TiPress
ULTIME NOTIZIE Ticino
MESOCCO (GR)
1 ora
Ventenni escono di strada e finiscono nella scarpata
L'incidente è avvenuto la scorsa notte in zona Alp Frach. I due occupanti del veicolo sono rimasti leggermente feriti.
CANTONE
3 ore
Giornalisti sportivi riuniti in assemblea
Nel corso dell'appuntamento sono stati attribuiti i premi Giuseppe Albertini e al Merito Sportivo.
FOTO
LOCARNO
5 ore
Un Nicolao tutto blu è tornato in città
Dopo lo stop dello scorso anno, il Nicolao color blu ha potuto tornare in azione, portando regali ai più piccoli.
CANTONE / CONFINE
5 ore
Navigazione sul Lago Maggiore, una mozione per smuovere le acque
I consiglieri nazionali ticinesi chiedono al Consiglio federale di avviare i negoziati per una nuova convenzione.
CANTONE
6 ore
Quattro giorni consecutivi di nebbia: «Non capita tutti gli anni»
Facendo un bilancio del mese di novembre, MeteoSvizzera ha rilevato un'anomalia per quanto riguarda il sud delle Alpi.
FOTO
MELIDE
23 ore
Fiamme da una canna fumaria, pompieri in azione
Il fuoco è stato domato prima che si propagasse al tetto
CANTONE
1 gior
Un paio di cose da sapere quando si prenota la terza dose
Da «Ci si può prenotare anche se vaccinati da meno di 6 mesi?» a «Siamo sicuri che mi danno il farmaco giusto?».
FOTO
MELIDE
1 gior
I pompieri di Melide festeggiano Santa Barbara
La messa è stata officiata ieri sera da Don Ernesto Ratti presso la Caserma di Melide
CANTONE
1 gior
Qualche fiocco di neve in arrivo in serata?
Sarà in ogni caso una breve parentesi. Ma la neve, fino a basse quote, potrebbe tornare durante la settimana
CANTONE
01.07.2020 - 14:190

USI e SUPSI lanciano uno studio sull'impatto del Covid-19 in Ticino

Oltre alla diffusione del virus, si analizzeranno le conseguenze sociali, psicologiche ed economiche della pandemia

LUGANO - È in arrivo uno studio epidemiologico per valutare la diffusione del coronavirus nel nostro Cantone, e per analizzare l'impatto psicologico, sociale, ed economico della pandemia.

«Uno studio fatto sulla popolazione, per la popolazione, e con la popolazione». È così che un comunicato stampa congiunto dell'Università della Svizzera italiana (USI) e della Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI), ha lanciato oggi il progetto.

Il progetto fa parte della campagna, a livello nazionale, chiamata Corona Immunitas, che è guidata dalla Scuola svizzera di salute pubblica SSPH+ e supportata dall’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), da diversi Cantoni e da numerose aziende.

USI e SUPSI uniscono così le proprie forze per concentrarsi sullo studio della pandemia sul territorio cantonale, con il progetto Corona Immunitas Ticino, e istituendo il fondo Covid-19. Nel corso dello studio, i due istituti uniranno le loro competenze a diversi partner a livello cantonale.

Corona Immunitas Ticino - Lo studio, guidato dal Prof. Emiliano Albanese per l’USI e dal Prof. Luca Crivelli per la SUPSI, entrambi responsabili scientifici, consentirà così di valutare l’efficacia delle misure di salute pubblica atte a limitare la diffusione del virus.

I dati e le informazioni saranno inoltre molto importanti per fronteggiare l’attuale situazione e per fornire basi fondamentali anche alla politica cantonale, preparando la popolazione ad affrontare al meglio un'eventuale seconda ondata e predisporre in modo tempestivo la risposta del sistema sanitario.

A partire dal mese di luglio verranno inviate 8'000 lettere a persone residenti in Ticino, di età compresa tra i 5 e i 104 anni. I partecipanti verranno invitati a rispondere a delle domande (online o di persona) su eventuali sintomi, sulla salute in generale e sui comportamenti da mettere in atto per ridurre il rischio d’infezione.

In aggiunta, ad alcuni verrà proposto di fare un prelievo, presso gli ospedali dell’Ente Ospedaliero Cantonale, per effettuare il test sierologico.

Il fondo Covid-19 - Per la realizzazione dello studio Corona Immunitas è importante, oltre al sostegno dell’UFSP, di privati e aziende, la partecipazione e il sostegno di tutto il territorio.

Con l’istituzione di un fondo Covid-19 USI e SUPSI «vogliono promuovere una raccolta fondi specifica a livello regionale volta a sostenere Corona Immunitas Ticino e supportare le attività accademiche di ricerca e insegnamento relative al coronavirus» viene spiegato nel comunicato.

Il progetto ha luogo con la piena collaborazione delle autorità e istituzioni locali, tra cui l’Ente Ospedaliero Cantonale e il Dipartimento della sanità e della socialità, nel segno della trasparenza e della cooperazione tra i vari studi in corso.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Don Quijote 1 anno fa su tio
Ah ecco, ne sentivamo il bisogno! È da un po' che a livello mondiale gli studi erano scesi sotto i 1'000 al giorno, forse per colpa del CV19.
miba 1 anno fa su tio
Allora siamo tranquilli :):):). Solo una domanda: quanto costa questo studio e chi lo paga?
volabas 1 anno fa su tio
@miba costera' sicuramente parecchio e lo paghiamo noi
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-05 16:39:22 | 91.208.130.86