Immobili
Veicoli

CANTONE«Ora incrociamo le dita»

06.06.20 - 15:01
I campeggi hanno riaperto i battenti, oggi. L'associazione di categoria: «La stagione si può ancora salvare»
tipress
«Ora incrociamo le dita»
I campeggi hanno riaperto i battenti, oggi. L'associazione di categoria: «La stagione si può ancora salvare»

LOCARNO - Sono arrivati, alla fine. I primi camper e le prime roulottes hanno piantato le tende in Ticino, timidamente. Attesissimi dalle aziende del settore, che temevano questo momento non giungesse più. 

E invece la data "x" è arrivata. Oggi, 6 giugno, i campeggi in Svizzera hanno potuto riaprire le porte ai turisti: assieme a cinema e piscine, sono tra le ultime strutture ad uscire dal lockdown imposto durante l'epidemia di Covid-19. Un trattamento "di sfavore" rispetto ad alberghi e ristoranti, che non ha mancato di sollevare polemiche nelle scorse settimane.

Le proteste sono servite? L'Associazione dei campeggi svizzeri aveva parlato di discriminazione e concorrenza sleale. Anche Ticino Turismo era intervenuta chiedendo a Berna una deroga per la Svizzera italiana (invano). I turisti e gli operatori del settore non hanno potuto fare altro che aspettare. 

Ma la nuvola della sfortuna non sembra intenzionata a spostarsi. «Purtroppo la riapertura è coincisa con un weekend di brutto tempo» osserva NIcolas Pittet, proprietario del camping Melezza di Losone e vice-presidente dell'associazione di categoria. «Il livello di occupazione è soddisfacente, ma non certo al completo. L'importante era iniziare, comunque. I turisti sono arrivati e sono ancora più felici di noi, questo ci fa un grande piacere». 

Ora non resta che incrociare le dita, e sperare nella meteo. «La stagione si può ancora salvare, almeno per quanto riguarda il Ticino» osserva Pittet. «Se non avremo bel tempo sarà un'ecatombe. Speriamo bene». 

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE TICINO