BELLINZONA
14.02.2017 - 06:030
Aggiornamento : 10:59

«Il lupo non è più un animale raro ed è più furbo di noi»

La bestia sarà abbattuta? Mentre si attende il verdetto del Cantone, Armando Donati, presidente dell’Associazione per un territorio senza Grandi Predatori, si sfoga

BELLINZONA – «Il lupo? Smettiamola di difenderlo. Non è più un animale raro. Ed è diventato più furbo di noi». Mentre il Cantone sta decidendo se abbattere la bestia che nelle scorse settimane ha ucciso decine di pecore in Leventina, ecco lo sfogo di Armando Donati, presidente dell’Associazione per un territorio senza Grandi Predatori. Che non si illude. «La situazione è senza precedenti – dice –. Ma qualsiasi cosa decida il Cantone, andrà per le lunghe».

Eppure c’è chi sostiene che sia ormai questione di giorni. Non è così?

Macché. Prima di tutto bisogna capire se quello che ha colpito in vari episodi diversi è lo stesso animale. Perché se questa teoria non dovesse essere confermata, l’ipotesi dell’abbattimento cadrebbe. Per procedere all’uccisione del lupo occorre avere la prova che lo stesso esemplare ha abbattuto almeno 25 capi di bestiame.

Gli indizi portano a questo però. Cosa la frena? 

Può arrivare l’autorizzazione dal Cantone. Magari anche in pochi giorni. Ma poi ci sarebbero comunque dei ricorsi. La questione rischia di scivolare a primavera.

Non le sembra che, a volte, ci sia un po’ di vittimismo da parte degli agricoltori?

No. Anzi. Mi dà fastidio chi banalizza la situazione. La gente vuole mangiare il capretto e i formaggini, vuole passeggiare su prati puliti in montagna. Ma non capisce i sacrifici che ci stanno dietro. E non si rende conto che gli agricoltori, di fronte al lupo, sono in ginocchio.

Perché non tutti i contadini si dotano di cani da protezione, come ad esempio i pastori maremmani?

Sappiamo che questi cani di base proteggono il gregge. Ma non tutti lo fanno bene. Non in tutti casi l’operazione funziona. Ci sono state situazioni in cui il cane mordeva le capre o azzannava i turisti. Per avere un cane da gregge ci vuole il permesso del Cantone. Non tutti gli agricoltori sono in grado di ottenerlo.

E per quanto riguarda le recinzioni? Come è possibile che in parecchi casi non superino i 90 centimetri di altezza?

Prima di tutto bisogna dire che capre e pecore non vivono bene il fatto di essere recintate. Per impedire al lupo di entrare nel recinto occorrerebbe avere reti di almeno un metro e mezzo. Molto costose e più difficili da piazzare. Inoltre, ci sono molti luoghi in cui è impossibile recintare. Perché magari ci troviamo in alta montagna, con rocce, boscaglia, scoscendimenti, muretti.

È la stessa Confederazione a sostenere, tramite sussidi, questa conformazione del territorio. Non è paradossale?

Sì. È un paradosso. Ma è chiaro che dal punto di vista paesaggistico tutto risulta più bello con questo genere di mantenimento dei terreni.

Insomma, sta dicendo che i contadini non hanno margini di manovra per difendersi dal lupo? 

Ne hanno pochi. Il lupo si è emancipato. Non è più quello di una volta. Ora riesce a colpire anche in presenza dei cani da protezione, sfruttando la nebbia e l’oscurità. Una ricerca realizzata in Francia ci indica che, mentre anni fa il lupo assaliva soprattutto alpeggi non custoditi, oggi colpisce anche quelli custoditi.

Gli animalisti sostengono che il lupo fa parte della natura e che ha diritto di vivere. Come dare loro torto?

Il problema è che il lupo entra in conflitto con la nostra attività. Bisogna fare una scelta politica. La presenza del lupo non è conciliabile con l’allevamento di montagna.

Una volta i contadini, il lupo, lo potevano uccidere. E chi lo uccideva riceveva pure un premio. Quando ci pensa, come si sente?

