TiPress - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
33 min
Dopo il caldo delle Azzorre, ecco quello africano
Nei prossimi giorni le temperature caleranno leggermente, ma aumenterà l'umidità.
BLENIO
1 ora
"Salviamo le alpi": al Tour de Suisse si protesta contro il lupo
L'azione è stata lanciata dall'Associazione per la protezione del territorio dai grandi predatori.
BELLINZONA
2 ore
Sciopero delle donne, assedio al Castello
Slogan, manifesti e picnic. Le donne scendono in piazza contro la violenza di genere e parità salariale
GRIGIONI / CANTONE
3 ore
150 m3 di roccia sulla strada, Lucomagno chiuso a tempo indeterminato
Per ragioni di sicurezza bisognerà escludere il rischio di ulteriori smottamenti. Ma ci vorranno giorni.
CANTONE
4 ore
SUPSI: «Scuola a distanza anche dopo la pandemia»
È stato un 2020 complicato per l’Istituto superiore cantonale, che ha portato a un consuntivo 677mila franchi in rosso.
FOTO
MENDRISIO
4 ore
Mendrisio ha altre sei vie al femminile
L'inaugurazione è avvenuta oggi, a quarant'anni dalla votazione dell'articolo costituzionale sull'uguaglianza
LUGANO
4 ore
Così la geometria diventa divertimento
Il matematico Gianfranco Arrigo lancia "Geometria Dynamica" (Edizioni Sapyent Milano), per le scuole elementari.
LOCARNO
6 ore
A Solduno una filiale postale rinnovata
Quella di via Franzoni 69 è la 14esima in Ticino a essere ristrutturata sulla base di un concetto innovativo
MENDRISIO
7 ore
Un cinema itinerante a Mendrisio e nei suoi quartieri
La terza edizione di Mendrisio Estate sarà in modalità Cinema Open Air.
PARADISO
8 ore
Lifting radicale per la Migros di Paradiso
La filiale di via Geretta, completamente rinnovata, riapre giovedì
FOTO E VIDEO
CANTONE
8 ore
A tu per tu con l'orso preistorico
Nella Caverna Generosa si fa un tuffo nel passato grazie alla realtà aumentata
CANTONE
9 ore
Un altro giorno senza decessi
Dall'inizio dell'emergenza, nel nostro cantone sono stati accertati 33'172 casi e 995 morti
CANTONE
11 ore
Un quarto di secolo tra gli scaffali delle Tre Valli
La gerente del negozio Coop di Dongio Ilaria Rigozzi ha tagliato in questi giorni l'importante traguardo.
CANTONE
13 ore
Le prostitute (vaccinate) non fanno il pienone
I postriboli in Ticino sono ancora mezzi vuoti. E fanno sconti alle ragazze che non riescono a pagare
CANTONE
13 ore
Allievi tutti in aula e quasi 170 quarantene di classe
È il bilancio dell'anno scolastico che in Ticino si conclude il prossimo 18 giugno
CANTONE
12.05.2020 - 14:000

«Prima difendevano i dipendenti, ora se ne lavano le mani»

Interpellanza dell’MPS al Consiglio di Stato sul destino delle 72 persone impiegate presso l'aeroporto di Agno

LUGANO - «Usati, licenziati e ora dimenticati». È in questi termini che il Movimento per il socialismo parla dei 72 dipendenti della società LASA Sa nell’interpellanza indirizzata al Governo ticinese.

Perché usati? «Non possiamo evitare di far notare che Claudio Zali e amici avevano chiaramente indicato negli oppositori dall’aeroporto di Lugano i responsabili dei 72 licenziamenti» scrivono Simona Arigoni, Angelica Lepori e Matteo Pronzini. «Usati come strumento di ricatto in vista della votazione sui due referendum» .Poi la disdetta cautelativa in febbraio e, infine, la liquidazione ordinata. «A breve la maggior parte degli ex dipendenti di LASA Sa saranno semplicemente scaricati in disoccupazione».

