Lettore
ULTIME NOTIZIE Ticino
CAPOLAGO
2 ore
Una sella di capriolo "no vax"
I ristoratori si ingegnano per accogliere i clienti non vaccinati. Anche in camper, se serve.
LUGANO
5 ore
Per Film Festival Diritti Umani Lugano il ritorno in sala è stato davvero dolce
Si conclude oggi un'edizione 2021 che non si è fermata davanti al Covid e ha puntato anche sullo streaming
CANTONE
6 ore
Ecco tutti i vincitori del Premio Möbius
Il Grand Prix è stato assegnato alla piattaforma per eventi ibridi e digitali di Wyth Sagl
CANTONE
7 ore
«I pazienti chiedono la terza dose»
Medici di base sollecitati «con insistenza». Secondo Christian Garzoni è il momento di introdurla
CANTONE
7 ore
Tassa sul sacco: «Mano libera ai Comuni»
Un'iniziativa parlamentare chiede maggiore autonomia per gli enti locali nello stabilire gli importi
FOTO
ARBEDO-CASTIONE
9 ore
Parco giochi nel mirino di un automobilista
Nella notte una vettura ha divelto una rete metallica e demolito una panchina ad Arbedo. È caccia all'auto
LUGANO
12 ore
In Ticino è tempo di olive
Il prossimo 30 ottobre a Gandria si terrà l'ormai tradizionale raccolta
CANTONE
13 ore
«Mafia gay», la Procura indaga per discriminazione
Pink Cross ha presentato una denuncia contro il direttore di una rivista residente a Lugano
LUGANO
1 gior
Chi ordinò la demolizione? L’inchiesta davanti al muro dei malintesi
Si allontana il reato di "abuso di autorità", mentre per ora rimane l’accusa ai Molinari di "violazione di domicilio"
BELLINZONA
1 gior
«Il sindaco è fan del PSE? Cosa intende fare per favorirlo?»
Scatta l'interpellanza. Mario Branda nel mirino dell'MPS per il suo sostegno al progetto del Polo Sportivo di Lugano
CANTONE
17.03.2020 - 17:170
Aggiornamento : 18:41

Covid-19: obbligati ad andare in cantiere, anche se non si tratta di lavori urgenti

Il direttore della SSIC Ticino, Nicola Bagnovini: «Purtroppo mancano direttive chiare dal Governo»

Rabbia tra i lavoratori. E anche tra chi, appartenente ad altri settori, è stato costretto a bloccare la propria attività.

Che senso ha fermare (quasi) tutto, se poi puntualmente i cantieri restano aperti? L'edilizia di fronte alla questione del nuovo coronavirus sembra ampiamente fregarsene. E non mancano lamentele da parte sia di operai coinvolti, sia da parte di professionisti di altri settori che, al contrario, sono stati costretti a bloccare la propria attività. O lo hanno fatto spontaneamente, per una questione di coscienza. Sulla questione si discute ormai da giorni. Tio/ 20 Minuti ha interpellato Nicola Bagnovini, direttore della Società Svizzera Impresari Costruttori, sezione Ticino. 

Signor Bagnovini. Perché l'edilizia sta facendo finta di nulla?
«Non è del tutto vero. Premetto che alcuni cantieri si sono fermati spontaneamente. In altre situazioni invece si sta cercando, come già spiegato, di mettere in sicurezza il cantiere stesso, prima dello stop. In pratica: alcune cose non possono essere lasciate a metà». 

Può essere, ma testimonianze dirette ci indicano che alcuni datori di lavoro obbligano i loro dipendenti a lavorare anche per cantieri non così urgenti. 
«Non posso confermarlo. Ma se così fosse, sarebbe grave».

Glielo confermiamo noi. 
«Il problema è che dalle autorità mancano direttive chiare sul nostro settore. Al momento quello che sembra pesare è il parere del committente. Se il committente ritiene che il lavoro sia urgente, i lavori vanno avanti».

Mi perdoni, ma tutto questo non ha senso. Allora riapriamo tutto: dai bar ai negozietti...
«Personalmente io sono favorevole a regole chiare per tutti. Per questo la Società ticinese impresari costruttori e i sindacati OCST e UNIA hanno scritto al Consiglio di Stato. La salute della gente viene al primo posto. Assolutamente. Compresa quella dei lavoratori. Vogliamo che il Consiglio di Stato intimi con urgenza l’interruzione di tutti i lavori sui cantieri che sono ancora aperti, ad eccezione di interventi di urgenza o messa in sicurezza».

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Um999 1 anno fa su tio
Leggo alcuni commenti, praticamente si vede il dito na si nasconde la luna. Se la politica voleva arginare il problema, obbligava a chiudere tutto per due o tre settimane, pagava le ore non produttive come sospensiva (cioè qualche miliardo) e il problema era risolto. Invece si ordina di chiudere e le conseguenze sono di chi ha una impresa, credo che questo male non lo abbia voluto quasi nessuno, sicuramente non di sicuro chi ha impresa o attività. Quindi le colpe vanno date a chi le ha realmente, non chi subisce le conseguenze.
Zico 1 anno fa su tio
invece di intervistare il Bagnovini, non potevate intervistare l'impresario? se diceva no si scriveva che l'inpresario tai dei tali non ha voluto rilasciare dichiarazioni. così si sapeva chi era...
ciapp 1 anno fa su tio
he purtroppo comanda sempre il dio soldo ! e i politici stanno zitti , vergogna !!!
klich69 1 anno fa su tio
Finché NON chiudono la frontiera veramente con il sud ci saranno questi problemi perché il governo NON ha coraggio, un coniglio ne ha di più.
Marta 1 anno fa su tio
in Ticino ed anche nel resto della Svizzera ci sono situazioni analoghe ...sul posto di lavoro negli uffici ..dove non adottano nessun provvedimento!
Cai Cai 1 anno fa su tio
vecchiotto ha ragione. Bisogna dire il nome delle ditte.
Norvegianviking 1 anno fa su tio
È per fortuna si sprecano fiumi di inchiostro a inveire spesso e anche per futili motivi contro l'Italia. Stiamo facendo ben di peggio, vergognamoci.
VECCHIOTTO 1 anno fa su tio
Forse in questo momento più che dire siamo sicuri bisogna dire il nome della ditta. Poi ognuno tiri le conclusioni. La salute al primo posto
gabola 1 anno fa su tio
@VECCHIOTTO I cantieri principali attivi in ticino? USTRA E FFS e te di tut
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-17 23:20:30 | 91.208.130.85