Nell’ ‘800 c’era addirittura la taglia sul lupo. Poi nel 1979 è arrivata la Convenzione di Berna. Si è stabilito che il lupo appartiene a una razza protetta e non può più essere toccato. Il problema è che oggi questa convenzione non ha più senso. La diffusione del lupo è in espansione in tutta Europa. Lo ripeto. Il lupo non rappresenta più una rarità. Dobbiamo svegliarci. Altrimenti sarà sempre peggio.

 


 

Commenti
 
Don Quijote 2 anni fa su tio
Il lupo è un inutile cane che si è stinto in alcune regioni a causa della sua malsana peculiarità di voler uccidere 20 pecore per mangiarne un quarto di una.
moonie 2 anni fa su tio
@Don Quijote se si è stinto allora ricoloriamolo ahahahahah
F.Netri 2 anni fa su tio
@Don Quijote Uccide 20 pecore per mangiarne un quarto di una????? Ma dai, gli animali non fanno niente tutto ciò. :-))))) Neanche i gatti, si divertono a torturare le lucertole fino a farle morire. Gli animali sono santi, non fanno queste cose! Allineati! :-))))))))))
Mat78 2 anni fa su tio
@Don Quijote 1) Il lupo non "Si è estinto", l'abbiamo estinto noi... 2) La malsana abitudine di prendersi tutti gli habitat del territorio nazionale è dell'uomo, non del lupo. In montagna siamo noi gli abusivi, non loro... 3) Il lupo è un predatore naturale, il bestiame INCUSTODITO e non recintato fa la fine che merita perché sta dove non dovrebbe stare...Prova tu a mangiare ogni 5 giorni...se entri in una sala da pranzo con un buffet stracolmo e non mangi da una settimana, ti ci butti sopra, anche se ovviamente nel tuo stomaco ne ci sta solo una parte del ben di Dio che vedi... 4) Il cantone risarcisce gli allevatori, ci sono associazioni che mettono a disposizione cani pastore, ci sono le stalle per chiuderci dentro le bestie di notte, esistono le recinzioni, esistono allevatori presenti e non assenteisti...il problema è si vuole tutto comodo e si pretende di piegare la natura alle proprie necessità o manie...queste sono le conseguenze... W i grandi predatori liberi in Svizzera!
F.Netri 2 anni fa su tio
@Mat78 Con tutte 'ste paranoie animaliste, andrà a finire che......l'uomo ha estinto perfino i dinosauri.
Don Quijote 2 anni fa su tio
@F.Netri Quarantacinque anni fa mio zio ne ha uccisi quasi 500 in 6 anni, all'epoca erano come un'erba infestante, le pecore sgozzate sono state diverse migliaia, infatti, oggi non riesco mangiare più l'agnello né la carne di lupo, sono nauseato. Il lupo si combatte da millenni e non è in pericolo di estinzione, sono come le pulci nei cani, tutti le aggrediscono con prodotti chimici e nessun animalista protesta … secondo me vanno a simpatia e se hanno il pelo, sono più carini. :-))
miba 2 anni fa su tio
@Don Quijote Se tuo zio 45 anni fa ha ucciso quasi 500 lupi in 6 anni allora quelli della Convenzione di Berna del 1976 sono stati imbrogliati da tuo zio perché in Svizzera a quel tempo non c'era neppure un decimo di quello che avrebbe ucciso tuo zio.... Guarda che un conto è la favola di cappuccetto rosso ed un altra la realtà.....
Mat78 2 anni fa su tio
@Don Quijote Negli anni '70 il lupo in Svizzera era estinto da un pezzo, tuo zio mi sa che sparava ai peluches...
Don Quijote 2 anni fa su tio
@miba ... 45 anni fa non sapevo nemmeno che esisteva la Svizzera, evidentemente il luogo a cui mi riferivo era diverso da quello della tua conclusione.
miba 2 anni fa su tio
@Don Quijote Eh....non potevo saperlo... Daiiii, il lupo in fondo non è la bestiaccia che si dipinge ;)
moonie 2 anni fa su tio
@Don Quijote ahahah ma allora sei un rigommato :-)))
Don Quijote 2 anni fa su tio
