Lieve calo della disoccupazione
tipress (archivio)
CANTONE / BERNA
09.08.2021 - 08:290
Aggiornamento : 11:25

Lieve calo della disoccupazione

A livello cantonale il tasso è del 2,7%.

Il dato è in linea con quello nazionale che si attesta al 2,8%.

LUGANO - Continua a calare, seppur lievemente, il numero di disoccupati in Svizzera: a fine luglio erano 128'279 le persone iscritte presso gli uffici regionali di collocamento (URC), 3542 in meno rispetto al mese precedente e 20'591 in meno rispetto a luglio di un anno fa. Lo indica stamane la Segreteria di Stato dell'economia (Seco), precisando che il tasso di disoccupazione è rimasto invariato al 2,8% su base mensile.

In Ticino il tasso di disoccupazione si è attestato al 2,7% (-0,1 punti rispetto a giugno, -0,7 su base annua), nei Grigioni allo 0,9% (-0,3 e -6,0).

In controtendenza, a livello nazionale, il numero di giovani disoccupati (15-24 anni), aumentato di 438 unità, per un totale di 12’201, ma in calo di 5694 rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Il numero dei disoccupati di 50-64 anni è da parte sua diminuito di 1291 persone, attestandosi a 39'142. Rispetto al luglio del 2020 ciò corrisponde a una diminuzione di 388 persone.

Le altre regioni - A livello regionale, i cantoni romandi continuano a essere quelli più colpiti, anche se nessuno supera la soglia psicologica del 5,0%. Il primato spetta ancora una volta a Ginevra (4,9%), davanti a Giura (4,8%), Neuchâtel (4,0%) e Vaud (3,8%). Rimane elevato anche il tasso di Basilea Città (3,7%) e Argovia (3,3%). Sul fronte opposto, Appenzello Interno resta il cantone con meno disoccupati (0,7%). Zurigo è in linea con la media nazionale (2,8%).

I dati diffusi dalla Seco si basano sulle persone effettivamente iscritte agli uffici regionali di collocamento (URC). La definizione è quindi diversa da quella dei disoccupati ai sensi dell'Ufficio internazionale del lavoro (ILO), che opera attraverso sondaggi. Lo scarto fra i due dati - quello della Seco e quello ILO - suscita spesso acceso dibattito.

Secondo i dati provvisori forniti dalle casse di disoccupazione, nel corso del mese di maggio, 46 persone hanno esaurito il loro diritto alle prestazioni dell'assicurazione contro la disoccupazione, precisa la nota. Infine, la Seco indica che nel mese di maggio 2021 sono state colpite dal lavoro ridotto 257'467 persone, 46'817 in meno rispetto al mese precedente. Il numero delle aziende interessate è diminuito di 5502 unità portandosi a 35'517.

Disoccupazione parziale - Attualmente, «molto meno di 200'000 persone» sono interessate dalla disoccupazione parziale, ha affermato Boris Zürcher, direttore della divisione lavoro presso la Seco, in conferenza telefonica. A maggio erano 257'467 le persone interessate da questa misura, in calo del 15% rispetto al mese precedente. Il numero delle aziende interessate è diminuito di 5502 unità portandosi a 35'517.

All'inizio della pandemia circa 900'000 dipendenti in quasi 110'000 aziende erano interessati dal lavoro ridotto. Zürcher si è detto fiducioso sul numero di persone colpite da questa misura. La perdita di lavoro raggiunge in media il 40% per dipendente, contro quasi il 50% all'inizio del 2021.


 
 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-17 07:29:54 | 91.208.130.85