Tipress
La banchina di legno di fronte a Palazzo civico (a sinistra) e le rive di Caprino (a destra).
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO
BELLINZONA
47 min
I Früsa Takia perdono il carro sulla via San Gottardo
Dopo avere partecipato al corteo, l’incidente di ritorno a Biasca
LUGANO
1 ora
La paura dei treni affollati. «Io lavorerò da casa»
L’effetto Coronavirus si fa sentire anche in alcune aziende ticinesi.
LUGANO
2 ore
Emergenza coronavirus, interpellanza anche alla Città
Il PLR chiede al Municipio se ha previsto delle misure per informare la popolazione e gestire eventuali casi di contagio
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
4 ore
È iniziato il mitico corteo del 157esimo Rabadan
Fra Guggen, gruppi e carri un pomeriggio di festa (e baciato dal sole) in quel di Bellinzona
BELLINZONA
5 ore
Quanta adrenalina, prima del super corteo
È il momento clou del carnevale Rabadan. Il backstage delle ore che lo hanno preceduto
CANTONE
5 ore
Coronavirus: «Nessun caso sospetto in Ticino. Ma siamo pronti»
Lo riferisce il DSS. Domani il gruppo di coordinamento allargato deciderà se attivare nuove misure
LUGANO
6 ore
L'Arcobaleno splenderà anche sul bike sharing?
Il gruppo PPD e GG in Consiglio comunale propone di integrare il servizio nell'abbonamento per i mezzi pubblici
CHIASSO
7 ore
Volevano entrare in Svizzera con 225 chili di hashish. Arrestati
Le manette sono scattate per due cittadini stranieri. Entrambi residenti all'estero
CANTONE
7 ore
Coronavirus: «Servono informazioni chiare e puntuali»
Il gruppo parlamentare socialista ha interpellato il Governo ticinese sulla gestione di un eventuale focolaio in Ticino
CANTONE
8 ore
«Rassicurazioni poco credibili. Saremo pronti quando arriverà?»
Tiziano Galeazzi interpella nuovamente il Consiglio di Stato sul coronavirus. 19 domande a tutti i Dipartimenti
MENDRISIO
10 ore
Sono due gli infermieri dell'Obv sotto inchiesta
Oltre all'uomo accusato dell'omicidio di 17 pazienti malati terminali è indagata un'infermiera per tentate lesioni gravi
VIDEO
TORRICELLA-TAVERNE
19 ore
Treno diretto al Rabadan fermo in stazione
In (almeno) un vagone è partito l’allarme antincendio. Forse si tratta di «una bravata»
CANTONE / SVIZZERA
21 ore
«Nessuna limitazione all'ingresso»
L'Ufficio federale della sanità pubblica non intende intervenire alle dogane. «L'Italia segue la strategia comune»
CANTONE / SVIZZERA
21 ore
Coronavirus in Lombardia, Quadri pensa ai frontalieri
Il consigliere nazionale leghista si rivolge al Consiglio federale
FOTO
BELLINZONA
1 gior
Musica, divertimento e colori: sfilano 19 Guggen
Un bagno di folla ha accolto il tradizionale corteo
FOTO E VIDEO
CASLANO
1 gior
Ciclista a terra dopo un volo di alcuni metri
L'impatto è avvenuto con una Smart proveniente da Agno che stava svoltando a sinistra
FOTO E VIDEO
GIUBIASCO
1 gior
Tamponamento a catena a Giubiasco: 3 persone sono rimaste ferite
L'incidente è avvenuto a ridosso del mezzogiorno in Via Monte Ceneri, importanti disagi al traffico
FOTO
MORCOTE
1 gior
Fumo da una cantina a Morcote, polizia e pompieri sul posto
Il sinistro, non lontano dal carnevale comunale, sarebbe già stato risolto
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
1 gior
Alterco finisce a pugni questa mattina al Rabadan
È successo sabato mattina attorno alle 10 in Viale Stazione, la polizia è in cerca del responsabile
CONFINE
1 gior
Voleva passare la dogana con 1,5 milioni in orologi
Fermato al Gaggiolo un cittadino italiano che stava andando a Parma per una fiera con un tesoretto nel baule
CONFINE
1 gior
Caso di coronavirus ricoverato al Sant'Anna di Como
È avvenuto nella notte al reparto Malattie Infettive, l'uomo si trova in buone condizioni di salute
VIDEO
BELLINZONA
1 gior
E così Piazza del Sole torna indietro negli anni Novanta
Grande serata con un foltissimo pubblico per gli Eiffel 65
FOTO E VIDEO
CANTONE
1 gior
Rivera: cade con la moto e si ferisce gravemente
Bloccata una corsia sulla A2 in direzione nord e chiusa l'uscita di Rivera almeno fino alle 11
FOTO
CONFINE
1 gior
Racchette di contrabbando fermate in dogana
La merce, dal valore di 13'000 euro, era stata acquistata in Ticino da un privato italiano che ora rischia grosso
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
1 gior
Gli intrusi (mascherati) assaltano la stazione FFS
Al Rabadan coi mezzi pubblici? Un trend sempre più in crescita. Le mascotte di Tio/ 20Minuti lo hanno verificato
VIDEO
BELLINZONA
1 gior
Imboscata agli Eiffel 65 in hotel
Il mitico duo degli anni '90 si esibisce al Rabadan. La "non intervista" di Tio/20Minuti
RIVA SAN VITALE 
1 gior
Il missile di carnevale accende la polemica a scuola
Una rappresentazione in maschera viene interpretata come «discriminante». Il direttore: «Il messaggio era di pace»
CANTONE
1 gior
Coronavirus: «Se arrivasse in Ticino cosa succederà alle dogane?»
Tiziano Galeazzi interpella il Governo: «Opportuno monitorare la situazione con apparecchi specifici?»
LUGANO
20.09.2019 - 15:230