@moonie Non sprechiamo inchiostro, va bene anche il bianco e nero sulle cartoline per ricordare "c'era una volta il lupo".
sedelin 2 anni fa su tio
la convenzione di berna era attuale nel 1979 quando, sicuramente, i lupi si contavano sulle dita di una mano e -giustamente- il lupo bisognava proteggerlo dall'estinzione. dopo quasi 40 anni la bestia ha prolificato e oggi danneggia i tanto amati contadini di montagna che ci permettono di mangiare ottimi e rari prodotti: quindi penso che sia ora di proteggere le loro greggi e di modificare la legge adattandola alla realtà. @moonie: io non vedo alcuna istigazione nell'articolo, anzi vedo un po' di fondamentalismo nel tuo intervento, senza offesa.
miba 2 anni fa su tio
@sedelin In Svizzera e nel nostro cantone i lupi devono fare i conti con un’ attività di pastorizia mal preparata a riaccogliere il lupo. Ci sono infatti molte piccole greggi, che non vengono protette solo perché per i pastori/contadini non sarebbe conveniente. Le pecore incustodite sono una preda facile da ottenere per i lupi. Per riuscire a catturare un animale selvatico, il lupo deve in media attaccare dieci volte prima di riuscire nell’ impresa mentre nel caso degli animali da allevamento INCUSTODITIi il bottino si presenta su un piatto d’ oro e UNICAMENTE per questo motivo si arriva continuamente ad avere situazioni conflittuali tra il lupo ed i tanto amati (ma purtroppo anche tanto ottusi) contadini di montagna. Concludo comunicandoti che In Svizzera non è stato documentato alcun incidente dall’inizio del naturale ritorno del lupo. Anche in Italia non vi sono state aggressioni di nessun tipo. In confronto, secondo uno studio Suva, in Svizzera ogni anno in media circa 9500 persone vengono morse da cani. Il lupo porta anche tanti aspetti positivi e sicuramente maggiori di chi non si informa e preferisce ancora la favola di cappuccetto rosso.....
sedelin 2 anni fa su tio
@miba " Le pecore incustodite sono una preda facile da ottenere per i lupi. Per riuscire a catturare un animale selvatico, il lupo deve in media attaccare dieci volte prima di riuscire nell’ impresa mentre nel caso degli animali da allevamento INCUSTODITIi il bottino si presenta su un piatto d’ oro...": che differenza c'è fra "pecore incustodite" e "animali da allevamento incustoditi"? forse che le prime non appartengono a nessuno?! " Concludo comunicandoti che In Svizzera non è stato documentato alcun incidente dall’inizio del naturale ritorno del lupo." le cronache di questi ultimi mesi documentano il contrario, a meno che quanto si legge siano tutte balle.
miba 2 anni fa su tio
@sedelin Mi sembra ovvio che mi riferivo alle persone: la SUVA non fa studi in merito ad aggressioni di lupi ad animali lasciati liberi ed INCUSTODITI (e spesso i nostri amati contadini non sanno neppure dove stanno pascolano le loro bestie....)
sedelin 2 anni fa su tio
@miba 1.l'articolo parla di PECORE aggredite e lo studio della suva qui non c'entra come argomentazione. 2. differenza fra PECORE INCUSTODITE e ANIMALI DA ALLEVAVENTO INCUSTODITI ?
miba 2 anni fa su tio
@sedelin A buon intenditor poche parole, andiamo alla sostanza e non alla forma cosa ne pensi?
moonie 2 anni fa su tio
arriverà il giorno in cui la red dovrà dare conto del perché lascia qui interventi che istigano ad ammazzare il lupo fregandosene delle leggi vigenti, ma censura chi lo fa notare. adda venì
red 2 anni fa su tio
@moonie Caro Moonie, ricordiamo che non è permesso rivolgersi alla redazione, come spiegato chiaramente nelle regole del blog. Abbiamo deciso di aprire il blog per permettere ai lettori di discutere del futuro del lupo, eventuale abbattimento compreso.
