio) che qui in TI è la prassi da anni. Le storielle da “popoli del mondo unitevi” non tengono

F/A-19 1 mese fa su tio
Risposta a TheQueen
53% di lavoratori ticinesi lavorano nel pubblico contro una media Svizzera del 40%, ecco a cosa porta il voto di scambio ed ecco perché il pareggio di bilancio è sempre più un miraggio.

Aigor99 1 mese fa su tio
Risposta a F/A-19
Però tutti i lavori (appalti) dati ai privatissimi cittadini anti dipendenti dello stato vanno bene vero? Senza quelli tantissimi privatissimi cittadini sarebbero al tavolino magico da un pezzo

Se7en 1 mese fa su tio
Risposta a Aigor99
Si certo, peccato che gli appalti li danno sempre ai soliti ignoti…! Dai su, non diciamo fesserie che sappiamo tutti come funziona “la mafia” degli appalti..!

F/A-19 1 mese fa su tio
Risposta a Se7en
Esatto, tanti posti pubblici sono stati raccomandati e pilotati, in cambio poi succede che.....

Se7en 1 mese fa su tio
Risposta a F/A-19
👍 concordo

Se7en 1 mese fa su tio
Risposta a F/A-19
… niente di più veritiero 👍

lube1 1 mese fa su tio
per quelli che borbottano, dovete solo aprire il foglio ufficiale e partecipare ai concorsi

HPR 1 mese fa su tio
Risposta a lube1
Ben detto, è ora che una certa cerchia di persone la smetta di considerare i docenti dei privilegiati con tanto tempo libero. Si informino meglio sulla professione e gli oneri di un docente.

Se7en 1 mese fa su tio
Risposta a lube1
😱🥶😶‍🌫️ per caso un prof? 🤣

Se7en 1 mese fa su tio
Risposta a HPR
😱🥶🥶 ecco un altro prof

Se7en 1 mese fa su tio
🙈🤮… sono senza parole! Gli impiegati pubblici hanno una media salariale di CHF 100’000 e hanno ancora pretese? Quando la media salariale di un impiegato nel settore privato è di CHF 60’000?! Personalmente queste persone mi fanno totalmente bip bip bip ! Andate a scioperare per protestare i premi di CM buffoni!

Bubo 1 mese fa su tio
Risposta a Se7en
Immagino che diversi di loro siano andati a protestare proprio anche per i premi di CM. Il problema in Ticino è il gioco al ribassi dei salari che fa sì che nessuno poi riesca ad essere autonomo, pagare i premi della CM e dipenda così dai sussidi. Per quanto riguarda il paragone pubblico-privato non ha semplicemente alcun senso perché la gran parte dei dipendenti pubblici ha qualifiche piuttosto alte ed è normale che gli stipendi siano in proporzione a queste. Per assurdo il suo ragionamento andrebbe applicato al binomio CEO banca e diepndente allo sportello: la prima categoria ha uno stipendio medio di 1 mio mentre la seconda di 5000 CHF Così anch'io resto senza parole. Tuttavia continuare a fomentare questio astio e questo gioco al ribasso come fa lei farà sì che nessun giovane ticinese tornarà a casa dopo aver studiato e i docenti dovremo andare a cercarceli nel mezzogiorno.

Bubo 1 mese fa su tio
Risposta a Se7en
Faccio un'ulteriore riflessione per farle capire l'assurdità in cui viviamo. Con 60'000 e 1/2 figli a carico praticamente non si pagano più imposte. Le sembra normale che mediamente la gente non paghi imposte? È sinonimo di un'economia e di un mercato del lavoro sani? Altri cantoni avranno anche aliquote fiscali più basse ma complessivamente incassano di più perché alla base ci sono salari più alti. In Ticino è anche possibile. È stato introdotto il salario minimo e tutti gli imprenditori pingevano miseria. E poi? Il mondo non è cascato ma abbiamo dato un po' di dignità a questo cantone. La cosa che davvero fa vomitare è come la politica abbia permesso questa deriva dei salari al ribasso. E no! Non si può come al solito dare la colpa agli stranieri. Quello che è indegno è il suo pensiero che altri lavoratori siano dei buffoni invece di rallegrarsi che ci sono ancora persone che lottano per un futuro migliore. Se nel 1848 avessero ragionato come fa lei probabilmente non avremmo nemmeno la costituzione.

