Tipress
L'allora casa dello studente di Lugano. Era il 2012
LUGANO
24.01.2020 - 08:300

«Create una Casa dello studente anche a Lugano»

Lo chiede con un atto parlamentare il partito comunista. 

di Redazione
S.F.

LUGANO - Creare a Lugano una Casa dello studente per gli allievi del grado secondario superiore. Lo chiede attraverso un’interrogazione il partito comunista. L’atto parlamentare, firmato da Massimiliano Ay e Lea Ferrari,  evidenzia l’attrattività di una struttura simile per gli studenti provenienti da zone discoste intenzionati a intraprendere degli studi nelle scuole situate nel Luganese.

Nel 2012, come si ricorderà,  si decise di cambiare destinazione dello stabile cantonale situato in via Trevano a Lugano. La struttura ospitava 40 studenti. Si decise che per gli studenti bastava quella di Bellinzona, che era appena nata.  Il Governo spiegò «che la creazione della Casa dello studente nel bellinzonese, unito al miglioramento ferroviario, sarebbe stata la panacea al problema degli studenti residenti nelle valli ticinesi».

Così non è secondo Massimiliano Ay e Lea Ferrari che chiedono al Consiglio di Stato  a quanto ammontano le iscrizioni alla Casa dello studente di Bellinzona, e quanti sono gli studenti provenienti dalle valli ticinesi che attualmente studiano negli istituti del luganese.

Nell’interrogazione si chiede inoltre se il Governo non ritenga che la posizione dell’attuale Casa dello studente rappresenti un elemento discriminatorio per gli studenti residenti nelle valli che vogliono studiare nel luganese, e se vista l’elevata presenza di centri scolastici di grado secondario e terziario nel Luganese, il posizionamento di una Casa dello studente a Lugano, oltre a quella di Bellinzona, non è da considerarsi strategico per lo sviluppo formativo dei giovani.

Commenti
 
Rolf Banz 1 mese fa su fb
sicuramente chiedete anche GRATIS
Francesco Mismirigo 1 mese fa su fb
Ma come???? Artioli ne vuole costruire a josa a Viganello 😂🤪🤔 e a quanto pare tutt'attorno all'usi ci sono più appartamenti per studenti che altro. Certo che l'usi ha portato più vantaggi agli speculatori che a bar e ristoranti o luoghi d'aggregazione culturali per giovani. Esattamente il contrario di quanto succede nelle vere città universitarie
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-25 00:43:09 | 91.208.130.89