Un'altra pioggia di domande sulle rive del Ceresio

Un’interrogazione di Tiziano Galeazzi (primo firmatario) chiede chiarimenti sui casi della spiaggia abusiva di Caprino e della banchina in Riva Vela

LUGANO - È letteralmente una pioggia di domande quella abbattutasi in questi giorni sui tavoli del Municipio di Lugano, sollecitato a più riprese a pronunciarsi sul caso della presunta spiaggetta abusiva di Caprino. La vicenda - a braccetto con quella della banchina di legno edificata in Riva Vela, di fronte a Palazzo Civico - è finita ora anche nel mirino di una doppia interrogazione firmata da Tiziano Galeazzi e altri consiglieri comunali dei gruppi UDC e Lega*.

«Un via-vai notato da nessuno?» - Sulla questione della spiaggia, Galeazzi e cofirmatari chiedono all’Esecutivo cittadino di spiegare da quanto tempo erano a conoscenza della costruzione e come sia possibile che «nessuno si sia mai accorto del via-vai di zattere con materiale da costruzione che solcavano il Ceresio in direzione di Caprino». Come noto, la struttura è stata successivamente distrutta. E a tal proposito viene chiesto se il proprietario abbia o meno «notificato i lavori di costruzione e di sgombero» e attraverso quale procedura.

Ricordando inoltre che la costruzione occupava parte del demanio pubblico, gli interroganti chiedono di indicare se il proprietario avesse ricevuto un’autorizzazione e se «esistono altre proprietà private che, durante la loro costruzione si sono impossessate, senza autorizzazione, di spiagge di dominio pubblico». Se così fosse, è «prassi rilasciare dei permessi a posteriori pur di non intervenire in modo deciso per ripristinare la legalità?», scrivono Galeazzi e cofirmatari evocando l’ombra di «problemi di gestione» all’interno del Dicastero coinvolto «in questa imbarazzante situazione».