Mario Bianchi 1 mese fa su tio
Risposta a Se7en
Se prendi i dati che propone Sergio Morisoli, fallo almeno in modo giusto. Lui parla di mediana, non di media. Sono due cose diverse. La tua di fatto è disinformazione. Libero comunque di ascoltare il politico che nel 2011 sosteneva che i problemi più urgenti da risolvere in Ticino fossero le scuole e la disoccupazione giovanile. Ora propone di svalutare i docenti perché in questo modo chiaramente si ottiene una scuola pubblica di qualità e si migliorano le prospettive delle generazioni future. Mi sembra ovvio e coerente. Perché non ci abbiamo pensato prima? Le grandi dimissioni in massa dei docenti che vediamo in America non sono preoccupanti. Nulla di grave. Se alla fin fine sono i bambini a rimetterci, chissene importa. Tanto non facciamo più figli. La scuola non è importante. È un lavoro che non crea nulla di importante. Giusto danneggiarla e penalizzarla. Basta farci abbindolare!

Se7en 1 mese fa su tio
Risposta a Mario Bianchi
… mi dispiace deluderti ma non ho preso nessun dato e/o informazioni da Morisoli! E per scelta sono apartitico su tutta la linea. Non è un segreto conoscere i salari che girano nel Cantone, docenti e non …! Nel Cantone ci lavorano più funzionari che semplici impiegati e il salario di codeste persone si aggirano dai 100’000 e oltre, impiegati “semplici” dai 70’000 e oltre … insegnanti “non professori” percepiscono un salario in media sui 80’000 e qualcuno ne conosco .., professori di liceo Cantonale, meglio non dire cosa percepiscono …! Personalmente non ce lo contro la categoria docenti, ma sul fatto che malgrado percepiscano dei salari elevati e di tutto rispetto, oltre a tante altre agevolazioni, si perdono per qualche “franchetto” facendo addirittura degli scioperi…! E la mia domanda è, ma se questi soggetti “privilegiati”che oltre ad avere un posto sicuro, hanno un salario che in tanti, troppi si sognano agiscono in questo modo, chi lavora nel privato, con dei salari da morti di fame, cosa dovrebbero fare e dire? Etc etc

Se7en 1 mese fa su tio
Risposta a Mario Bianchi
e aggiungo dicendo che, il carovita in tantissimi non lo ricevono da anni e oltretutto percepiscono un salario mensile decisamente più basso di chi lavora nel pubblico!

Se7en 1 mese fa su tio
Risposta a Bubo
… che peccato hai rovinato tutto nel finale..! Scommetto che lavori nel pubblico o hai qualcuno molto vicino che ci lavora. Prima di dire certe cose, non dovresti solo leggere, ma capire anche il senso di quello che uno scrive! Nella prima metà del discorso mi trovavo d’accordo, ma poi tutto il resto potevi evitarlo…! Comunque sia, leggendo i vari commenti, non mi sembra di essere l’unico che la pensa così… e dal mio punto di vista, chi lavora per il Cantone, quindi nel pubblico è un privilegiato in tutti i sensi e non parlo solo della categoria dei docenti, ma tutti quanti…!

Se7en 1 mese fa su tio
Risposta a Bubo
… che siano scesi a protestare anche per le CM ho i miei dubbi…! I guarda che le qualifiche piuttosto alte ci sono anche nel privato ma certi salari se li sognano, come si sognano di avere 12 settimane di ferie all’anno…! Il mio punto era molto semplice da capire, chi guadagna in media 100 fa scioperi per cosa? Allora chi ne guadagna “solo” 60 cosa deve fare? Che tra l’altro chi lavora per il Cantone non hanno tutti il Master, dai su…!

TheQueen 1 mese fa su tio
Risposta a Bubo
C’è poco da difendere: il Cantone è il maggior datore di lavoro! Tutti a lavorare pagati dalle nostre tasse. Una marea di gente per amministrare un territorio di 300mila abitanti. Posti fissi ed amici degli amici

Se7en 1 mese fa su tio
Risposta a TheQueen
👏👍…. sicuramente o lavora per il Cantone o ha qualcuno molto vicino a lui che ci lavora..! Altrimenti non mi spiego tutta questa filosofia ai riguardi di queste persone privilegiate..!

F/A-19 1 mese fa su tio
Risposta a TheQueen
Esatto, questo è il problema!

Cula 1 mese fa su tio
Io fossi in loro starei zitto,visto tutto il tempo libero che hanno in più rispetto a qualsiasi lavoratore,che fa 40 ore alla settimana e 4 settimane di ferie all’anno

Bubo 1 mese fa su tio
Risposta a Cula
Infatti i dipendenti statali ne lavorano 42,5...

Gufo1 1 mese fa su tio
Sono loro stessi, i docenti, responsabili di questa deriva sociale. Per decenni hanno divulgato la loro ideologia sinistroide inneggiante al multiculturalismo, all'integrazione spinta, al buonismo ed garantismo. Ora i nodi vengono al pettine e questi sono i risultati. Ora devono confrontarsi con classi ingestibili e carichi supplementari per sopperire alle carenze della societâ che hanno contribuito a smantellare. Nei decenni passati hanno vissuto nella bambagia con privilegi inarrivabili se confrontati con il settore privato. Adesso sono chiamati a mostrare solidarietà e contribuire al risanamento delle casse cantonali che hanno contribuito a dissanguare. Proprio loro che hanno usato lo slogan della solidariietà da offrire a cani e porci (a spese degli altri) sono chiamati a mostrare coerenza con la propria ideologia e finalmente pagare di propria tasca. Vedremo se in futuro useranno a sproposito il termine solidarietà.

