ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
Lugano capitale per tre giorni
Il Gran Consiglio ritorna a riunirsi dopo due mesi
LUGANO
9 ore
«Siamo rimasti all'estero per proteggere i nostri cari»
Il più grande rimpatrio della storia ha riportato in Svizzera quasi 7.000 persone a bordo di 33 voli.
CANTONE
11 ore
«Una legge sbagliata spalancherà la via all’assistenza»
Gli effetti del coronavirus su un mercato già malato nella lettura di Bruno Cereghetti
FOTO
CONFINE
12 ore
Aliante precipita vicino a Cernobbio, pilota in ospedale
Il 29enne ai comandi del velivolo ha subito gravi ferite, ma la sua vita non dovrebbe essere in pericolo.
FOTO E VIDEO
CANTONE
13 ore
Le sponde della Maggia attirano numerosi bagnanti
Complice la giornata semi-estiva, le distanze sociali non sempre sono state rispettate.
FOTOGALLERY
MENDRISIO
14 ore
Una riapertura "soft" (ma con molti turisti) per il Fiore di Pietra
Raggiungibile solo a piedi, l'attrazione del Monte Generoso ha riaperto i battenti questo weekend
MESOCCO (GR)
16 ore
Un'auto completamente distrutta, ma nessun ferito
La Polizia cantonale grigionese ha fornito i dettagli dell'incidente avvenuto a Pian San Giacomo.
FOTO E VIDEO
CHIASSO
16 ore
Incendio in un centro di riciclaggio di Seseglio
I Pompieri del Mendrisiotto e la polizia sono intervenuti e hanno domato le fiamme
CANTONE
17 ore
«Lo stato di necessità quando è necessario»
Un'iniziativa parlamentare del gruppo democentrista propone cinque modifiche al Governo
FOTO
MESOCCO (GR)
19 ore
Auto in fiamme, chiusa l'A13
L'incidente è avvenuto nel tunnel situato a Pian San Giacomo
CANTONE
20 ore
33 deputati nel solco del cultural new deal
Mozione parlamentare a sostegno di artiste/i e restauratrici/tori indipendenti in Ticino
MENDRISIO
21 ore
Ristrutturazione all’OBV: «Un attacco alla medicina di prossimità»
L’AlternativA critica l'ipotesi di una chiusura dei reparti di ostetricia, neonatologia e pronto soccorso pediatrico.
CANTONE
21 ore
Un nuovo positivo e una vittima
Il numero totale dei contagi dall'inizio dell'emergenza in Ticino sale a 3'305
FOTO
ACQUAROSSA
23 ore
Sbatte contro i guardrail e poi contro il muro
L'incidente è avvenuto attorno alla una di questa notte a Motto
FOTO E VIDEO
CANTONE
1 gior
Arcobaleni doppi e tramonti infuocati nei cieli ticinesi
Il fenomeno è stato provocato da una doppia riflessione della luce solare dentro le gocce di pioggia.
FOTO
BELLINZONA
1 gior
Il mercato è tornato: «Un'emozione»
Bancarelle anche in piazza del Sole per il tradizionale appuntamento del sabato nel cuore di Bellinzona.
FOTO
BELLINZONA
1 gior
Cocci di bottiglia e littering al Ponte Rosso
La situazione al manufatto a Nord di Bellinzona è da parecchi giorni fuori controllo.
CANTONE
05.07.2018 - 06:000
Aggiornamento : 10:04

Compodino, 30 anni d'illegalità: un record che imbarazza il Governo

Un’interrogazione solleva il problema della mancata vigilanza: «Il Consiglio di Stato rischia il reato di “gestione infedele”». E c’è un precedente sanzionato dal Tribunale federale

BELLINZONA - Dici Compodino e pensi ai rifiuti vegetali, alle puzze (nauseabonde a fasi alterne) e a un’autorità distratta. Distratta perché il prossimo 4 luglio saranno esattamente trent’anni che l’impianto di compostaggio opera in territorio di Locarno senza licenza edilizia. Con l’aggravante di trovarsi in zona agricola e non industriale. Cosa rischia l’organo di vigilanza cantonale, cioè il Governo? Per alcuni di incappare nel reato di “infedeltà nella gestione pubblica” (art. 314 del Codice penale, un reato perseguibile d’ufficio). E il precedente di un municipio argoviese condannato dal Tribunale federale presenta sorprendenti similitudini.

