Keystone / USI
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
Siete pronti a riaprire l'ombrello?
Da domani in Ticino ritornano temporali e la pioggia ci accompagnerà fino a venerdì tirandoci fuori dalla zona canicola
RONCO SOPRA ASCONA
1 ora
Antonio Ciseri, un itinerario tra edifici civili e religiosi
In occasione del bicentenario della nascita è stato ideato un percorso per scoprire le opere del pittore
FOTO E VIDEO
CANTONE
5 ore
Ecco qui i nuovi treni delle FLP
Presentati oggi ad Agno sostituiranno i “veterani” del 1978. Zali: «Un passo non da poco verso il futuro»
LUGANO
8 ore
La benedizione di barche e natanti sul Ceresio
La impartirà domenica pomeriggio il vescovo di Lugano Valerio Lazzeri
FOTO
ACQUAROSSA
9 ore
Centauro cade, la moto prende fuoco
Incidente poco prima delle 6 sulla strada cantonale, all'altezza di Lottigna
MENDRISIO
9 ore
La versione degli studenti: niente aggressione alla polizia
I presenti ai fatti avvenuti nelle prime ore di venerdì contestano la ricostruzione su ogni punto.
CANTONE
10 ore
Dal Ticino una mano al Nepal: inviati 20 concentratori d'ossigeno
L'importante donazione per contrastare il coronavirus giunge dall'associazione Kam For Sud
CANTONE
23 ore
Il Ticino ha 28 nuovi avvocati e avvocate
La cerimonia di promozione si è tenuta oggi nell'Aula Magna dell'Università della Svizzera italiana.
CANTONE
23 ore
Riparazioni e incentivi, due novità per le carrozzerie
Ha avuto luogo la 64esime assemblea di Carrosserie Suisse Sezione Ticino
CANTONE
1 gior
Occhio ai radar, ecco dove
La polizia ha diffuso la lista dei controlli mobili previsti per settimana prossima
TENERO
1 gior
Scompare in acqua, è in pericolo di vita
Principio di annegamento al lido Mappo. Un 83enne grigionese è stato ricoverato in condizioni critiche
TICINO/GRIGIONI
1 gior
Il Lucomagno si prepara all'esplosione
Ancora chiusa la strada del passo. Lavori in corso sulla parete che ha ceduto
CANTONE
02.07.2020 - 11:070
Aggiornamento : 12:32

Studio sulla pandemia, il Ticino si unisce contro il Covid

L'esperto di salute pubblica Emiliano Albanese: «Non possiamo più farci cogliere impreparati»

LUGANO - È stato annunciato ieri uno studio epidemiologico per valutare la diffusione e l'impatto del coronavirus nel nostro Cantone.

A partire dal mese di luglio verranno infatti inviate 8'000 lettere a persone residenti in Ticino, che saranno così invitate a rispondere a delle domande su eventuali sintomi, sulla salute in generale e sui comportamenti da mettere in atto per ridurre il rischio d’infezione.

Abbiamo sentito a riguardo il Prof. Emiliano Albanese, Direttore dell'Istituto di Salute Pubblica dell'Università della Svizzera italiana (USI) e co-responsabile scientifico dello studio. 

Partirà a breve lo studio "Corona Immunitas Ticino", di cosa si tratta?

È uno studio epidemiologico a livello nazionale, per la popolazione, con la popolazione e sulla popolazione. Nel nostro Cantone, USI e SUPSI hanno unito le forze per reclutare diverse migliaia di ticinesi e dar loro voce. Lo scopo è quello di avere dei dati locali, specifici al nostro contesto, e affidabili, in modo da saperne di più sull'epidemia da Covid-19.

USI e SUPSI in stretta collaborazione, il Ticino è unito contro il virus?

Effettivamente, questa partnership è una novità, un esempio virtuoso. Quest'emergenza, cercando un lato positivo, ha prodotto la collaborazione interdisciplinare tra USI e SUPSI, che comprende anche l'Istituto di Ricerca in Biomedicina (IRB) e l'Ente Ospedaliero Cantonale (EOC). Quindi sì, il Ticino si è mobilitato, e insieme ha permesso di finanziare questa ricerca.

Come mai uno studio sul Covid-19 proprio ora?

In primis perché dobbiamo capire come aiutare e supportare coloro che sono stati (e che continuano ad essere) particolarmente colpiti dalla pandemia. C'è stata infatti una grande disproporzione in tal senso, e dobbiamo capire ciò che è successo e chi ha bisogno di cosa per ridurre l'impatto negativo del coronavirus.

Inoltre non possiamo più farci cogliere impreparati. Il mondo è cambiato e c'è una grandissima incertezza su cosa ci aspetta nei prossimi mesi. L'epidemia e l'emergenza potrebbero tornare, come potrebbero arrivare anche altre pandemie. Solo conoscendo il passato e monitorando il presente possiamo prepararci al futuro.

Qual è l’obiettivo finale dello studio?

In primo luogo misurare l'impatto del virus e delle restrizioni che si sono rese necessarie, ad esempio l'isolamento o la chiusura delle scuole. E poi capire quante persone si sono infettate e in quali circostanze, per comprendere quali sono stati i fattori di rischio, o anche protettivi. È questa la chiave per capire quali misure potranno proteggere meglio la popolazione.

Le persone possono partecipare o aiutarvi?

La partecipazione per la raccolta dei dati, compreso il prelievo di sangue, deve essere basata su un campione randomizzato che ci è stato fornito dall'Ufficio federale di statistica. Questo è importante perché il campione deve essere rappresentativo, in modo tale che i dati possano essere applicati a tutta la popolazione.

Comunque, tutti possono dare una mano: seguendo lo studio, partecipando attivamente al dialogo e, perché no, rispondendo anche loro ai questionari che in una seconda fase saranno accessibili al pubblico.

Inoltre, visto che si tratta di un fund rising ticinese, è possibile contribuire economicamente, effettuando delle donazioni a titolo personale. In questo senso ci rivolgiamo principalmente anche alle aziende e alle istituzioni.

Tutti i canali comunicativi sono aperti, e tutte le informazioni sono accessibili sul sito ufficiale dello studio.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Mah916 11 mesi fa su tio
Che mondo distopico... ora vogliono mapparci tutti...
lecchino 11 mesi fa su tio
Siamo ancora in attesa di conoscere i risultati dei test sierologici........ toc toc, Merlani. Ci sei?
santo 11 mesi fa su tio
anche qui ovviamente sarà garantito l'anonimato e i dati saranno trattati nel più assoluto segreto...
miba 11 mesi fa su tio
Il 2020 passerà alla storia come l'anno del tormentone estivo "coronavirus" alimentato dall'isteria collettiva. Proprio ieri pomeriggio, afoso e sotto il sole, ho visto una fedele seguace degli untori: mascherina, occhialini subacquei, una specie di turbante in testa e guanti di lattice inzuppati di sudore all'interno...ed inzuppata di sudore anche lei... Forza! Che con l'isteria (o l'idiozia?) siamo già arrivati ad un buon punto!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-19 18:40:00 | 91.208.130.85