foto Tio.ch/20min
Il palazzo in via Barchee a Losone in cui Tschanun ha trascorso gli ultimi anni, in un trilocale di proprietà della sua compagna.
+3
ULTIME NOTIZIE Ticino
TICINO/GRIGIONI
8 ore
Mauro Gianetti turbato: «Questa foto fa venire i brividi»
Sassi sul Passo del Lucomagno, dove negli ultimi giorni è passato per ben due volte il Tour de Suisse.
CANTONE
8 ore
«Chiunque gioca sulle paure finisce per vincere»
Legge sul terrorismo, Paolo Bernasconi preoccupato: «Si rischia di arrivare a controllare perfino gli animalisti».
TICINO/GRIGIONI
10 ore
Cadono sassi sulla strada del Passo del Lucomagno
Proprio in giornata da quel punto era transitata la carovana ciclistica del Tour de Suisse.
CANTONE
12 ore
Pensioni del Consiglio di Stato: «Si volta pagina»
La Legge sulla previdenza dei membri del Consiglio di Stato ha incassato il 52.1% di voti a favore
CANTONE
13 ore
Tre no e due sì dal Ticino
Le urne hanno respinto la legge sul Co2 e le iniziative agrarie. Favorevoli invece alla legge Covid e di polizia.
LUGANO
15 ore
Demolizione ex Macello, spunta un'altra telefonata
La polizia avrebbe chiamato un impiegato comunale tra le 20.00 e le 20.30.
CANTONE
17 ore
Prima notte tropicale e oggi qualche ora di canicola
Nel pomeriggio sono attese temperature massime fino a 34 gradi.
FOTO E VIDEO
CHIASSO
18 ore
Anziano leggermente intossicato dal fumo a Chiasso
L'incendio, divampato questa mattina nella cantina di una palazzina di via Soldini, è stato domato dai pompieri.
CANTONE
18 ore
In Ticino altri tre casi e zero decessi
Gli ospedali cantonali accolgono attualmente un solo paziente. Le cure intense sono vuote da due settimane.
FOTO E VIDEO
CANTONE
19 ore
I centauri ticinesi ricordano Jason Dupasquier
L'Associazione Motociclisti Ticinesi ha voluto realizzare un piccolo gesto simbolico in memoria del giovane pilota.
CANTONE
21 ore
Quei falsi profili di Rapelli che sono spuntati su Facebook
La ditta ticinese lancia l'allarme ai propri clienti: «Non siamo noi. Non partecipate al concorso».
LOCARNO
1 gior
Strano funerale in Piazza Grande
Una bara, un prete e persone in lutto al seguito. Il mini corteo non è passato inosservato. Chi è morto?
FOTO E VIDEO
RIAZZINO
1 gior
Si scontra con un'auto, ferito uno scooterista
L'incidente è avvenuto questo pomeriggio sulla strada cantonale di Riazzino.
VIDEO
BELLINZONA
1 gior
Il Castello di mezzo svela i propri segreti
È stata inaugurata oggi l'esposizione Archeologia Montebello.
CANTONE
1 gior
Battezzato il nuovo Giruno Ticino
L'evento si è svolto questa mattina alla presenza delle autorità cantonali, tra cui Claudio Zali e Nicola Pini.
CANTONE
1 gior
Philipp Plein doppiamente nei guai
L'ispettorato del lavoro e una società italiana hanno presentato due denunce penali al Ministero pubblico
CANTONE
1 gior
Un altro giorno senza decessi, i casi sono tre
Gli ospedali cantonali accolgono attualmente un solo paziente. Le cure intense sono vuote da ormai due settimane.
CANTONE
2 gior
«Il certificato Covid non deve diventare un mostro burocratico»
HotellerieSuisse accoglie con favore il ripristino della libertà di viaggiare.
LOSONE
21.04.2021 - 06:000
Aggiornamento : 16:05

«Un vicino tranquillo, mai avremmo immaginato»

Claudio Trentinaglia è ormai una leggenda a Losone. Da giorni in paese non si parla d'altro

I giornali continuano a scoprire nuovi dettagli sulla vicenda del pluri-omicida deceduto lungo la Maggia nel 2015. Resta il mistero sulla rendita d'invalidità

LOSONE - Il signore «che ha ucciso tutte quelle persone» abitava in un appartamento in via Barchee a Losone, zona tranquilla, risparmiata finora dalla cronaca poliziesca e da qualsiasi tipo di cronaca in realtà: ora, dopo le rivelazioni giornalistiche, naturalmente anche i bambini conoscono la storia e additano l'appartamento come si additano i luoghi stregati.