moonie 2 anni fa su tio
@red appunto! nel mio intervento non si parlava d'altro! (se è vietato rivolgersi alla red, ma perché cavolo rispondete sempre? ahahah)
red 2 anni fa su tio
@moonie Il commento è stato cancellato perché conteneva una mezza parolaccia, non per il contenuto.
Mat78 2 anni fa su tio
Cara associazione per un territorio senza gradi predatori...sul territorio non urgano gli abusivi siamo noi, non i grandi predatori... (che in realtà sono 4 "gatti"). L'unica cosa rara è l'intelligenza dei vostri soci... Appena ci sono in circolazione alcune DECINE di lupi e qualche manciata di orsi, questi vogliono tirare fuori i cannoni...siete dei poverini... Piuttosto dimostrate più civiltà pretendendo che il cantone fornisca dei cani da pastore addestrati e risarcisca meglio eventuali perdite di bestiame. Da come parlate sembra che ci siano branchi di centinaia di lupi assetati di sangue umano che si aggirano nei boschetti dietro scuole ed asili...
miba 2 anni fa su tio
Bel tipo questo Armando Donati. E soprattutto coerente! In relazione al Parc Adula scrive quanto segue (copia & incolla): "D’altro canto in quel perimetro i grandi predatori non potranno, in nessun caso, essere abbattuti, anche se diventeranno un pericolo per l’uomo". Essendo il presidente dell’Associazione per un territorio senza Grandi Predatori chi o cosa voleva favorire in quell'occasione? Ma il nostro Donati è anche il presidente della Commissione Mercati Bestiame Ticino (CMBT) e quindi della situazione oggettiva del lupo non gliene può fregar di meno dal momento che rappresenta i commercianti di bestiame (e quindi anche i contadini). Ma il Signor Donati è anche segretario dell'associazione monti di Rima (dove ci sono i rustici con i villeggianti), consigliere comunale e membro della commissione della gestione e della commissione vivere in Lavizzara del Comune di Lavizzara. è inoltre membro del Centro nazionale d'informazione sul patrimonio culturale, è lui stesso allevatore di pecore (e nel dicembre 2013 il lupo gli ha sbranato proprio a Rima 2 pecore), è stato per 30 anni alla testa dell'Associazione per la protezione del Patrimonio Artistico e Architettonico di Valmaggia e chissà in quante associazioni e cariche è ancora (in internet non c'è sempre tutto). Perché ho voluto cercare tutto questo? Semplice: per rendermi conto fino a che punto il nostro Signor Donati è coinvolto a protezione degli interessi di associazioni e parti/gruppi che evidentemente sparerebbero ad un lupo senza pensarci un secondo. Egregio Signor Donati, mi scusi la franchezza ma lei proprio in funzione della difesa dei gruppi da lei rappresentati e dei suoi interessi personali è proprio l'ultima persona in questo Cantone a dover opinare su questo argomento!
The Osage 2 anni fa su tio
Sul fatto che è più furbo di noi, non ci sono dubbi.
freevoice 2 anni fa su tio
chi è di troppo sui nostri monti? Nessuno, se fosse regolamentata la situazione, ma: - I cacciatori non vogliono che venga limitata la caccia dove il lupo è presente - I condadini non vogliono fare di più per la protezione (cani, recinzioni, ecc) - Gli animalisti non vogliono che venga ucciso un animale protetto - I turisti non vogliono spendere più soldi per i formaggi dell'alpe e pretendono di comperarli al prezzo discount - Le istituzioni non si prendono la briga di fare da mediatore, ed in pratica fanno finta di nulla. - Il lupo fa quello che gli risulta più comodo, prendere il cibo facile (costretto da elementi non dipendenti da lui) Il risultato è un gran casino!!! Ognuno porta l'acqua al suo mulino senza pensare agli altri, ognuno pensa a se stesso. Visione globale uguale a zero!! Trovare soluzioni comuni porterebbe ad un risultato condiviso e alla convivenza pacifica, ma significherebbe rinunciare tutti a qualche cosa. Purtroppo non c'è la volontà! Ho l'impressione che come sempre la spunterà colui che è in cima alla catena alimentare mondiale, l'unico vero pericolo anche per se stesso. l'UOMO.
