Tipress
CANTONE
10.01.2019 - 15:440
Aggiornamento 17:49

Nuove Officine: «Ora serve una decisione rapida»

Il PLR di Bellinzona è soddisfatto per la firma del rapporto della Commissione della gestione

BELLINZONA - «Un significativo passo avanti, ma ora forza!». Con queste parole il PLR di Bellinzona ha espresso la propria soddisfazione per la firma del rapporto favorevole al progetto delle Nuove Officine da parte della Commissione della gestione del Gran Consiglio.

L’auspicio del comitato è che il Parlamento possa ora agire in modo rapido, «evitando le numerose pietre d’inciampo seminate dai diversi portatori di interessi particolari con l’intenzione, nemmeno tanto velata e non certo nell’interesse generale del Ticino, di affossare il progetto».

«Solo con l’approvazione e la crescita in giudicato del credito cantonale il progetto di nuovo stabilimento industriale e la contestuale realizzazione di un polo tecnologico sul sedime oggi occupato dalle Officine FFS potranno vedere la luce, concretizzando così l’auspicio espresso da Municipio e Consiglio comunale, che su questa operazione hanno deciso di investire importanti risorse del nuovo Comune di Bellinzona».

Sarebbe questa l'unica ipotesi «tecnicamente e temporalmente» praticabile secondo il PLR sezionale, che chiede un'azione rapida «senza complicare ulteriormente le cose con l’ipotesi di un controprogetto diretto all’iniziativa popolare che prevede la statalizzazione delle attuali Officine e la sua conduzione da parte del Cantone come ha proposto in questi ultimissimi giorni il Partito socialista» per «necessità elettorale di non farsi sorpassare a sinistra».

Commenti
 
Nmemo 2 mesi fa su tio
Chi è abituato a leggere il politichese, tra le righe del comunicato PLR, intende che già trapela l’impazienza d’imprenditori, politicanti, affaristi, che non aspettano altro che l’area delle officine sia liberata dall’attuale insediamento industriale. Delle Officine, e delle maestranze, a questi politicanti PLR, non importa, oltre le parole a fini elettorali, niente.
casi89 2 mesi fa su tio
allora vuole dire che il nostro governo si e chinato sulla estorsione del ceo ffs a.meyer.bravi bravi vedrete fra 5-6 anni quando questo meyer togliera tutto il lavoro dal ticino per trasferirlo nei pressi di zurigo(limmattal).
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-03-25 05:38:59 | 91.208.130.85