tipress
Frate Agostino Del Pietro nella biblioteca della Madonna del Sasso a Orselina
ULTIME NOTIZIE Ticino
TICINO/GRIGIONI
9 ore
Mauro Gianetti turbato: «Questa foto fa venire i brividi»
Sassi sul Passo del Lucomagno, dove negli ultimi giorni è passato per ben due volte il Tour de Suisse.
CANTONE
9 ore
«Chiunque gioca sulle paure finisce per vincere»
Legge sul terrorismo, Paolo Bernasconi preoccupato: «Si rischia di arrivare a controllare perfino gli animalisti».
TICINO/GRIGIONI
10 ore
Cadono sassi sulla strada del Passo del Lucomagno
Proprio in giornata da quel punto era transitata la carovana ciclistica del Tour de Suisse.
CANTONE
13 ore
Pensioni del Consiglio di Stato: «Si volta pagina»
La Legge sulla previdenza dei membri del Consiglio di Stato ha incassato il 52.1% di voti a favore
CANTONE
13 ore
Tre no e due sì dal Ticino
Le urne hanno respinto la legge sul Co2 e le iniziative agrarie. Favorevoli invece alla legge Covid e di polizia.
LUGANO
16 ore
Demolizione ex Macello, spunta un'altra telefonata
La polizia avrebbe chiamato un impiegato comunale tra le 20.00 e le 20.30.
CANTONE
18 ore
Prima notte tropicale e oggi qualche ora di canicola
Nel pomeriggio sono attese temperature massime fino a 34 gradi.
FOTO E VIDEO
CHIASSO
19 ore
Anziano leggermente intossicato dal fumo a Chiasso
L'incendio, divampato questa mattina nella cantina di una palazzina di via Soldini, è stato domato dai pompieri.
CANTONE
19 ore
In Ticino altri tre casi e zero decessi
Gli ospedali cantonali accolgono attualmente un solo paziente. Le cure intense sono vuote da due settimane.
FOTO E VIDEO
CANTONE
20 ore
I centauri ticinesi ricordano Jason Dupasquier
L'Associazione Motociclisti Ticinesi ha voluto realizzare un piccolo gesto simbolico in memoria del giovane pilota.
CANTONE
21 ore
Quei falsi profili di Rapelli che sono spuntati su Facebook
La ditta ticinese lancia l'allarme ai propri clienti: «Non siamo noi. Non partecipate al concorso».
LOCARNO
1 gior
Strano funerale in Piazza Grande
Una bara, un prete e persone in lutto al seguito. Il mini corteo non è passato inosservato. Chi è morto?
LUGANO/LOCARNO
22.04.2021 - 06:000
Aggiornamento : 12:45

Il pluri-omicida nel convento: «Non dovevo dirlo a nessuno»

Frate Agostino Del Pietro racconta il soggiorno di Günter Tschanun tra i frati Cappuccini

Il segreto tenuto per vent'anni. Nel 2001 l'ex detenuto aveva bisogno di un rifugio tranquillo dove "sparire". «Rispettoso e umano. Voleva imparare l'italiano».

LUGANO - Frate Agostino ha la barba lunga come i suoi anni (64) ma non come la memoria, purtroppo, specie quando si tratta di segreti delicati. «Ero nel convento, sì, in quell'anno, ma...». Il nome di Günther Tschanun non dice niente all'ex priore dei Cappuccini di Lugano: è passato un quinto di secolo da quando il pluri-omicida zurighese, scontata la pena, si trasferì in Ticino per iniziare una nuova vita. E bussò proprio alla porta del convento in cima alla Salita dei Frati.

Rivelazioni post-mortem - «Cosa vuole, dopo vent'anni». Funziona meglio la falsa identità del condannato: Claudio Trentinaglia. «Questo sì, mi dice qualcosa». L'eco mediatica del caso-Tschanun, che da settimana scorsa rimbalza su giornali e tv in tutta la Svizzera, non è arrivata fino al Santuario della Madonna del sasso: qui frate Agostino Del Pietro si è trasferito, dopo la chiusura del convento di Lugano. Due anni fa ha ceduto la guida dell'ordine e vive ritirato tra l'orto e la biblioteca. Non sa niente - dice - della vicenda. 


tipress
Veduta del convento dei Cappuccini di Lugano, dove Tschanun trascorse buona parte del 2001.

La telefonata da Zurigo - La notizia della morte di uno dei più famosi assassini svizzeri - in un incidente in bici a Losone, nel 2015 - ha innescato una serie di rivelazioni nei giorni scorsi. Anche frate Agostino, dopo essersi preso qualche ora per riflettere (e aggiornarsi), fa la sua: «In effetti lo accogliemmo nella nostra comunità, è vero». A tio.ch/20minuti il religioso racconta di essere stato «contattato per telefono da un funzionario di Zurigo, non ricordo più di quale ufficio» agli inizi del 2001. La richiesta era delicata. «Mi chiese se potevamo ospitare questa persona». Dopo alcuni giorni Tschanun alias Trentinaglia viene accompagnato nel convento e inizia la sua nuova vita, in segreto.

Un ospite rispettoso - «Non parlava molto di sé, passava il tempo in giardino e a seguire corsi di italiano. Era molto motivato e rispettoso» ricorda il cappuccino. Della vita conventuale sembra che il pregiudicato abbia condiviso più i pasti - «tutti insieme, in raccoglimento» - che le preghiere - «qualche volta, forse» - ma Del Pietro ricorda «dei contatti molto umani e aperti» con i frati. «Praticava con noi l'italiano. Solo un paio di volte, forse, ha accennato al suo turbamento e al passato».

Massima discrezione - Ma la memoria del frate tentenna di nuovo. «È passato troppo tempo». Torna solo a barlumi: «Devo essere onesto, sapevo chi era» confida. «Ma mi era stata raccomandata la massima segretezza, anche con gli altri frati. A Zurigo si temeva molto che il nome venisse fuori». L'ex detenuto aveva bisogno di "sparire" per un po' e dopo circa un anno «ci disse che si sentiva pronto a tentare la vita all'esterno, che aveva trovato una casa, forse una donna». Qui il ricordo sfuma nella cronaca. «Forse parlò di una donna». E si chiude nel giudizio sereno: «Penso che una persona possa redimersi anche dalle cose più brutte. Che lui avesse avuto modo di riflettere e ravvedersi» conclude frate Agostino. «Sembrava una persona tranquilla, e con buoni propositi».   


keystone
Tschanun all'epoca del processo, nel 1988.

 

tipress
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-14 05:43:19 | 91.208.130.86