freevoice 2 anni fa su tio
@freevoice PS: purtroppo per gli animalisti, nel caso specifico occorrerà abbattere l'animale: infatti un lupo nella sua testa acquisisce informazioni da ciò che fa, ed una volta acquisite le procedure (attacco di un gregge), fa di questa tecnica una cosa normale, acquisita, giusta. Permettere una volta al lupo di attaccare un gregge, significa dargli l'autorizzazione ad attaccare sempre. A quel punto dal suo punto di vista è normale e continuerà a farlo. Non c'è modo di fermalo quando si è rotto l'equilibrio, ecco perchè andrebbe in tutti i modi prevenuto un attacco, magari con varie misure citate sopra. Diversamente la cura è amara...
Lello 38 2 anni fa su tio
@freevoice parole sante....... imparate gente.....
porsche77 2 anni fa su tio
Difficile capire cosa sia giusto e cosa sia sbagliato...l'unica cosa di cui ho certezza è che l'essere umano ne macella e ripeto, macella, mooolte, ma mooolte di più. Magari sarebbe meglio guardare o preoccuparci di cosa facciamo noi stessi più che il lupo.
bogian 2 anni fa su tio
@porsche77 Occorre ricordare che la legge svizzera è fra le più severe in materia di macellazione. E poi consuma quello che uccide. Il lupo non ha modi gentili, è una bestia feroce che azzanna e lascia gli animali agonianti per lungo tempo. Inoltre ha un istinto per il quale uccide più di quanto mangi, molto di più. Uccidesse un animale per volta, come lince e orso, la situazione sarebbe più tollerabile. Ma il lupo è diverso, l'istinto ad attaccare funziona fin che c'è movimento. Certamente mi preoccupo di quello che facciamo noi umani: tutti i giorni che apro il giornale e leggo della Siria, degli attacchi di terroristi fanatici, tutte le volte che vedo un bambino in africa morire di fame perchè il "signore" che li governa preferisce fare i suoi affari. Questi sono i problemi che affliggono il mondo, cari miei.
Lonely Cat 2 anni fa su tio
Non ci vuole molto ad essere più furbi di noi, anche un ratto lo è. Mi stupisce che i montanari si siano rammolliti anche loro ormai. In altri tempi avrebbero sparato al lupo, fatto sparire il cadavere e chi si è visto si è visto. Certo che se si aspetta ancora, a breve ci saranno più lupi che pecore.
Lello 38 2 anni fa su tio
@Lonely Cat eliminare la caccia, lasciare al lupo piu cibo, pensera lui a fare la selezione dei capi piu deboli, malati o in eccesso come dicono..... Non ho mai visto lupi mangiare sassi ecc..... un bel cane che cura il gregge magarI qualche recinto e piu attenzione. se poi il lupo dovesse moltiplicarsi piu del dovuto, penso si deve intervenire, MA CON LE DOVUTE MANIERE, SEMPRE UN ESSERE VIVENTE, E
tazmaniac 2 anni fa su tio
@Lonely Cat tranquillo lonely, di pecore ne abbiamo talmente tante che ce ne vogliono milioni di lupi, per poter avere il sopravvento ... ;o)
Lonely Cat 2 anni fa su tio
@tazmaniac come darti torto? :))
pulp 2 anni fa su tio
@Lello 38 E perchè mai bisognerebbe eliminare la caccia? Per far piacere ai lupi? Miiii..... che vision semplicistica della gestione del territorio.....
Lonely Cat 2 anni fa su tio
