tipress
Frate Agostino Del Pietro nella biblioteca della Madonna del Sasso a Orselina
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO
CAMPIONE D'ITALIA
1 ora
Il Casinò di Campione riaccende le luci
La facciata dell'edificio è tornata a illuminarsi dopo oltre tre anni dal suo spegnimento.
LUGANO
2 ore
«Sempre più solo, così il prete cede al sesso»
Torna d'attualità il celibato obbligatorio tra i sacerdoti cattolici. Il teologo Alberto Bondolfi lo abolirebbe.
CANTONE
4 ore
Con la mascherina già dalla quarta elementare
Il Consiglio di Stato ha comunicato ai Comuni di voler introdurre la misura a partire da lunedì.
CANTONE
4 ore
Ventiquattro finestrelle sullo sviluppo sostenibile
Torna il Calendario dell'Avvento sostenibile 2021
Porza
4 ore
Pranzo gratuito di Natale organizzato dagli Amici del Grott
Durante il 2021 il gruppo è riuscito a raccogliere 15'000 franchi che verranno devoluti in beneficenza
CANTONE
5 ore
Al casinò di Mendrisio si giocherà anche a poker
La novità, disponibile a partire dal nuovo anno, è stata presentata questa mattina.
CANTONE
5 ore
Test ripetuti nelle scuole? «I laboratori sarebbero in difficoltà»
Ecco il parere ticinese sulle misure anti-coronavirus che il Consiglio federale ha messo in consultazione
CANTONE
6 ore
Michela Trisconi nuova Delegata cantonale all’integrazione degli stranieri
È stata nominata dal Consiglio di Stato, succede ad Attilio Cometta
LOCARNO
6 ore
Legnanesi e Brachetti, ci vuole la mascherina
La richiesta degli organizzatori degli spettacoli di questo fine settimana al Palexpo Fevi
LUGANO
6 ore
Ex Macello, di nuovo interrogata Karin Valenzano Rossi
La municipale ha risposto oggi alle domande dell'avvocato degli autogestiti Costantino Castelli.
CANTONE
8 ore
Un altro sciopero italiano potrebbe bloccare i Tilo al confine
La limitazione ferroviaria oltre confine è prevista per venerdì 3 dicembre
LUGANO
9 ore
Ecco le vincitrici del Premio Lions Club Ceresio
Consegnato il riconoscimento per i migliori Lavori di diploma del Dipartimento formazione e apprendimento della SUPSI.
LUGANO/LOCARNO
22.04.2021 - 06:000
Aggiornamento : 12:45

Il pluri-omicida nel convento: «Non dovevo dirlo a nessuno»

Frate Agostino Del Pietro racconta il soggiorno di Günter Tschanun tra i frati Cappuccini

Il segreto tenuto per vent'anni. Nel 2001 l'ex detenuto aveva bisogno di un rifugio tranquillo dove "sparire". «Rispettoso e umano. Voleva imparare l'italiano».

LUGANO - Frate Agostino ha la barba lunga come i suoi anni (64) ma non come la memoria, purtroppo, specie quando si tratta di segreti delicati. «Ero nel convento, sì, in quell'anno, ma...». Il nome di Günther Tschanun non dice niente all'ex priore dei Cappuccini di Lugano: è passato un quinto di secolo da quando il pluri-omicida zurighese, scontata la pena, si trasferì in Ticino per iniziare una nuova vita. E bussò proprio alla porta del convento in cima alla Salita dei Frati.

Rivelazioni post-mortem - «Cosa vuole, dopo vent'anni». Funziona meglio la falsa identità del condannato: Claudio Trentinaglia. «Questo sì, mi dice qualcosa». L'eco mediatica del caso-Tschanun, che da settimana scorsa rimbalza su giornali e tv in tutta la Svizzera, non è arrivata fino al Santuario della Madonna del sasso: qui frate Agostino Del Pietro si è trasferito, dopo la chiusura del convento di Lugano. Due anni fa ha ceduto la guida dell'ordine e vive ritirato tra l'orto e la biblioteca. Non sa niente - dice - della vicenda. 


tipress
Veduta del convento dei Cappuccini di Lugano, dove Tschanun trascorse buona parte del 2001.

La telefonata da Zurigo - La notizia della morte di uno dei più famosi assassini svizzeri - in un incidente in bici a Losone, nel 2015 - ha innescato una serie di rivelazioni nei giorni scorsi. Anche frate Agostino, dopo essersi preso qualche ora per riflettere (e aggiornarsi), fa la sua: «In effetti lo accogliemmo nella nostra comunità, è vero». A tio.ch/20minuti il religioso racconta di essere stato «contattato per telefono da un funzionario di Zurigo, non ricordo più di quale ufficio» agli inizi del 2001. La richiesta era delicata. «Mi chiese se potevamo ospitare questa persona». Dopo alcuni giorni Tschanun alias Trentinaglia viene accompagnato nel convento e inizia la sua nuova vita, in segreto.

Un ospite rispettoso - «Non parlava molto di sé, passava il tempo in giardino e a seguire corsi di italiano. Era molto motivato e rispettoso» ricorda il cappuccino. Della vita conventuale sembra che il pregiudicato abbia condiviso più i pasti - «tutti insieme, in raccoglimento» - che le preghiere - «qualche volta, forse» - ma Del Pietro ricorda «dei contatti molto umani e aperti» con i frati. «Praticava con noi l'italiano. Solo un paio di volte, forse, ha accennato al suo turbamento e al passato».

Massima discrezione - Ma la memoria del frate tentenna di nuovo. «È passato troppo tempo». Torna solo a barlumi: «Devo essere onesto, sapevo chi era» confida. «Ma mi era stata raccomandata la massima segretezza, anche con gli altri frati. A Zurigo si temeva molto che il nome venisse fuori». L'ex detenuto aveva bisogno di "sparire" per un po' e dopo circa un anno «ci disse che si sentiva pronto a tentare la vita all'esterno, che aveva trovato una casa, forse una donna». Qui il ricordo sfuma nella cronaca. «Forse parlò di una donna». E si chiude nel giudizio sereno: «Penso che una persona possa redimersi anche dalle cose più brutte. Che lui avesse avuto modo di riflettere e ravvedersi» conclude frate Agostino. «Sembrava una persona tranquilla, e con buoni propositi».   


keystone
Tschanun all'epoca del processo, nel 1988.

 

tipress
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-01 20:45:14 | 91.208.130.86