«Qualcosa non ha funzionato» - Per quanto concerne la banchina di legno invece il problema risiede sia nella procedura delle commesse che nella realizzazione dei lavori. «Qualcosa non ha funzionato», sottolineano i firmatari che chiedono al Municipio di quantificare i costi sostenuti - indicando pure se il predetto importo rientra nel margine di competenza dell’Esecutivo - e di spiegare come «un’azienda che non ha specifiche competenze per quel genere di costruzioni abbia potuto ottenere l'appalto», subappaltando a sua volta l’opera ad un’altra società «con grosse difficoltà finanziarie».

Le domande sulla spiaggetta

  1. Il Municipio era a conoscenza della costruzione apparentemente abusiva della spiaggetta a Caprino? Se sì, da quando? 
  2. Come mai nessuno si è mai accorto del via-vai di zattere con materiale da costruzione che solcavano il Ceresio in direzione di Caprino e ritorno? 
  3. Perché non vi sono stati dei controlli subito dopo la segnalazione di un dimorante di Caprino? A chi sono state destinate queste segnalazioni e perché furono ignorate? Chiarire quali misure son state successivamente adottate e, ovviamente, in quale lasso di tempo dalla segnalazione si è intervenuti.
  4. Riguardo la creazione e la successiva demolizione della spiaggia abusiva, non vi è stato alcun intervento da parte del Comune di Lugano per controllare i lavori. Ci si chiede: come mai questa carenza?
  5. Il proprietario ha notificato i lavori di costruzione e di sgombero della spiaggia? Se si, quale procedura ha adottato?
  6. Indicare se è stato correttamente avvisato il Cantone sia per i lavori di costruzione che per quelli di sgombero (procedura) in modo conforme alla legge. Se sì, elencare la tempistica e il flusso di lavoro che richiede la legge.
  7. Il proprietario aveva un'autorizzazione per occupare privatamente la parte del demanio pubblico? Se sì, rilasciata da chi e con quali motivazioni? 
  8. Esiste una mappatura di tutti gli stabili edificati nel Comune di Lugano e confinanti con il demanio pubblico? Se sì, vi sono stati dei controlli approfonditi in queste proprietà per valutare se qualcuno si sia appropriato di parte del demanio pubblico senza autorizzazione?
  9. Esistono altre proprietà private che, durante la loro costruzione si sono impossessate, senza autorizzazione, di spiagge di dominio pubblico? Se ve ne sono, quali provvedimenti sono stati presi? Per quanti casi? Il Cantone è stato informato?
  10. Nel caso di abuso comprovato, è prassi rilasciare dei permessi a posteriori pur di non intervenire in modo deciso per ripristinare la legalità e riconsegnare il demanio pubblico ai cittadini che possano usufruirne?  Cosa vorrebbe fare il Comune per ristabilire l'accesso al lago da parte di tutti?
  11. Per quanto concerne invece l’abitazione, risulta che sia stata rilasciata a posteriori una notifica di costruzione ad edificio concluso. Quanti altri edifici sul territorio di Lugano hanno ottenuto lo stesso "trattamento agevolato" negli ultimi 5 anni?  Chi all’interno dell'amministrazione è responsabile per queste autorizzazioni?  (Sezione/Servizio e ufficio specifico)
  12. Non reputa il Municipio che nel Dicastero coinvolto in questa imbarazzante situazione vi siano problemi di gestione dei permessi e delle prassi legali con la legge Comunale e Cantonale? Se si, quali provvedimenti intende prendere il Municipio negli uffici toccati da questi avvenimenti? E verso i funzionari responsabili?
  13. Alla luce di questi fatti, quali provvedimenti sta adottando il Municipio? Ha pensato a un'inchiesta amministrativa interna o ad altro?

