TiPress - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Ticino
Mendrisio
6 ore
Mendrisiotto contro Ustra, anche il Plr si schiera
Il partito dice no alla corsia per la sosta dei camion lungo l'autostrada A2. «I camion vanno dosati prima»
LUGANO
8 ore
S'invola per gli Emirati, lasciando un cavallino nero in Ticino
Sul sito delle aste dell'Ufficio di esecuzione è sbucata una Ferrari 458 nera
CANTONE
9 ore
La “pandemia dei bambini”... anche nelle scuole ticinesi
In molti si dicono favorevoli all'introduzione dei test ripetuti e alla mascherina obbligatoria dalla quarta elementare
Politica
11 ore
Partito comunista, eletto un nuovo Comitato Centrale di venti persone
Riconfermata la fiducia a Massimiliano Ay, rieletto segretario politico
CANTONE
12 ore
Alle medie mancano professori di francese
Formazione dei docenti, il DECS e il DFA hanno fatto il punto della situazione tra passato, presente e futuro.
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
12 ore
Il cuoco Diego Della Schiava è un nuovo talento
È attivo al The View di Lugano. È invece di Vals (GR) Mitja Birlo, il cuoco dell'anno
CADENAZZO
15 ore
Cento candeline per Carlo Giovanora
Il neo centenario è stato festeggiato dai famigliari e da una delegazione del Municipio di Cadenazzo.
CANTONE
15 ore
Esplosione di casi nelle scuole
Durante il weekend sono state segnalate ben ventidue quarantene di classe (sedici alle elementari).
CANTONE
15 ore
Roberta Pantani Tettamanti nel CdA di AET
Prenderà il posto di Ronald Ogna, membro del Consiglio d'Amministrazione dal 2009.
CANTONE
15 ore
Le novità sui cantieri delle FFS in Ticino
Dal nuovo cantiere di Riviera-Bironico fino alla chiusura (temporanea) dei lavori a Maroggia-Melano
CANTONE
01.04.2021 - 10:540

Il Cantone pensa ai diritti dei bambini

Al via il programma completamente rivolto ai minori. Particolare attenzione anche al tema “minorenni e psichiatria"

BELLINZONA - Promuovere il buon trattamento, proteggere da ogni forma di maltrattamento o abuso, prevenire tutte le forme di violenza, e migliorare la presa a carico delle situazioni vulnerabili o problematiche. In poche parole, garantire tutti i diritti del bambino sanciti nella Convenzione ONU. È questa la missione del "Programma cantonale di promozione dei diritti, di prevenzione della violenza e di protezione dei bambini e dei giovani" avviato dal canton Ticino.

Coinvolgerà bambini, giovani e famiglie
Il programma si articolerà attraverso la messa a punto di misure specifiche lungo quattro assi di sviluppo (promozione, prevenzione, rilevamento precoce e intervento) e in cinque contesti di riferimento (Famiglia, Scuola e Formazione, Spazio sociale, settore Amministrativo e Giudiziario, settore Socio-sanitario). Per la sua elaborazione è stata incaricata un’apposita direzione interdipartimentale presieduta dal magistrato dei minorenni Reto Medici e il cui coordinamento operativo è garantito dall’Ufficio del sostegno a enti e attività per le famiglie e i giovani. Il Programma cantonale cercherà di «identificare i bisogni del territorio, valorizzare le iniziative in atto, promuovere progetti innovativi, sensibilizzare la popolazione sui diritti dell’infanzia, favorire l’ascolto e la partecipazione di bambini, giovani e famiglie».

Un passo anche sul versante "minorenni e psichiatria"
Quali sono gli scopi? Il programma avrà tra le sfide principali il rafforzamento della partecipazione dei bambini e dei giovani alle decisioni che li riguardano, della promozione delle politiche giovanili, della prevenzione (attraverso il rinforzo della salute psicologica dei bambini e dei giovani) e della protezione dei minorenni, con particolare attenzione al tema “minorenni e psichiatria” (un argomento di cui abbiamo riferito proprio oggi), al rinforzo dei diritti di visita, delle competenze genitoriali, del sostegno a minori nella violenza domestica, delle prese a carico nei centri educativi per minorenni. 

 

Molti attori (e soldi) coinvolti
È un programma di cui le autorità vanno fiere, perché «se ci sono diversi Cantoni che hanno lanciato delle campagne di sensibilizzazione, sinora nessun Cantone ha avviato un vero e proprio programma cantonale che coinvolge Dipartimento della sanità e della socialità (DSS), Dipartimento delle Istituzioni (DI) e Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS)». Il programma ha una durata di quattro anni, dispone di un «budget significativo» e intende coinvolgere i Comuni, nonché l’insieme degli enti attivi sul territorio, le famiglie e i giovani.
Il Programma prende spunto dalla “Strategia cantonale di prevenzione della violenza che coinvolge i giovani (0 – 25 anni) per il periodo 2017 – 2020”, includendo i diversi insegnamenti tratti ma con una prospettiva innovativa estesa alla promozione dei diritti dell’infanzia. Si inserisce pienamente nel Programma di legislatura 2019-2023 (Azioni 28 e 29) potrà beneficiare di un budget di 450'000 franchi annui per quattro anni già a partire dal 2021 al fine di avviare ricerche e iniziative pilota.
Oltre a eventuali sostegni tramite il Programma cantonale, a seguito di una recente decisione del Consiglio federale, le organizzazioni che sensibilizzano sui diritti dell’infanzia gli operatori del settore della formazione e della formazione continua potranno beneficiare di eventuali contributi federali sino ad un massimo di 200'000 franchi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-30 03:18:12 | 91.208.130.85