TiPress
ULTIME NOTIZIE Ticino
MENDRISIO/LUGANO
1 ora
Malore sul treno: «Nessuno ha chiamato i soccorsi»
Le FFS fanno chiarezza sull'episodio di questa mattina. E assicurano: l'affollamento del TiLo era «una situazione del tutto eccezionale»
BRISSAGO
1 ora
Richiedente l'asilo ucciso da un agente, c'è il decreto d'abbandono
Il poliziotto colpì il 38enne ai fianchi con due colpi. Il cittadino srilankese però non si fermò, costringendolo a sparare un terzo colpo, questa volta diretto al torace
LUGANO
1 ora
Angelo Jelmini lascia: «Non mi ricandido»
Il municipale luganese ha dato oggi l'annuncio con un tweet
CANTONE
2 ore
In nome del turismo, in Ticino si pedala assieme
È stato firmato oggi un accordo fra le quattro organizzazioni turistiche regionali e TicinoSentieri per la creazione del Centro di competenza cantonale Mountain Bike
FOTO E VIDEO
CANTONE
2 ore
Due ticinesi sul podio dei formaggi migliori al mondo
Il "Carì 2019" dell'azienda agricola Piz Forca e il "Campo la Torba 2018" dell'azienda Dazio-Alpe Campo La Torba si sono aggiudicati i premi Super Gold e Gold al World Cheese Awards
CANTONE
3 ore
«160 nuovi posti per invalidi adulti entro il 2022»
Nella seduta del 6 novembre il Consiglio di Stato ha approvato la Pianificazione quadriennale delle strutture e dei servizi in questo ambito, finanziata dalla Legge sull'integrazione degli invalidi
LUGANO
3 ore
La tecnologia blockchain al Palazzo dei Congressi
Copernicus e Pangea presentano una conferenza su applicazioni e opportunità della più rivoluzionaria tecnologia dopo Internet
CANTONE / BERNA
3 ore
Ecco perché Carobbio non vuole il posto di Levrat
È partito il toto-nomi per la successione alla guida del Ps svizzero. Ma la ticinese si sfila dalla corsa: «Serve un cambio generazionale»
LUGANO/BERNA
4 ore
Romano polemizza con Gysin: «Sembra Prosecco»
Residui di campagna: il consigliere nazionale punta il dito contro l'origine della bottiglia scelta per un brindisi della neoeletta dei Verdi. Che replica decantando gli spumanti svizzeri
MENDRISIO
4 ore
Stabio si attacca al TRAM
Il Municipio si rammarica per la risoluzione del Consiglio di Stato che ha respinto il ricorso contro la chiusura del nucleo di Ligornetto: «I nostri argomenti non sono stati attentamente valutati»
CANTONE
6 ore
Il Ticino toglie la patente a Balotelli
Sul Foglio ufficiale odierno la notifica della Sezione della circolazione. Non potrà guidare sulle nostre strade dal 31 dicembre 2019 al 30 marzo 2020
FOTO E VIDEO
CAMPIONE D’ITALIA
6 ore
Campionesi in piazza per il proprio futuro
I cittadini dell'enclave non vogliono l'inclusione nel territorio doganale dell'Unione europea. Chiedono di ritirare il provvedimento o, perlomeno, una proroga
LUGANO
6 ore
All’interrogazione di Ghisletta risponde Quadri
Il leghista difende la pubblicazione sul Mattino di un estratto del rapporto della Commissione delle petizioni sulla naturalizzazione dell’imam Jelassi. «È oziosa e al limite del surreale»
CANTONE
20.02.2019 - 20:110
Aggiornamento : 21.02.2019 - 08:09

Niente da fare per l'iniziativa "Giù le mani dalle Officine"

Per la maggioranza del Parlamento si tratta di un atto «superato dagli eventi», considerato il progetto del nuovo stabilimento a Castione per il quale è già stato votato un credito di 100 milioni

BELLINZONA - Niente da fare per l'iniziativa "Giù le mani dalle Officine". Il Gran Consiglio ha bocciato l'iniziativa popolare. In favore del sì hanno votato 16 deputati, contro 42 no (e 7 astenuti). 

Il Parlamento ha infatti già approvato (il 22 gennaio) il credito di 100 milioni per la realizzazione del nuovo stabilimento delle Officine FFS a Castione, al quale si sommano 20 milioni dalla Città di Bellinzona. Ma oggi, in Gran Consiglio, è approdata l’iniziativa popolare “Giù le mani”, di ben 11 anni fa, votata da 15’000 ticinesi dopo lo sciopero degli operai delle Officine.

