Keystone
CANTONE
01.06.2021 - 21:440

«Se vogliono vivere senza uno Stato, allora che rinuncino a tutti i suoi servizi»

La provocazione, sempre sulla questione Molino, del leghista Andrea Censi: «Questione di coerenza»

LUGANO - Il giorno dopo la manifestazione e i cori contro il sindaco Borradori, e poche ore dopo la forte presa di posizione in Gran Consiglio, è evidente che per la Lega l'argomento autogestione è ancora vivo e caldo.

«Io credo che la discussione non sia tanto legata alla questione su chi sia pro o sia contro il concetto di centro sociale», spiega a tio.ch il consigliere leghista Andrea Censi, «il problema di fondo è che questa autogestione, quella di Lugano, non è mai stata inclusiva quanto piuttosto esclusiva. Ha dimostrato di non essere in grado di saper convivere con i cittadini e la cittadinanza».

 «Queste persone non riconosco l'esistenza di un'autorità, uno Stato, o quant'altro. Il che, beninteso, può anche essere una cosa legittima. Io però mi chiedo, ma queste persone dallo Stato non ricevono nulla? Sussidi per la cassa malati o anche solo l'affitto della struttura che occupavano...»

Da qui la proposta di Censi, che sfocia nell'utopia provocatoria: «Io sono propenso a fornire a queste persone uno spazio, riconoscerglielo e regalarglielo. Lì potranno fare quello che vorranno a patto che firmino una dichiarazione d'intenti in cui rinuncino a tutti i servizi erogati dallo Stato, non è questa la coerenza?».

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-22 21:07:56 | 91.208.130.85