«Sì abitava qui» conferma un vicino di casa di 10 anni. Il nome "Tschanun" fatica a pronunciarlo: ha un che di cupo ed evocativo, sicuramente meno rassicurante di Trentinaglia, Claudio, il simpatico anziano appassionato di giardinaggio e passeggiate, come tutti gli svizzero-tedeschi in pensione. 


foto Tio.ch/MECCHE
Il palazzo in via Barchee a Losone in cui Tschanun ha trascorso gli ultimi anni, in un trilocale di proprietà della sua compagna.

«Andava ogni giorno in bici lungo la Maggia, giù fino al lido di Ascona» ricorda un'altra vicina, madre di famiglia. «Non so cosa facesse là tutto il tempo, da solo. Era un tipo piuttosto pensieroso». Il 25 febbraio 2015 il 73enne ha fatto il suo ultimo giro lungo il fiume, e non è più tornato a casa: in zona ponte della Maggia «ha perso il controllo della bici cadendo sull'argine di erba sottostante, un volo di alcuni metri» si legge nel comunicato emanato all'epoca da Rescue Media. I media locali pubblicarono la notizia, poi il necrologio; l'associazione "Amici della Montagna" che gestisce la capanna Al Legn sopra Brissago - dove Trentinaglia aveva lavorato per un'estate - lo ricordò durante un'assemblea, e la cosa finì lì.   


foto Tio.ch/MECCHE
La villa vista-lago in via Gottardo Madonna: qui Tschanun ha vissuto dal 2002, assieme alla compagna. Nel 2007 la casa viene venduta, e Tschanun trasloca a Losone.

Se si fosse saputo che l'«anziano ciclista» del comunicato di polizia, il Claudio Trentinaglia del documento d'identità, era in realtà uno dei pluri-omicidi più famosi della Svizzera, l'eco sarebbe stata ben diversa. Ma il circo mediatico è arrivato a Losone con cinque anni di ritardo, per merito della reporter del Tages Anzeiger Michèle Binswanger. «All'epoca dei fatti ero una ragazzina ma ricordo che la vicenda mi colpì molto, come tutti» ha raccontato a tio.ch/20minuti la giornalista. Era il 1986: l'architetto Günther Tschanun, capo della polizia edile della città di Zurigo, uccise a colpi di pistola quattro suoi collaboratori e ne ferì un quinto, a seguito di un esaurimento nervoso. Arrestato in Francia dopo tre settimane di fuga, fu condannato a 20 anni di carcere. Nel 2000 uscì di galera per buona condotta, e di lui non si è saputo più niente. 


foto Tamedia
Nell'aprile 2021, a 35 anni dalla strage, la giornalista di Tamedia Michèle Binswanger ha portato alla luce la fine della storia

Finché due anni fa, durante una visita guidata al Museo criminale della Polizia di Zurigo, Binswanger s'imbatte per caso in una voce di corridoio. «La guida ci raccontò che Tschanun era morto in un incidente in bicicletta in Ticino» ricorda. Poteva restare un aneddoto "da museo" non verificato, ma Binswanger fa dei controlli e la voce si rivela fondata. «Il ciclista morto a Losone era proprio lui, il pluri-omicida sparito nel nulla».

La conferma ha richiesto due anni di ricerche e paziente attesa: il Dipartimento di giustizia di Zurigo, a cui la giornalista si è rivolta per chiedere un certificato di morte e una serie di documenti su Tschanun, risponde che «il materiale era protetto da privacy». Il gruppo Tamedia intenta una causa civile, e a gennaio di quest'anno il tribunale concede l'accesso agli atti. «Ho passato il mese successivo a esaminare il materiale e a fare ricerche, anche in Ticino, dove però quasi nessuno era al corrente della verità» autorità comprese.


rescue media
L'anziano viene trovato dai soccorritori in gravissime condizioni. Morirà in ospedale

Ora si è scoperto il perché. Dalle indagini giornalistiche è venuta a galla una copertura organizzata con cura dal Dipartimento di giustizia del canton Zurigo, che per 15 anni ha assicurato a Tschanun sostegno finanziario e una seconda vita sotto un nome fittizio (quello di un prozio). L'ex detenuto riceveva una rendita d'invalidità di 2500 franchi al mese dai servizi sociali di Appenzello Esterno: un cantone in cui non ha tuttavia mai risieduto. I comuni di Ronco sopra Ascona e Losone non ne erano nemmeno al corrente. 

 «Non aveva alcuna disabilità fisica apparente» raccontano gli ex vicini. «Era molto colto e intelligente, sempre disponibile». Anche per Binswanger la questione della rendita Ai resta un nodo irrisolto. «Bisognerebbe capire come mai gli sia stata concessa, e fino a che punto le autorità si sono spinte per nasconderne la nuova identità» conclude Binswanger. Un'ultima stranezza, in una vita costellata di misteri.  


keystone
Tschanun all'epoca del processo, nel 1988: lo attendono 12 anni di carcere per omicidio intenzionale e tentato omicidio

foto Tio.ch/20min
Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-14 05:06:30 | 91.208.130.87