Immobili
Veicoli

CANTONE«Chiesa troppo maschilista, le donne non decidono nulla»

16.12.21 - 09:13
Corinne Zaugg, presidente dell'Unione femminile cattolica, sulla lettera consegnata al Papa dai vescovi svizzeri.
Depositphotos
«Chiesa troppo maschilista, le donne non decidono nulla»
Corinne Zaugg, presidente dell'Unione femminile cattolica, sulla lettera consegnata al Papa dai vescovi svizzeri.
A redigerla il Frauenbund che da anni cerca di portare avanti la parità dei diritti. «Il sacerdozio non è la priorità. Basterebbe avere un po' più di co responsabilità », sottolinea l'esperta.

LUGANO - «Tutte le volte che le donne domandano qualsiasi cosa alla Chiesa, sembra che chiedano il sacerdozio. Certo è un tema di cui si discute, ma non è prioritario. Quello che le donne chiedono è di venire considerate quando si tratta di affidare dei compiti all’interno della Chiesa, di essere viste e ascoltate». Ad affermarlo è Corinne Zaugg, giornalista e presidente dell'Unione femminile cattolica ticinese. A fine novembre i vescovi svizzeri hanno consegnato al Papa una lettera da parte dell'associazione Frauenbund. Il testo chiedeva che le donne potessero avere più spazio in ambito ecclesiastico. «Perché – evidenzia Zaugg – le donne al momento fanno tutto, dalle catechiste alle sagrestane, ma non decidono nulla». 

Un'occasione da non perdere – La rivendicazione del Frauenbund, la Lega svizzera delle donne cattoliche, parte da lontano. Già nel 2016 era stato promosso un pellegrinaggio a piedi da San Gallo a Roma per chiedere una “Chiesa con le donne”. «Ogni cinque anni i vescovi visitano il Papa, per quella che viene chiamata la “visita ad limina”. Le donne del Frauenbund hanno colto l'occasione per consegnare ai vescovi svizzeri una missiva da portare a Roma che riprendeva il tema della partecipazione e del ruolo delle donne svizzere in seno alla Chiesa. I vescovi svizzeri, alla fine della visita hanno dichiarato che il tema delle donne è stato fatto presente durante le visite dei vari dicasteri, anche se ancora non si sa con che risultati».

Qualcosa si muove, ma non basta – Recentemente sono state diverse le donne che sono state chiamate a rivestire ruoli importanti in seno alla Chiesa cattolica. Ricordiamo suor Nathalie Becquart, nominata sottosegretaria al sinodo dei vescovi. O ancora Catia Summaria, promotrice di giustizia della Corte di Appello in Vaticano. «Nomine importanti, ma insufficienti per poter parlare di una rappresentanza femminile diffusa. La Chiesa è un'istituzione fortemente patriarcale, retta e gestita da uomini celibi, da secoli l’elemento femminile è totalmente assente. Questo non trova alcuna giustificazione nel Vangelo. Gesù ha sempre avvicinato le donne con rispetto e attenzione. E le prime testimoni della sua resurrezione furono proprio donne».

Il pretesto che forse non regge più – Sarà. Ma intanto il fatto che i dodici apostoli fossero maschi viene usato dalla Chiesa cattolica come pretesto per impedire il sacerdozio al femminile. «Nel corso dei secoli dopo Cristo, la società si è richiusa nel patriarcato. Questo ha condizionato decisamente anche la Chiesa. Le donne ancora oggi faticano a farsi ascoltare. E quando vengono interpellate, lo sono solo su aspetti che vengono ritenuti siano loro propri: la maternità, la famiglia, la cura. Invece sarebbe bello se la loro voce potesse accompagnare quella degli uomini in tutti gli ambiti. Perché non ci sono temi preclusi alle donne. Non c'è ancora l'abitudine a un confronto alla pari. Ed è soprattutto questo che viene richiesto a gran voce». 

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE TICINO