tipress
LUGANO
21.10.2019 - 12:210
Aggiornamento : 15:56

Il caso «più grave di sempre» si è sgonfiato

Mala-edilizia, la sentenza a sorpresa: tutti prosciolti gli imputati nel processo Consonni

LUGANO - Era stato definito «il caso di mala-edilizia più grave nella storia Svizzera». Ma le accuse contro la Consonni Contract, azienda di Chiasso specializzata in design d'interni, si è sgonfiato altrettanto clamorosamente. Oggi la Corte delle assise criminali di Lugano, presieduta dal giudice Mauro Ermani, ha prosciolto i sette imputati dai principali capi d'accusa. 

Il proprietario e sei dipendenti amministrativi dell'azienda erano accusati di avere sottopagato per anni i collaboratori dell'azienda. Erano stati rinviati a giudizio per usura aggravata, falsità in documenti e ingiuria. 

Per il titolare la Pp Chiara Borelli aveva chiesto una pena di tre anni e otto mesi di carcere. Ora il caso sembra a un passo dall'essere archiviato. Le parti hanno dieci giorni di tempo per ricorrere in appello.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-22 02:19:52 | 91.208.130.89