ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE / ITALIA
15 min
Sciopero in Italia, limitazioni per i Tilo
Il servizio ferroviario su territorio svizzero non subirà ripercussioni
LOCARNO
1 ora
Scherrer parla di pace con l’Ambasciatrice del Perù
Il Sindaco ha accolto nella Sala delle cerimonie a Palazzo Marcacci la Signora Ana Rosa Valdivieso Santa María: «Una preziosa occasione di interscambio»
FOTO
CASLANO
1 ora
Scooterista a terra al passaggio a livello
L'incidente è avvenuto questa mattina sulla strada Cantonale
BELLINZONA
1 ora
Acqua nuovamente potabile a Moleno e Preonzo
L’Azienda Multiservizi Bellinzona invita a far scorrere l'acqua in tutti i rubinetti per cinque minuti prima di utilizzarla
TICINO / VENEZUELA
2 ore
Un prete rivoluzionario, da Curio al Venezuela
Don Angelo Treccani fa il missionario in un paese allo sbando: serve più di mille pasti al giorno ai bisognosi, grazie alla generosità ticinese
CADENAZZO
2 ore
A Cadenazzo un servizio postale fresco come il pane
A pochi passi dall’attuale filiale, la clientela potrà disporre di tutte le principali prestazioni postali per quanto concerne lettere e pacchi
VIDEO
CANTONE
3 ore
L’amianto che dorme nelle case: «Prima di svegliarlo fate una perizia»
Il materiale è tornato d’attualità, ma i più ignorano le potenziali “bombe” che si trovano nelle abitazioni costruite prima del 1991. L’esperto: «Il Ticino, purtroppo, è fanalino di coda in materia».
FOTO
BELLINZONA
4 ore
Col furgoncino vola nel riale
Sul posto Polizia e Pompieri, oltre alla Scientifica. Non sono note le condizioni del conducente
CANTONE
15 ore
In bici al lavoro: «Un pieno di benzina adesso mi dura 4 mesi»
La proposta di Patrizia, che ha abbandonato l’auto per abbracciare il “bike to work”: «Sarebbe bello promuovere degli incentivi al chilometro». L'esperto: «Non dimentichiamoci della sicurezza»
LUGANO
16 ore
«Le Iene si sono introdotte in quel salone in modo vergognoso»
Un testimone racconta l'episodio verificatosi nella serata di giovedì da parte degli inviati di Italia 1. Tra scorrettezza e violazioni della privacy a gogo 
CANTONE / SVIZZERA
17 ore
Sostegno a Carobbio, «senza disperdere voti»
Il PS ringrazia Greta Gysin che con la sua rinuncia concretizza l’appoggio unitario alla candidatura
CANTONE
17 ore
PS, Verdi e Mps pronti al referendum contro il credito per Lugano Airport
I partiti contrari al credito cantonale deciso dalla maggioranza della Commissione della gestione e delle finanze del Gran Consiglio
CANTONE
18 ore
Airolo-Pesciüm, cala il sipario su un'ottima stagione estiva
La vendità delle stagionale "3in1" ha fatto segnare un incremento del 73% rispetto al 2018
LUGANO
18 ore
L'Ambasciatrice del Perù in visita a Palazzo Civico
Il Sindaco di Lugano Marco Borradori ha accolto oggi Ana Rosa Valdivieso Santa Maria
TORRICELLA-TAVERNE
18 ore
Una serata da ricordare per i neo-diciottenni del comune
Il Municipio di Torricella-Taverne ha festeggiato giovedì scorso i giovani nati nel 2001
GRAVESANO
10.10.2019 - 07:000
Aggiornamento : 11:30

Scivola “in piscina” e chiede due milioni alla clinica

Doppio precetto esecutivo verso l’Ars Medica. A inoltrarlo, una donna rimasta invalida dopo l’incidente nella struttura. Il direttore: «Siamo in regola». L’UPI: «Se c’è un dubbio, va chiarito»

GRAVESANO – È scivolata in una pozza d’acqua, accanto alla porta d’entrata della piscina, mentre si stava recando a fare fisioterapia. Adesso chiede alla clinica, un risarcimento di ben due milioni di franchi. Doppio (e maxi) precetto esecutivo nei confronti dell’Ars Medica di Gravesano. A inoltrarlo è una 66enne del Luganese protagonista di un episodio verificatosi lo scorso anno. La donna oggi, proprio a causa di quell’episodio, vive in sedia a rotelle. «Ho il sospetto che la pavimentazione nella zona della piscina non sia a norma – sostiene –. Non è possibile che io sia caduta in quel modo, semplicemente transitando da lì. Voglio chiarezza».   

Imbottita di morfina – È il 4 maggio del 2018. La donna si trova di passaggio, sta per uscire dalla porta che dalla piscina dà accesso al resto della clinica. Si sta recando a fare fisioterapia, sta facendo riabilitazione per un problema al ginocchio. «A un certo punto – ricorda –, accanto alla porta, scivolo in una pozza d’acqua e mi frantumo il femore. Una frattura multipla scomposta, che mi costerà una protesi a vita». Non solo. Subisce una lesione al nervo femorale. Decisiva per il suo attuale stato di semi infermità. «Senza contare che oggi sono imbottita di morfina, per combattere i dolori».

La fatidica lettera – Da quel giorno inizia il calvario della donna. Ed è in quel preciso giorno che l’Ars Medica le consegna una lettera in cui le comunica di avere annunciato il caso alla rispettiva assicurazione e di assumersi i costi di quanto accaduto. Invece, accade che l’assicurazione della clinica si oppone. Sostiene che la piscina è in regola. «Strano – afferma la donna –. Stando all’Ufficio cantonale della sanità, la piscina dell’Ars Medica, da quando è stata costruita nel 1989, non avrebbe subito modifiche particolari».

Una perizia che non arriva – La donna decide di proseguire la sua battaglia. Chiede più volte una perizia sulla pavimentazione della piscina. «Perizia che mi è stata negata». E soprattutto chiede ai vertici dell’Ars Medica, di rispettare quanto le era stato promesso. «Sì, perché nel frattempo ad assumersi i costi della mia situazione è la mia cassa malati. E sono io stessa a dovere coprire tutte le spese legate alle franchigie, ai numerosi impedimenti quotidiani e ai trasporti».

Parla il direttore – Una storia difficile da decifrare, su cui Fabio Rezzonico, direttore dell’Ars Medica, si esprime così. «La nostra piscina è a norma, facciamo verifiche e manutenzioni puntuali. Per noi è importante essere in condizione di garantire la maggiore sicurezza a tutti. Ora la vicenda è in mano agli avvocati. Se dovessero emergere delle responsabilità oggettive a nostro carico, ce le assumeremo».

Il suggerimento dell’UPI – Pascal Agostinetti, capodelegato dell’Ufficio Prevenzione Infortuni (UPI) per la Svizzera meridionale, evidenzia, invece, un altro aspetto. «Sull’episodio specifico non mi posso esprimere, ovviamente. Ma ci sono coefficienti di sicurezza che devono essere rispettati. Di certo la piscina dell’Ars Medica di Gravesano è una struttura molto importante e utilizzata. Se dovesse esserci un'eventuale lacuna, andrebbe colmata. E se anche solo dovesse esserci un dubbio, andrebbe chiarito».  

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-23 11:21:09 | 91.208.130.89