Lo scorso 6 settembre 2019 il gruppo MPS-POP-Indipendenti aveva inoltrato una mozione con cui si chiedeva un piano di riconversione per il personale dell’aeroporto. Mentre ad oggi, continua l’interpellanza, «è responsabilità della Città di Lugano e del Cantone Ticino di condannarli alla disoccupazione», e intanto «si parla solo del passaggio in mani private dell’aeroporto e della quindicina di posti che verranno così recuperati».

Infine, l’attacco a Claudio Zali: «Ha subito dismesso i panni del sindacalista per rimettersi quelli del servitore degli interessi di un gruppo di super-ricchi proprietari di jet». E ancora: «Le varie maschere sono cadute. All’improvviso, l’aeroporto quale fulcro dell’attività economica cantonale e luganese non è più un fatto fondamentale, il grande futuro dell’aeroporto pubblico è stato cancellato dai radar dell’attualità politica e la sorte dei 72 dipendenti non è più un problema politico e sociale».

Le domande dell'interpellanza:

1. L’amministrazione cantonale e l’amministrazione comunale di Lugano sono state interpellate per valutare tutte le possibilità concrete di ricollocamento del personale dell’Aeroporto, tenendo conto dei nuovi posti di lavoro che si creeranno all’interno dei sui servizi (calcolando in particolari i posti lasciati liberi dal personale cantonale e comunali che partirà in pensione o in prepensionamento)? Se si quale risultato è scaturito? Se no perché non è stato fatto?
2. Tutti gli altri comuni del cantone son stati interpellati per sapere la loro disponibilità futura per l’assunzione di personale LASA? Se si quale risultato è scaturito? Se no perché non è stato fatto?
3. I Corpi di vigili del fuoco presenti sul territorio cantonale che impiegano pompieri professionisti sono stati contattati per sapere quanti di questi andranno in pensione nei prossimi due anni e se esiste l’intenzione di aumentare il loro effettivi tramite l’occupazione dei pompieri LASA? Se si quale risultato è scaturito? Se no perché non è stato fatto?
4. Tutte le società cantonale e comunali a partecipazione pubblica cantonale (trasporti, turismo, produzione di energia, ecc.) sono state contattate affinché diano la loro disponibilità ad assumere del personale LASA nei prossimi due anni. Se si quale risultato è scaturito? Se no perché non è stato fatto?
5. Sono state aperte delle discussioni con le ex-regie federali (FFS SA, La Posta, Swisscom) al fine di stabilire la disponibilità di queste società ad assumere parte dell’attuale personale LASA. Se si quale risultato è scaturito? Se no perché non è stato fatto?
6. Si è contattato l’amministrazione federale e degli aeroporti ubicati in Svizzera (in primis Zurigo, Ginevra, Basilea). Se si quale risultato è scaturito? Se no perché non è stato fatto? Se si quale risultato è scaturito? Se no perché non è stato fatto?
7. Si è pensato di elaborare delle serie di misure concrete di sostegno finanziario alle società, aziende pubbliche e para-pubbliche che dovessero assumere a tempo indeterminato del personale LASA. In particolare la garanzia dello stesso stipendio degli ex-impiegati LASA che venissero assunti dalle entità citate più sopra. Naturalmente questo onere dovrebbe essere ripartito tra i principali azionisti di LASA, ossia il Cantone e il Comune di Lugano. Se si quale risultato è scaturito? Se no perché non è stato fatto?
8. Si è pensato di garantire al personale LASA con 58 anni compiuti l’alternativa di una rendita ponte transitoria che garantisca un salario equivalente a quello attuale fino all’età di pensionamento (65 anni per gli uomini, 64 anni per le donne). Naturalmente questo onere dovrebbe essere ripartito tra i principali azionisti di LASA, ossia il Cantone e il Comune di Lugano. Naturalmente questo onere dovrebbe essere ripartito tra i principali azionisti di LASA, ossia il Cantone e il Comune di Lugano. Se si quale risultato è scaturito? Se no perché non è stato fatto?
9. A quante persone è stato confermato il licenziamento inoltrato a febbraio 2020?
10. Quanti sono i posti a tempo pieno garantiti durante il periodo di transizione da LASA alla nuova società privata, assunti con un contratto di durata determinata dal Comune di Lugano?

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-14 19:27:40 | 91.208.130.86