tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
17 min
I più scattanti con il "booster" agli over16
A questa cifra vanno aggiunte le persone che si sono rivolte alle farmacie e agli studi medici
FOTO
MENDRISIO
1 ora
I diciottenni di Mendrisio al cinema
Ha avuto luogo oggi il consueto incontro con le autorità cittadine
RIAZZINO
2 ore
Al Vanilla la musica resta spenta
Il Consiglio federale è andato incontro alle discoteche. Ma la struttura di Riazzino mantiene la propria decisione
BELLINZONA
3 ore
Il villaggio natalizio di Bellinzona solo per vaccinati e guariti
Per il mercato del sabato e i mercatini in programma varrà invece l'obbligo di mascherina
Ticino
4 ore
Ecco dove verranno posizionati i radar la prossima settimana
La polizia ricorda che «la velocità elevata permane una delle maggiori cause d'incidenti»
Riva San Vitale
4 ore
Il mercatino di Natale è stato annullato
Lo comunicano oggi gli organizzatori e il Municipio
CANTONE
4 ore
La cucciolata che non intenerisce gli allevatori
Il nascita di tre lupacchiotti è «una cattiva notizia» commenta l'associazione per la protezione dai predatori
Stabio
4 ore
Auguri Dolores! A Stabio c'è una nuova centenaria
La festeggiata è nata il tre dicembre del 1921
LUGANO
5 ore
Obbligo di mascherina in centro a Lugano
La misura scatta domani, sabato 4 dicembre, nella zona pedonale della città
Lugano
5 ore
È stato premiato «l’instancabile impegno» del Telefono Amico
Da 60 anni opera gratuitamente sul suolo confederato. Sono aperte le iscrizioni per i corsi di formazione del 2022
LUGANO
6 ore
Con due click un gesto di calore
Scatta l'iniziativa "Sorridi con gli occhi, aggiungi un posto a tavola". Ecco come funziona.
SVIZZERA
6 ore
Niente test a scuola, il sindacato protesta
Il Vpod/Ssp invoca una maggiore protezione dell'insegnamento in presenza
CANTONE
26.10.2021 - 06:000

Primavera infelice per gli apicoltori, latita il miele d'acacia

Il presidente della Società Ticinese Apicoltori: «Possibile un aumento dei costi».

L'invito resta comunque a consumare miele locale: «Rispetto ai mieli d’importazione è certamente più "vivo"».

LUGANO - Il maltempo, quest'anno, ha tarpato le ali alle api che, non potendo raccogliere il nettare, non hanno potuto impollinare i fiori. Conseguenza? Quest'anno di miele, in Svizzera, se n'è raccolto poco. I dati forniti da apisuisse parlano chiaro: il raccolto medio primaverile è stato di 1,9 chili per colonia. Per fare un confronto, solitamente se ne raccolgono 11,2 chili. È andato leggermente meglio il raccolto estivo medio: 5,3 chili contro i 18,7 chili dell'anno precedente. 

Miele d'acacia: «poco e niente» - Il Ticino tutto sommato se l'è cavata, ma gli apicoltori della Svizzera italiana non possono comunque cantare vittoria. «Non siamo usciti con le ossa rotte, ma è stato comunque un anno negativo», ammette Davide Conconi, presidente della Società Ticinese Apicoltori (FTA).

Anche alle nostre latitudini, infatti, le arnie hanno subito le conseguenze delle gelate primaverili: «Il raccolto sulla robinia, che permette la produzione di quello che comunemente è chiamato miele di acacia, è stato praticamente inesistente. È venuto a mancare un miele importante dal punto di vista commerciale e fondamentale in quanto "calcio d'inizio" della stagione riproduttiva delle api».

L'handicap ha costretto gli apicoltori a correre ai ripari: «Hanno dovuto nutrire in modo intensivo le colonie per non rischiare di perderle». Questo succedaneo del cibo vero ha permesso a malapena il loro sostentamento: «Al posto dei melari, adibiti a raccogliere il miele, si vanno a inserire delle scodelline con all'interno dello sciroppo zuccherino. Ovviamente le api non possono vivere un anno intero a sciroppo di zucchero, che resta alimento povero di nutrienti». 

In estate bene, ma non benissimo - Contrariamente a quanto accaduto in svizzera interna, in Ticino la stagione estiva ha permesso di tamponare le perdite subite in partenza: «Durante la fioritura del tiglio o del castagno le condizioni meteo sono state più generose. Così si è salvato quello che è il raccolto principale del Ticino, anche se non è stato comunque eccellente. A nord delle Alpi, invece, le cose non sono andate altrettanto bene proprio perché questa grande fioritura di tigli e castagni non c'è».

Miele più caro - Tutto ciò, inevitabilmente, andrà ad incidere sul costo del miele: «Soprattutto presso la grande distribuzione, che ha contratti con grandi distributori e che registrerà un calo delle forniture - suppone il presidente di FTA -. Immagino che il piccolo produttore, che vende direttamente al privato, preferirà sobbarcarsi i costi mantenendo inalterato il prezzo del prodotto per mantenere inalterato il rapporto di fiducia e di amicizia con il proprio cliente». 

Per Conconi, il prodotto locale resta comunque da privilegiare: «Quando si trovano nei supermercati dei mieli a basso costo, si deve considerare che questi arrivano dall’estero e subiscono diverse lavorazioni prima di finire sugli scaffali. Il miele ticinese, ma anche quello svizzero - quindi con una filiera corta - è in sostanza un prodotto più "vivo", preferibile dal punto di vista organolettico». 

A fare la differenza del prezzo, poi, anche la qualità di miele prodotto: «Non sono tutti uguali. Penso al miele di rododendro, che si raccoglie in montagna, è raro e molto soggetto alle condizioni meteo. Ovviamente il suo costo non potrà essere lo stesso di un miele d’acacia o di castagno».

In tutto ciò, la protagonista resta l’ape, che non se la sta passando benissimo negli ultimi anni: «Si tratta di una specie che fatica ad adattarsi al cambiamento climatico, così come alla cementificazione e all’uso di pesticidi chimici. Una specie che, ma ormai lo sappiamo tutti, va tenuta in seria considerazione e va protetta».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Lorenzo62 1 mese fa su tio
Che tristezza. Le api e il miele sono la cartina al tornasole della salubrità dell'ambiente.
Evry 1 mese fa su tio
si ma dovete SFRUTTARLE MENO !!!!!! certi apicoltori sono peggio che i Landvogti saccheggiatori ! speriamo in meglio, auguri
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-03 21:17:22 | 91.208.130.85