@Lello 38 È proprio perché è un essere vivente che era meglio ucciderne uno appena faceva capolino, che lasciarlo moltiplicare ottenendo così centinaia di esseri viventi uccisi in modo cruento. In più, come dici anche tu, per controllare l’espansione del lupo di tanto in tanto bisognerà abbatterne degli esemplari. Quindi ulteriori esseri viventi uccisi, quando invece agendo subito e in modo deciso si avrebbe avuto una sola uccisione. Non riesco a capire il valore che danno gli animalisti agli animali. Sembra che ci siano animali la cui vita vale cento volte di più di altri. Per me hanno tutte lo stesso valore e mi dispiace tanto vedere un lupo ucciso quanto una pecora o un cervo uccisi. È questione di matematica, con il lupo avremo molti animali morti in più e in modo orribile.
Crt1980 2 anni fa su tio
@Lello 38 un colpo e non c'è piu
Lello 38 2 anni fa su tio
@Crt1980 tamburo.....
Lello 38 2 anni fa su tio
@Lonely Cat che fatica fare un recinto con magari tanto di cane all interno.... Sveglia .....
pontsort 2 anni fa su tio
@Lello 38 Recintare un'intera alpe la vedo dura ....
Lello 38 2 anni fa su tio
@pulp io alla mattina vado a lavorare non ho tempo di andare per boschi a cacciare...
Lello 38 2 anni fa su tio
@pulp Ma cosa vuoi gestire non vedi dove ce uomo ce casino non siamo neanche in grado di andare d accordo tra di noi ...
Lello 38 2 anni fa su tio
@pulp attenti al lupo.....
Lello 38 2 anni fa su tio
@pulp attenti al lupo
Lello 38 2 anni fa su tio
@pulp No lasciamola per fare piacere a te.... ci sono cose piu divertenti nella vita...
Crt1980 2 anni fa su tio
@Lello 38 una volta si andava a cacciare invece di andare a lavorare per poter mangiare cosa è meglio?
Lello 38 2 anni fa su tio
@Crt1980 meglio la caccia ma per mangiare non per divertimento.... certo che palle a lavoro con voi svizzar che monotoniia
Lello 38 2 anni fa su tio
@Crt1980 certo una volta non si sapeva neanche contare ora piu semplice tiare un grilletto
Crt1980 2 anni fa su tio
@Lello 38 te sarai sicuro un frontaliere torna al paesello allora
Crt1980 2 anni fa su tio
@Lello 38 cosi vediamo se non ti mangi anche il tuo lupo
Lello 38 2 anni fa su tio
@Crt1980 almeno noi salviamo il lupo,,,,, voi tutto quello che si muove nel bosco pam tamburiiiiiiiiii
pulp 2 anni fa su tio
@Lello 38 Se sei italiano (come sembra.....) beh allora guarda bene le leggi sulla caccia ..... che in Italia fanno ridere in termini di protezione, confronto alle nostre..... detta in altri termini: sarei quasi contento che si potesse andare a caccia anche da noi con le modalità italiane.... mi divertirei sicuramente di più e la patente mi costerebbe decisamente mooolto ma moooolto meno.
Lello 38 2 anni fa su tio
@pulp gran divertimento andare a sparare a delle bestie... prendi bene la mira prima o poi finirai a spararti nelle balle..... svizzar.....,
pulp 2 anni fa su tio
@Lello 38 Siamo figli di Tell, ricordatelo eh eh eh
elvetico 2 anni fa su tio
... fino a quando "per puro caso" non sarà azzannato un umano la situazione non cambierà e forse nemmeno allora. Intendiamoci, i lupi mi piacciono ma non vorrei incontrarne uno mentre vago per i boschi. Ora, forse è vero che non attacca un umano, ma c'è sempre l'eccezione che conferma la regola, o no ?
bobà 2 anni fa su tio
@elvetico in branco attacca, eccome!
SosPettOso 2 anni fa su tio
@elvetico Per ora, non attacca. La nouvelle vague definisce il lupo come "timido", e forse era vero per i primi che tra una fucilata e l'altra sono arrivati dall'Abruzzo. Quelli che nascono da noi non hanno motivo di essere timidi dato che non rischiano nulla...
