tipress
CANTONE
22.06.2020 - 19:440

Niente tassa sui fungiatt italiani: «Abbiamo paura?»

Il Parlamento boccia la proposta di un patentino per i cercatori di funghi stranieri. L'UDC insorge

BELLINZONA - I fungiatt stranieri non avranno bisogno di un'autorizzazione per fare "incursioni" in Ticino. Lo ha deciso oggi il Gran Consiglio, respingendo una proposta dell'UDC in tal senso.

Con 44 voti favorevoli, 25 contrari e 5 astensioni il Parlamento ha approvato il rapporto di maggioranza della Commissione costituzione e leggi, che proponeva di rifiutare la mozione. Quest'ultima - presentata l'anno scorso dal presidente cantonale dell'UDC Piero Marchesi - prevedeva l'introduzione di una tassa per i cercatori di funghi che dalla vicina Italia si recano in Ticino durante "l'alta stagione" in autunno.  

I democentristi ticinesi non hanno preso bene il rifiuto. «Ancora una volta, il Ticino sembra avere paura delle ripercussioni dall’Italia o si fa problemi morali quando invece l’Italia non esita a praticare la stessa e identica politica sul suo proprio suolo» si legge in una nota diffusa in serata dal partito.

 

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-24 17:47:29 | 91.208.130.85