L’anomalia trentennale - Da decenni l’azienda del Piano di Magadino raccoglie e smaltisce gli scarti vegetali in conclamata e tollerata illegalità. Una anomalia rilevata anche dal Tribunale federale che lo scorso ottobre, con una sentenza che ha fatto notizia, aveva escluso la ditta dall’appalto per lo smaltimento del verde del comune di Locarno. La mancanza di una licenza edilizia (revocata nel lontano 4 luglio 1989) è tra i «fatti accertati dai giudici ticinesi, che vincolano anche il Tribunale federale», sottolineano i giudici losannesi motivando l’annullamento della commessa.

La lista degli impianti “riconosciuti” - Un vincolo che però non sembra tale per il Cantone, che infatti mantiene la Compodino nella lista dei tredici, citiamo ancora dalla sentenza del Tf, «impianti di compostaggio attivi e riconosciuti in Ticino, elaborata dal Dipartimento del territorio». Bellinzona evita di parlare di “impianti autorizzati”: le imprese che trattano scarti vegetali, si legge nella risposta del Governo ad un’interrogazione, «non necessitano di autorizzazione cantonale e la loro attività è regolata unicamente dal profilo edilizio». Sebbene l’intenzione, espressa dal Governo, di voler in futuro «imporre l’obbligo di autorizzazione» per questi impianti sottintenda l’esistenza di una falla.

Tolleranza perseguibile? - Ma è proprio su questo punto - la mancanza acclarata di una licenza edilizia - che il Consiglio di Stato rischia grosso per l’affaire Compodino. Almeno secondo la deputata Ppd Sara Beretta Piccoli, che in un’interrogazione appena inoltrata sostiene che «la tolleranza di una situazione illecita potrebbe tradursi nel reato di gestione infedele della cosa pubblica» (articolo 314 del Codice penale). E a sfavore del governo ci sarebbe già una giurisprudenza.

Il precedente - «Sapevano che il terreno non era in zona edificabile» scrive il Tribunale federale in una sentenza del 1985 (DTF 111 IV 83) che condanna i membri di un Municipio del canton Argovia riconosciuti colpevoli del reato di “infedeltà nella gestione pubblica”. Una settimana di detenzione sospesa e multa di 300 franchi al sindaco e al segretario comunale e tre giorni di carcere sospesi agli altri municipali. Queste le condanne per aver autorizzato la costruzione di una villa e una scuderia in zona agricola.

«Sapevano dell’illegalità» - Decisivo nella decisione finale del Tf era stato il fatto che il Municipio fosse consapevole di compiere un’illegalità. Pacifico anche, secondo Losanna, che il vantaggio a una terza persona, ossia quello di «poter costruire in aperta campagna», era dato. Rigettata invece la tesi difensiva secondo cui l’esecutivo da questa licenza edilizia non ne avrebbe tratto personale vantaggio, essendo sufficiente la lesione di interessi ideali. Trent'anni di consapevolezza saranno un alibi o un'aggravante?