Le domande sulla banchina

  1. Quanto è costata la realizzazione della banchina? Il predetto importo entra nel margine di competenza del Municipio?
  2. Come spiega il Municipio che una azienda che non ha specifiche competenze per quel genere di costruzioni abbia potuto ottenere l'appalto? Come spiega il Municipio che la predetta azienda abbia poi subappaltato ad un'altra società con grosse difficoltà finanziarie? Motivare l'assegnazione dell'appalto e il subappalto in oggetto.
  3. Il Municipio era al corrente del subappalto per la costruzione della banchina in riva al Lago di fronte al Municipio? Se sì, da quando?
  4. Risulta al Municipio che la società che ha ottenuto il subappalto abbia impiegato solo operai frontalieri che alloggiavano provvisoriamente nei dintorni di Lugano?
  5. Risulta al Municipio che la società in questione ha lasciato debiti per milioni di franchi sul nostro territorio? Se sì, spiegare come abbia potuto prendere il mandato di subappalto senza che qualcuno dell'Amministrazione verificasse la bontà della società.
  6. Quale ufficio dirige o dovrebbe dirigere e rispettivamente controllare questi lavori assegnati dalla Città? Magari lo stesso ufficio del caso relativo alla spiaggia privata di cui sopra? Elencare i servizi responsabili.

*Tiziano Galeazzi (UDC), Raide Bassi (UDC), Alain Bühler (UDC), Andrea Censi (Lega), Lucia Minotti (Lega), Omar Wicht (Lega), Luisa Aliprandi (Lega) e Nicholas Marioli (Lega).

Commenti
 
TI.CH 5 mesi fa su tio
Beghe luganesi.
Manuela Quattropani 5 mesi fa su fb
qualche cosa non ha funzionato!!!???? a me sembra che in Ticino questa frase si usa troppo spesso ultimamente!!! Diciamo pure che funziona poco e niente!!!
jena 5 mesi fa su tio
basta che il tutto non venga sotterrato e che i colpevoli vengano puniti.
Tiziano Galeazzi 5 mesi fa su fb
Guardate che nn sempre si vengono a sapere le cose...specie se son fatte cosi
Maury Bernasconi 5 mesi fa su fb
Ma prima dei servizi di Falò dove erano tutti questi Consiglieri? Possibile che Falò sapeva tutto e voi Consiglieri non sapeva nulla?
Manuela Decarli 5 mesi fa su fb
non abitano a Caprino 😜
Nadine Ferrari 5 mesi fa su fb
Già, e allo stesso modo in cui LORO si chiedono come sia possibile che «nessuno si sia mai accorto del via-vai di zattere con materiale da costruzione che solcavano il Ceresio in direzione di Caprino», verrebbe da chiedersi come sia possibile che nessuno di LORO si sia mai accorto del via-vai di materiale da costruzione che viaggiava in direzione di Riva Vela...
GI 5 mesi fa su tio
mi piace quel "via vai di barconi".....mettevi sul lungolago ed guardate verso Caprino (che è di fronte....) sfido chiunque ad individuare i barconi.....notoriamente natanti quasi piatti.....
sedelin 5 mesi fa su tio
la storia di caprino é emersa grazie alla rtsi, altrimenti i firmatari udc non se ne sarebbero accorti. perché ora essi fanno domande a raffica ai colleghi? loro dov'erano? siamo stufi di leggere queste buffonate! stanno avvicinandosi le elezioni...
navy 5 mesi fa su tio
.....a detta di alcuni la questione di Caprino è emersa per colpa della trasmissione Falò.......Della serie l’omertà fa comodo ad alcuni? Sono sempre più disgustato da come girano le cose in questo cantone! Del resto a forza di criticare l’Italia facciamo uguale.
Manuela Decarli 5 mesi fa su fb
e tutti loro dove erano?
Tiziano Galeazzi 5 mesi fa su fb
Manuela Decarli io n abito a caprino e credo nessuno dei miei colleghi di CC
Manuela Decarli 5 mesi fa su fb
Tiziano Galeazzi - ma dai che risposta é? 🤣🤣🤣🤣
Tiziano Galeazzi 5 mesi fa su fb
Manuela Decarli che abitando là sicuramente l avremmo visto
Nadine Ferrari 5 mesi fa su fb
Tiziano Galeazzi Non facciamo i furbetti: nell'articolo (e nella VOSTRA interrogazione) non si parla solo di Caprino.
Tiziano Galeazzi 5 mesi fa su fb
Infatti anche in altre rive...
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-23 19:12:02 | 91.208.130.89