Ti Press (archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
2 ore
Nuovo corso alla Corsi
CANTONE
2 ore
Soccorritori e sub si esercitano in vista dell'estate
CANTONE
6 ore
Patriziati riuniti in assemblea
CAMORINO
6 ore
Portali aperti al cantiere Alptransit
CANTONE
9 ore
Bellinzona diventa “Fair Trade Town”
CANTONE
9 ore
100 anni del Dono nazionale svizzero
LUGANO
9 ore
Nuda e in stato confusionale sul lungolago
AIROLO
10 ore
Incidente sull'A2, feriti due occupanti del bus
AIROLO
11 ore
Incidente in autostrada, coinvolto un bus
CAMPIONE D’ITALIA
12 ore
«Campione colpito da calamità»
GORDOLA
13 ore
I bimbi sperimentano con le loro mani
CANTONE
13 ore
Flussi migratori e pressione alla frontiera nell'incontro con i Cantoni
AGNO
15 ore
Interruzioni notturne sulla linea FLP
GAMBAROGNO
1 gior
Centocampi in bilico: il giovane agricoltore getta la spugna?
LUGANO
1 gior
Lo Stato alla caccia delle imposte non pagate dal direttore della Aston
CANTONE
15.05.2019 - 08:550

Controllo cantonale delle finanze: «Serve indipendenza!»

Un'iniziativa legislativa del Gruppo MPS-POP-Indipendenti chiede di sopprimere la sua attribuzione amministrativa al Governo

BELLINZONA - «Una preoccupante mancanza di indipendenza del Controllo cantonale delle finanze, non legata alle qualità personali di chi opera in questo servizio ma all’insoddisfacente collocazione dello stesso a livello organico-istituzionale». È quanto lamentano i deputati del Gruppo MPS-POP-Indipendenti, che per cambiare tale situazione hanno deciso di presentare un'iniziativa legislativa (forma elaborata).

Per Matteo Pronzini, Simona Arigoni, Angelica Lepori non si tratta comunque di una sorpresa: «Come ci si potrebbe seriamente attendere un’attestazione di vera indipendenza nell’operato di un Servizio sottoposto, anche solo amministrativamente, a un Consigliere di Stato in particolare, e i cui dipendenti sono nominati dal Governo, possono essere licenziati dal Governo e sottostanno al potere gerarchico e disciplinare di quest’ultimo?», si chiedono. La questione riguardante i rimborsi spese e i diritti di carica dei Consiglieri di Stato sarebbe sintomatica di una situazione di «timorosa subordinazione».

Con l'atto parlamentare, i tre chiedono quindi di ritoccare le norme vigenti al fine di consentire al Controllo cantonale delle finanze di assolvere con la necessaria indipendenza i compiti e le responsabilità che gli spettano. Più precisamente:

  • di sopprimere l’attribuzione amministrativa del Controllo cantonale delle finanze a un membro del Governo e, di riflesso, al Consiglio di Stato stesso;
  • di elevare il responsabile del Controllo cantonale delle finanze al rango di magistrato eletto dal Gran Consiglio, su proposta della Commissione gestione e finanze, per un periodo di nomina di 10 anni;
  • di conferire al Controllore cantonale delle finanze la funzione e le responsabilità di autorità di nomina nei confronti dei dipendenti del Controllo cantonale delle finanze;
  • di conferire alla Commissione gestione e finanze del Gran Consiglio la competenza di definire, su proposta del Controllore cantonale delle finanze, l’organigramma nonché il fabbisogno di personale e di risorse finanziarie del Controllo cantonale delle finanze;
  • di eliminare dalla normativa esistente quelle disposizioni che indebitamente conferiscono (o paiono conferire) al Consiglio di Stato un accesso privilegiato al Controllo cantonale delle finanze.

 

Commenti
 
Nmemo 1 sett fa su tio
Sono 40 anni che se ne parla senza mai concludere quello che tutti auspicano, a parole. Politicamente non si è mai avuto il coraggio di realizzare in modo organico un controllo indipendente, sottratto alla politica e al dipartimentalismo. Sarà un miraggio raggiungibile in questa legislatura?
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-05-25 23:40:04 | 91.208.130.87