Tipress
Remigio Ratti (a sinistra) e Martino Rossi (a destra) divisi sull'aeroporto di Lugano
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
35 min
Positivi ancora in calo: sono 25
Diminuisce la pressione sugli ospedali ticinesi: sono quattro i ricoverati in meno.
CANTONE / SVIZZERA
1 ora
Aziende di distribuzione elettrica nelle telecomunicazioni: Storni chiede lumi
Il consigliere nazionale socialista ha presentato un'interrogazione al Consiglio federale
CANTONE / ITALIA
2 ore
Posso andare in Italia? Sì, ma...
Da domani niente più obbligo di quarantena, ma sarà in ogni caso necessario un tampone negativo.
LOCARNO
11 ore
Santa Chiara-Moncucco: matrimonio ufficiale
I gruppi interessati all'acquisto della struttura locarnese erano tre. Gli azionisti puntano sulla Clinica Luganese.
LOCARNO
15 ore
Locarno, girava armato di coltello in Piazza Castello
I fatti risalgono a sabato scorso. L'uomo dovrà rispondere di infrazione alla Legge federale sulle armi.
CANTONE
17 ore
Un'altra settimana con tanti radar "luganesi"
L'elenco dei rilevamenti della velocità previsti dal 17 al 23 maggio
LOSONE
18 ore
Bus contro un'auto, disagi al traffico
I passeggeri hanno dovuto proseguire a piedi fino alla fermata successiva
CANTONE / ZURIGO
19 ore
Ticinesi molto interessati alle Criptomonete
Gli abitanti della Confederazione figurano al decimo posto al mondo fra i più incuriositi sul tema
CANTONE
19 ore
Il Ticino aiuta Cuba a vaccinarsi
Inviati 10 milioni di siringhe e aghi per aiutare l'isola nella lotta alla pandemia.
FOTO E VIDEO
MENDRISIO
20 ore
Fiamme nella canna fumaria dell'Albergo Svizzero
L'incendio divampato attorno a mezzogiorno a Capolago è stato rapidamente domato dai Pompieri del Mendrisiotto
LUGANO
29.11.2017 - 16:330
Aggiornamento : 21:44

«L’aeroporto deve restare, ci porta i ricchi col velivolo privato»

Così la pensa Remigio Ratti, esperto di mobilità. Il Ticino ha davvero bisogno di una simile struttura? L’ex capogruppo del PS Martino Rossi: «Alle imprese non importa nulla»

LUGANO – Ma il Ticino ha davvero bisogno di un aeroporto? È la domanda che sorge spontanea dopo il grounding di Darwin/Adria. Soprattutto considerando come le distanze tra il Ticino e il “resto del mondo” si stiano riducendo grazie ad AlpTransit e all’imminente apertura della linea ferroviaria Mendrisio-Varese, che avvicinerà ulteriormente i ticinesi a Malpensa. Sul tema si scontrano Remigio Ratti, economista ed esperto di mobilità, e Martino Rossi, economista e già capogruppo del Partito Socialista (PS) a Lugano. «L’aeroporto – sostiene Ratti – è importante per l’aviazione generale. Mi riferisco alle persone facoltose che hanno un aereo privato e che si recano a Lugano per fare affari. Questa gente fa girare l’economia del Ticino». 

Servono nuovi hangar – Per Ratti Lugano Airport non deve chiudere i battenti. Quella ventina di miliardari che puntualmente si reca nella località sul Ceresio va riverita e servita. «Anzi – aggiunge –. Andrebbero costruiti nuovi hangar. E poi vanno mantenuti due voli di linea. Quello con Zurigo e quello con Ginevra. In particolare quest’ultimo. Perché Ginevra è difficilmente raggiungibile in altro modo. Per Zurigo il discorso è diverso. Nel 2018 aprirà la linea ferroviaria Mendrisio-Varese. I ticinesi forse preferiranno andare a Malpensa».

Ecco quanto hanno speso i contribuenti – Rossi si aggrappa ai numeri. «Dal 2006 a fine 2016, l’aeroporto di Lugano è costato 30,4 milioni di franchi ai contribuenti luganesi. Con i soli voli privati non si sta in piedi. Già così non si raggiunge il pareggio. Qualche  anno fa è stato fatto un sondaggio tra i dirigenti delle aziende della Valle del Vedeggio. Dovevano esprimersi su quali fattori li avevano spinti a insediarsi in quella zona. Quasi nessuno ha nominato la vicinanza con l’aeroporto di Agno. Come se alle imprese non importasse dell’esistenza di questa struttura».

L’esempio di Berna – L’ex capogruppo del PS luganese rincara la dose. «Prendiamo l’esempio di Berna. Lì l’economia ritiene che l’aeroporto sia utile. E quindi partecipa alle spese. Da noi non c’è mai stata alcuna impresa o banca che abbia mai voluto mettere un franco nell’aeroporto di Agno».

Un calo brusco – Tornando ai voli di linea, cifre alla mano, nei primi 9 mesi del 2017 l'uso dell'aeroporto è arretrato del 20%. La linea verso Ginevra addirittura del 49%, mentre quella verso Zurigo se la cava con un -0,5%. «Statistiche che parlano da sole», commenta Rossi. «Non direi – ribatte Ratti –. Il calo di utenza verso Ginevra è così vistoso rispetto all’anno prima perché nel 2016 Swiss e Darwin si davano battaglia per proporre offerte di volo stracciate verso la località lemanica. E tutti ne approfittavano. Una volta interrotta questa situazione, è normale che ci sia stato un calo».

Agli antipodi – I due non cambiano di una virgola le loro opinioni. Secondo Rossi il futuro è chiaro: «Non ha più senso continuare così. Occorre essere realisti quando i conti non tornano». Ratti intravede, invece, la luce in fondo al tunnel. «Si è davvero parlato poco finora dell’aviazione generale. Dei ricchi col velivolo privato. È una carta che il Ticino, e Lugano in particolare, dovrebbero giocarsi. Spero che ci sia il tempo per farlo».

 


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-15 10:37:44 | 91.208.130.87