Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO 
1 ora
«Le mascherine contro il virus vanno a ruba anche a Lugano»
Il confronto con la Bahnhofapotheke Zürich è di 24mila pezzi contro 300. Ma anche alla farmacia della stazione c'è stato l'assalto "cinese"
CANTONE/ITALIA
2 ore
La ticinese Elly Schlein è la più votata in Emilia Romagna
Diverse le esperienze politiche già messe alle spalle, anche in ambito europeo
BELLINZONA
3 ore
Sacchi sul Viale, pochi i trasgressori: «Per loro 200 franchi di multa»
Il capo-dicastero Christian Paglia traccia un bilancio positivo a 8 mesi dall’introduzione dei cassonetti interrati nel centro storico: «Prossimi passi Bellinzona e Giubiasco. Poi tutti i quartieri»
CANTONE
5 ore
«Ridiamo vita ai nuclei tradizionali»
Il PLR, con un'iniziativa parlamentare, chiede d'introdurre degli incentivi finanziari per sostenere i lavori di restauro degli edifici
CANTONE
5 ore
Sei stato in Cina e non stai bene? «Non andare dal medico, chiamalo»
Arrivano le raccomandazioni del DSS che nel contempo rassicura la popolazione sul coronavirus: «Al momento non c'è da preoccuparsi»
CANTONE
6 ore
«L'alcol non è Satana, meglio educare che proibire»
Per Andrea Conconi, direttore Ticinowine, la nuova legge sulla vendita delle bevande alcoliche penalizza fortemente il settore vinicolo. E non solo
BELLINZONA
6 ore
Un educatore di strada contro il disagio giovanile
Ne chiede l’introduzione una mozione indirizzata all’Esecutivo bellinzonese
LUGANO
7 ore
Le aziende si incontrano a Spazio Ticino
Saranno tre le macro aree tematiche: Marketing, comunicazione e formazione; Forniture, logistica e servizi; MICE ed eventi
LUGANO
7 ore
Niente allarmismi se vedete del fumo nella Vedeggio-Cassarate
Nella notte tra mercoledì e giovedì verrà eseguito un test per collaudare gli impianti di ventilazione e antincendio
CANTONE
23.11.2018 - 08:420
Aggiornamento : 09:17

«Con la moda il Cantone si è legato il cappio al collo da solo»

Duro attacco dell’MPS. Cosa resterà della fashion Valley in Ticino? «Grandi depositi di logistica, posti di lavoro mal pagati e precari».

 

LUGANO - Che la moda sia ancora un settore d’avvenire e innovativo per lo sviluppo economico del nostro Cantone sono rimasti in pochi a crederlo. Tra chiusure di negozi, fughe di ditte che vanno via dal Ticino, salari bassissimi a chi lavora nei grandi marchi, continua assunzione di frontalieri a basso costo, licenziamenti vari, la cosiddetta fashion valley sta conoscendo indubbiamento un lento declino. Ne è sempre più convinto l’MPS che oggi ha  tirato una velenosa frecciata su tutti coloro che credono ancora nella moda come valvola di risanamento delle nostre finanze. «Ci hanno detto - scrive l'MPS - che la moda ha sostituito le banche dei tempi d’oro senza neppure rendersi conto che, dopo anni di critiche dell’eccessiva dipendenza del Ticino dal settore finanziario, era a dir poco miope legare di nuovo le sorti del cantone a un comparto, per di più basato su pratiche di evasione fiscale combattute a livello internazionale».

L’MPS fa notare che i «salari sono da fame: nell’industria tessile il minimo parte da 2'500 franchi, nel commercio all’ingrosso e nella logistica si parte da 3'000 franchi lordi», se la prendono con Philippe Plein, le cui «condizioni di lavoro e i salari non lasciano ben sperare», e perfino con Chiasso che «progetta la costruzione di una nuova scuola tecnica di moda e di sartoria».

L’MPS  punta il dito sulla miopia dei politici, su un Cantone  che «si è candidato a diventare un’antenna del Parco nazionale dell’innovazione con un proposta basata su “moda e logistica”, poi scartata per ben due volte dagli esperti perché mancano reali cifre sulle interazioni delle grandi case internazionali con le aziende del territorio e sulle attività di ricerca e sviluppo».

E conclude: «Ora che le nuove norme internazionali imporranno ai grandi gruppi di pagare le imposte dove creano valore aggiunto, in Ticino rimarranno solo grandi depositi di logistica, che causeranno ingenti costi esterni, e posti di lavoro mal pagati e precari. Il Cantone, guidato dai suoi “capitani coraggiosi” si è legato il cappio al collo da solo, altro che lungimiranza!»

Allegati
Commenti
 
Canis Majoris 1 anno fa su tio
Come si chiama già quel politico che ha svenduto il territorio a tutte queste aziende? Ma si, quello che voleva fare del Ticino un unico capannone industriale... beh.. se è al governo qualcuno si sarà fidato di lui... chissà se la fiducia ci sarà ancora...
siska 1 anno fa su tio
Il cantone ticino é terra promessa...poi la bruciano quando gli conviene. Come cantava Vasco Rossi.....c'é qualcosa, che non va......Il governo ticinese non é lungimirante allora, questi arrivano ed é chiaro che fanno gola...mostrano una cassaforte piena di banconote, pagano per tot anni e ancora prima sanno già che se ne andranno in altri lidi...il personale di queste mega aziende? .....sono degli schiavi moderni al soldo di persone senza scrupoli ehh le case di moda...
Tarok 1 anno fa su tio
il ticino di pronzini è peggio della corea del nord
elvicity 1 anno fa su tio
Non ha torto Pronzini, anzi, la penso come lui... non è il momento di pensare alla grande, quello che si intende investire deve essere speso bene e deve avere uno scopo ben preciso e alla portata di tutti. Purtroppo vedo che ci sono ancora progetti che bollono in pentola che mi fanno rizzare i capelli solo a leggerli e/o sentirli nominare.
GI 1 anno fa su tio
certo che se aspettiamo le "imprese" che l'MPS aprirà sul territorio.....semm a poscht....
elvicity 1 anno fa su tio
@GI non devono essere i partiti ad aprire imprese, quelli devono cercare di far andare avanti il cantone e i comuni. Dovrebbero essere gli imprenditori a vedere una nicchia. Ma se qui di lavoro/il da fare non c'è ne più chi è il pirla che investe ancora in questo cantone.
ugobos 1 anno fa su tio
facile criticare. aspettiamo proposte valide. progetti. idee per il futuro. per il momento non voto nessuno.
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-27 22:07:44 | 91.208.130.86