Lello 38 2 anni fa su tio
@elvetico Molto piu pericoloso andare a passeggio al parchetto con tutti quei proprietari di enormi cani che non tengono al guinzaglio il loro animale......
bogian 2 anni fa su tio
@elvetico Vado spesso per i monti e sinceramente ho più paura di un cane da pastore lasciato solo tutto il giorno che di un lupo. Non ti è ami successo di leggere l'avviso su come comportarsi? E chi riesce a stare tranquilo quando ti viene addosso minaccioso abbiando con quella voce cavernosa! Il lupo solo scappa, ma se diventa un branco... non voglio scoprirlo!
camos 2 anni fa su tio
@bobà Esatto... Però dai commenti dei Blogger sotto vale di più la vita di un lupo che quella di 20 pecore o magari un Bambino che gioca a bordo del bosco... MAH...
pulp 2 anni fa su tio
La cosa paradossale é che probabilmente tutti coloro che si mettono a blaterare sul "povero lupo" e sul suo diritto a vivere ed a fare le mattanze fra le greggi, non hanno mai letto la "strategia lupo" della confederazione..... che altro non é che il tipico compromesso svizzero. Il lupo resta un animale protetto! Eventuali uccisioni vengono fatte solo dopo un iter molto lungo e solo dove si é provata la ferocità di un certo esemplare e vengono effettuate dai guardiacaccia. Non é possibile cacciarli in buona sostanza. Detto questo, la protezione del lupo é molto più importante di altre specie animali...... già perchè se finisce del cemento nel vedeggio e muoiono 300 o 400 trote, chissenefrega, vero animalisti dei miei stivali? E semmai bisognasse fare le recinzioni in alta montagna, sono certo che tutti gli animalisti da poltrona, sono in fila per andare ad aiutare. Si parla di sussidi..... beh sicuramente servono perchè altrimenti la concorrenza estera ucciderebbe definitivamente l'attività Agricola di montagna.... ma se vogliamo parlare di sussidi, allora facciamolo a largo raggio: sussidi per la cassa malati, sussidi o finanziamenti alle società di protezione animali, sussidi per gli studi..... e chi più ne ha, più ne metta.... e gli abusi?
bogian 2 anni fa su tio
Ammazzare gente a favore del lupo? Negare l'utilità dei contadini? I lupi che ragionano....?! Animalisti che difendono il lupo e chiudono gli occhi davanti a decine di animali azzannati e lasciati agonizzanti per ore? Voi siete lontani dal mondo reale. Vergognatevi! Vogliamo prodotti bio, rispettosi dell'ambiente e degli animali? Allora bisogna sostenere gli agricoltori di montagna! Non abbiamo bisogno del lupo. Sono i contadini in via di estinzione, il lupo è in piena espansione! Qualsiasi arteficio non potrà evitare il conflitto. Viva i contadini, viva la montagna!
SosPettOso 2 anni fa su tio
@bogian Una volta la RSI trasmetteva "Natura amica", un programma realizzato sulla natura locale e quasi tutti avevano la possibilità di vedere e conoscere le nostre bestie (pecore e capre comprese). Oggi invece RSI trasmette i documentari del National geografic e la gente conosce per nome i leoni della savana, i lupi dello Yellowstone ma non il vicino di casa.
j.francini 2 anni fa su tio
@bogian Non è questione di animalisti o negare l'utilità dei contadini. Mettiamo semplicemente il fatto che stiamo cercando di comandare e decidere noi come deve funzionare la natura, cosa che c'è da ancora prima che arrivassimo noi. Con dei recinti ben fatti e ben studiati i lupi non riescono ad entrare. Il prodotto "bio" lo si mantiene nonostante ci sia un recinto a prova di lupo. Mi sembra che ci stiamo arrampicando sui vetri e piangendo una cosa che funziona da milioni di anni. I lupi devono mangiare e le pecore sono il loro cibo preferito, questa è la verità. Una volta ho visto un documentario sugli orsi in Canada, a volte si spingono persino fino nei giardini o nei paesi per cercare cibo, ma non mi sembra che qualcuno li abbatta. Questo tanto per fare un esempio di come dovrebbe funzionare.