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Fran 1 anno fa su tio
Si va be. Tanto il Ferrari se ne frega e si sposta sulla riva del lago a S.Nazzaro , sede SUB. Ah.... se non erro Ferrari ha pure un parente a S.Nazzaro..... per alcuni cmq sia, le Leggi proprio non esistono.
lilo86 1 anno fa su tio
Posso pienamente confermare che dietro tutto questo c’è una ditta che negli ultimi anni ha fatto parlare molto di sé e sui giornali alla sede a Cadenazzo!
SosPettOso 1 anno fa su tio
"...Trent'anni di consapevolezza saranno un alibi o un'aggravante?..." Parlando dell'impianto di trattamento di inerti sito in zona protetta Leggiuna (a Biasca), Zali in un suo intervento a Falò ha detto che dopo 3o anni il proprietario ha dei diritti acquisiti. Lo stesso ragionamento sembra non essere stato valido per il caso analogo del silos Ferrari...
albertolupo 1 anno fa su tio
@SosPettOso Lo stesso ragionamento non vale se durante quei 30 anni di "tolleranza" ci sono stati atti che hanno contestato la legalità della situazione, come parrebbe il caso. È da un pezzo che si sente parlare della Compodino e mi sembra sempre negli stessi termini. Mi sembra comunque strano che la situazione alla Legiüna di Biasca sia sempre stata tollerata senza che nessuno dicesse niente.
tip75 1 anno fa su tio
mah, ormai i nostri politici hanno dimostrato in lungo ed in largo che nulla li imbarazza...loro sono sempre positivi e sereni
F/A-18 1 anno fa su tio
Tipico comportamento della nostra politica, con qualcuno forti nel far rispettare la legge e inesistente con gli amici e gli amici degli amici, fedasi anche lo scandalo della città dei mestieri, teatrino orchestrato dai nostri granconsiglieri che sembra siano su a Bellinzona per farsi gli affatacci loro con i soldi di tutti.
Mattiatr 1 anno fa su tio
Ma se le cose sono funzionate bene fino ad oggi perché non gli danno sta benedetta licenza e li lasciano lavorare come prima? Tutti felici e tutti soddisfatti.
lilo86 1 anno fa su tio
@Mattiatr Il problema è che la legge ticinese su quanto riguarda lo smaltimento degli rifiuti quindi riciclaggio deve essere eseguita su terreni industriali! Del resto della Svizzera gli scarti vegetali vengono gestiti dalla sezione delle agricolture e vengono create dei centri compostaggio in zone agricole dove non creano nessun problema a nessuno! In Ticino invece come sempre funziona tutto al contrario, Anche se si riesce a ottenere le varie licenze edilizie in zona industriale alla fine i problemi ci saranno sempre vuoi per gli odori vuoi per la polvere vuoi per il traffico qualcosa ci sarà sempre che non va bene
Benji78 1 anno fa su tio
@Mattiatr Questa è proprio la mentalità fertile per far proliferare i furbi. L'unico felice sarebbe il signor compodino che la fa franca. A tutti quelli che hanno fatto qualcosa di abusivo, magari molto più piccolo, e hanno pagato credo girerebbero alquanto le scatole.
Benji78 1 anno fa su tio
A volte fare i furbi con la complicità di politici paga. Poi tanto il tempo passa, la gente si dimentica e le cose si sistemano. Senza permessi non si può spostare nemmeno una tegola e poi c'è chi può fondare un'azienda facendo lauti profitti per trent'anni. Ticino all'italiana.
vulpus 1 anno fa su tio
Qualcuno continua a pompare la questione per motivi di concorrenza? Vien da pensare questo alla fine. Le puzze ? si a volte ci sono, ma siamo sicuri che vengono dalla Compodino e non dall'impianto depurazione? Affaire a suivre.
Mattiatr 1 anno fa su tio
@vulpus Magari poi la puzza arriva dal collega brozzone descritto nell'altro articolo.
Andres Hollenstein 1 anno fa su fb
Ma non è che al comune li serve??
Igor Gutschen 1 anno fa su fb
ad incassare soldi dai cittadini per fare quello che vuole; fintanto che i cittadini non aprono gli occhi e capiscono che i soldi per mandare avanti il comune sono di tutti noi e devono ribadisco devono fare quello che vogliamo noi. Ma poi non si va lontano; a Lugano Artisa immobiliare è da anni che sta facendo abusi edilizi al Parco Maraini e il controllo abitanti e la polizia municipale non fanno nulla, nessuno interviene, per il semplice fatto che il proprietario ha le mani in pasta con la città, sposorizza l'HCL ...
VISIO 1 anno fa su tio
Strategia del "laisser faire"
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-25 07:59:23 | 91.208.130.87