Se7en 1 mese fa su tio
Risposta a Gufo1
Concordo 👍

Bubo 1 mese fa su tio
Risposta a Gufo1
Effettivamente anche lei sembra far parte di questa deriva sociale. Almeno grazie a tutti questi suoi complimenti ora i docenti hanno potuto recuperare un po' di autorevolezza nelle classi ingestibili. :D

Pablo88 1 mese fa su tio
Ho alcuni amici docenti e in ogni ambito scolastico la situazione è sempre più difficile per loro. Già alle elementari si devono sobbarcare decine di compiti supplementari che anche solo 10 anni fa erano impensabili. Questo perché la società sta cambiando, le famiglie stanno sparendo e si vuole dare tutti i compiti che prima erano della famiglia ai docenti. Con condizioni di lavoro, di stress, salariali e pensionistici sempre peggiori. Ma ci credo che adesso non c'è la facciano più

Cula 1 mese fa su tio
Risposta a Pablo88
Possono cambiare lavoro e andare in cantiere a sfaticare

Se7en 1 mese fa su tio
Risposta a Pablo88
… ma per piacere non scriviamo scemenze! Hanno qualcosa come 12 settimane di vacanza all’anno, contro 4/5 settimane di chi lavora in tutti gli altri settori e hanno una media salariale più alta di chi è impiegato nel privato…! Mi fermo qui che è meglio!

Fiamma77 1 mese fa su tio
Sindacati… ma vergognatevi!!!!!!!!

Brissago 1 mese fa su tio
Per la peble comune non resta che tirare ancor di più la cinghia! Che Cantone alla frutta che siamo diventati!

Miao Miao 1 mese fa su tio
Sinceramente mi sembra una presa in giro per tutti gli altri che non hanno diritto a nessun adeguamento e in particolare agevolazioni!

TheQueen 1 mese fa su tio
Canton TI come il sud Italia, fabbrica di posti fissi per amici e conoscenti. E poi facciamo i gradassi a prendere in giro gli italiani…pori nüm

Discomostro81 1 mese fa su tio
Risposta a TheQueen
Proprio così nel 90 percento dei casi

Miao Miao 1 mese fa su tio
Risposta a TheQueen
Ebbene sì, purtroppo è la cruda realtà!

Simulator 1 mese fa su tio
Risposta a Miao Miao
Si..il Ticino ha fatto ridere la svizzera ribadisco 8000 impiegati !!!! 4000 nei grigioni e pagano mesi tasse, casse malati e altro, e se chiedi un informazione trovi personale qualificato…da noi? Ah non saprei chiami quel ufficio a no quell altro!!!

Mauro5511 1 mese fa su tio
Andrebbe tolto anche il privilegio, che solo gli,statali hanno, di accumulare 10/15 minuti al giorno e poi farsi 12 giorni di vacanza supplementari…. Questo porterebbe a NON avere bisogno di altro personale, anzi farebbe diminuire di molto il bisogno. Nel privato queste cose se le sognano…. E per la cassa pensione, che la facciano pagare a tutti i pensionati che sono andati in pensione con il 70% dello stipendio senza avere pagato per questo super beneficio. Il popolo non deve assumersi questi oneri. Popolo rivoltati

Bubo 1 mese fa su tio
Risposta a Mauro5511
Se non erro anche al confederazione permette ai suoi dipendenti di scegliere la durata di ore per settimana e disporre di altrettante vacanze. Per la cassa pensione c'è una sentenza del tribunale federale che indica che una rendita, una volta concessa, è un diritto acquisito e inalienabile. In questo caso è stata la politica e sbagliare diversi calcoli e previsioni. è quindi la politica che deve assumersi la responsabilità.

Simulator 1 mese fa su tio
mi viene da piangere…a dicembre..” il carovita lo posso avere? risposta: sai dove sta la porta…” e questi con i nostri soldi ricevono ancora? Quest anno chiedo il sussidio alla cassa malati, e ogni altra cosa possibile!!! ma stiamo scherzando !!! Che questi mi vengano a dire che noi contribuenti non abbiamo diritto!!!

adri57 1 mese fa su tio
Mediamente, inclusi gli oneri sociali a carico dello Stato, a quanti CHF corrispondono 2 giorni di congedo? Calcolo della serva 500 al giorno!

Robi64 1 mese fa su tio
un continuo regalo a dei privilegiati.... una classe politica ricattata ...... e incapace di reagire ... lo stato ticinese é alla deriva ....
NOTIZIE PIÙ LETTE