Archivio Depositphotos
CANTONE
01.10.2019 - 11:330

Processo per dumping: chiesti 3 anni e 8 mesi per l’imprenditore

L’accusa propone la condanna per usura nei confronti degli imputati alla sbarra per il caso di dumping all’interno della Consonni Contract

LUGANO - Tre anni e otto mesi da espiare. È quanto ha chiesto la procuratrice pubblica Chiara Borelli nei confronti del titolare della Consonni Contract di Chiasso, da ieri a processo per «un grave caso» di dumping. Lo ha riferito la Regione. Tra il 2008 e il 2016 avrebbe elaborato sei sistemi per versare a diversi operai un salario italiano, facendolo però apparire conforme ai contratti collettivi.

In aula l’imprenditore ha a più riprese scaricato la responsabilità sul capo degli operai. E per quest’ultimo l’accusa ha proposto 24 mesi sospesi. Per gli altri sono invece state chieste pene sospese di dieci mesi e la conferma dei decreti d’accusa.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-13 04:29:25 | 91.208.130.86