Tutti concordi, comunque, sul fatto che l'iniziativa abbia permesso di accendere i riflettori sulle Officine quando il 7 marzo 2008 era stata resa pubblica la volontà delle FFS di privatizzare la manutenzione dei carri e portare a Yverdon la manutenzione delle locomotive. «La forza dei cittadini che l'hanno votata ha rafforzato l'agire delle autorità - ha detto il consigliere di Stato Christian Vitta -. Ma la sua concretizzazione comporterebbe dei rischi per il Ticino». Per Pronzini, però, «affermare che se viene votata l’iniziativa le Officine potrebbero dover abbandonare il Ticino è terrorismo».

Confusione in aula - Il voto in Gran Consiglio è stato caratterizzato da un po' di confusione, in quanto trattandosi di un'iniziativa non si è proceduto al consueto voto del rapporto di maggioranza o di minoranza. Dopo il voto, quindi, sono state messe a verbale alcune precisazioni (in primis di Pronzini) sulle intenzioni dei deputati.

Gli interventi - Per Pronzini avrebbero dovuto appoggiare l’iniziativa «tutti coloro che non vogliono essere complici di un progetto di smantellamento e che pensano che ferrovie, poste e ospedali debbano pensare all’interesse pubblico, tutti coloro che vogliono dire basta all’arroganza delle FFS e non vogliono svendere dei posti di lavoro».

Relatore di maggioranza, Fabio Badasci ha spiegato che «questa iniziativa andava votata subito, nel 2008, e non adesso». Secondo il deputato leghista «gli iniziativisti sono completamente fuori dalla realtà e vogliono garanzie che purtroppo nessuno gli può dare». Ma portare al voto popoare l’iniziativa «comporterebbe un rischio troppo alto e potrebbero far svanire gli sforzi portati avanti per tenere le Officine in Ticino». Gli ha fatto eco Alex Farinelli: «L’iniziativa ha portato a un risultato. Ma credere oggi che i ticinesi con un voto obblighino le FFS a collaborare alle nostre regole è un’illusione e vendere qualcosa che non possiamo mantenere».

Quale relatore di minoranza (e rappresentante del PS), Henrik Bang ha invece presentato il controprogetto che prevede di «rilevare tra le attuali attività delle Officine di Bellinzona che non verranno trasferite quelle che presentano prospettive di mercato».

La richiesta al Governo - Il PPD, per bocca di Gabriele De Rosa, si è invece rivolto al Governo chiedendo di valutare la possibilità di partecipare attivamente nel nuovo stabilimento industriale con una partecipazione mista insieme alle FFS come primo attore, Cantone e Comuni. «Questo permetterebbe di portare avanti un progetto più solido e dissipare quei dubbi sulla reale volontà delle FSS di creare l’officina più moderna d’Europa e che Castione non diventi un deposito dei Tilo che le FFS non sanno più dove mettere».

Ticinesi al voto - Gli iniziativisti, comunque, non ritireranno il testo e la palla passa in mano ai ticinesi. Il voto dovrebbe essere fissato per il 19 maggio.

Commenti
 
vulpus 8 mesi fa su tio
Ebbene si va a votare. La politica ticinese ha fatto nuovamente flop, andando a cacciarsi in buco senza uscita.E se i ticinesi accettassero questa iniziativa come arriverebbe poi la politica a metterla in pratica? Ma intelligentemente non valeva la pena che cantone e città avessero portato in avanti una trattativa responsabile, decidendo di anticipo dove insediare le officine cosa avrebbero dovuto contenere? Hanno giocato unicamente per il tornaconto della città di Bellinzona fregandosene delle richieste e aspirazioni. E ora il piatto è servito. Bravi.
bimbogimbo 8 mesi fa su tio
meno male...
albertolupo 8 mesi fa su tio
“Fabio Badasci ha spiegato che «questa iniziativa andava votata subito, nel 2008, e non adesso.” Eh già... e perché non è stato fatto?
occhiodiairolo 8 mesi fa su tio
Pronzini mat da ripiena... Non vale 1.- ogni vocale nel suo cognome...
Fran 8 mesi fa su tio
@occhiodiairolo Eh?? Spiegarsi con parole comprensibili, magari no eh :-)))))))))))))
Pepperos 8 mesi fa su tio
È uno smantellamento.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-12 18:32:16 | 91.208.130.89