j.francini 2 anni fa su tio
@bogian Cosa dovrebbero dire i contadini che lavorano i campi allora? Arriva la grandine o il vento e manda in malora tutto... Cosa facciamo? Ad ognuno le sue difficoltà.
bobà 2 anni fa su tio
@bogian Hai ragione al 100 per 100
Lello 38 2 anni fa su tio
@bogian Non si deve ammazzare nessuno , catturarlo e spostarlo dove ce posto per lui. w il lupo.....
pontsort 2 anni fa su tio
@j.francini Visto che gli agricultori hanno delle difficoltà aggiungiamone una anche ai contadini cosi sono pari.... Visto che ci siamo togliamo il riscaldamento negli uffici almeno anche loro hanno una difficoltà da sopportare
j.francini 2 anni fa su tio
@pontsort Se serve per far capire la situazione, facciamolo.
SosPettOso 2 anni fa su tio
@j.francini Se vuoi una convivenza canadese... vai tu in Canada! Che poi non li abbattano... resta ancora da vedere, ma certo non nei documentari della National Geografic. Nei documentari non vedrai nemmeno le storie di Candice Berner e/o di Wladimir Molinari.
camos 2 anni fa su tio
@j.francini Hai fatto un esempio davvero pertinente, infatti la superficie boschiva e soprattutto la densità di popolazione (umana) per metro quadro tra Canada e Svizzera sono molto Simili.... NO COMMENT
camos 2 anni fa su tio
@SosPettOso BRAVO!
moonie 2 anni fa su tio
togliamo i sussidi a sta gente
giodan69 2 anni fa su tio
@moonie In verità sono CONTRIBUTI DIRETTI e non sussidi che percepiamo perchè svolgiamo determinati lavori sul terreno ,in montagna e siamo controllati tramite la mole di burocrazia e non sono SUSSIDI che prendiamo stando in POLTRONA!!!! Siamo a tutti gli effetti degli impiegati federali e cantonali .....chi protegge il LUPO lo ha visto solo in cartolina non ha a che fare con la gestione di bestiame ....anche loro sono da proteggere...perchè devono venir sgozzate pecore ,capre ecc...per un lupo ...a cosa serve??????
ivib 2 anni fa su tio
anche i lupi potrebbero fare lo stesso ragionamento. Troppi essere umani che occupano il nostro territorio. Forse sarebbe meglio abbatterne qualcuno, specie quelli che ci minacciano da vicino. IN BOCCA AL LUPO!!!!!!!!!!!!
Lello 38 2 anni fa su tio
@ivib Grande!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Lello 38 2 anni fa su tio
@ivib Veramente.. in cima alle montagne, in fondo al mare non ce posto dove l essere umano non rompe le balle....
bobà 2 anni fa su tio
@ivib cosa porta il lupo? SPIEGACI dai! solo costi! Nulla d'altro!
ivib 2 anni fa su tio
@bobà il tuo mi sembra un ragionamento minimalista............e cosa porta l'uomo??? Solo danni, distruzione di cose ed esseri viventi.............e soldi gettati al vento!!!!
tazmaniac 2 anni fa su tio
chissà come avranno fatto i nostri avi a sopravvivere quando ce n'erano molti ma molti di più e la tecnologia era molto ma molto meno.... Siamo proprio dei pöri taroc piangina...
Roger maids 2 anni fa su tio
@tazmaniac Vero... ci si arrangiava meglio di adesso. Si decideva al momento e la cosa restava in paese
SosPettOso 2 anni fa su tio
@tazmaniac I nostri avi costruivano un muro circolare o scavavano una bella fossa in modo che il lupo potesse riuscire ad entrare ma non a uscire. Sacrificavano un capretto/agnello lasciandolo a belare separato dalla madre e quando il lupo era in trappola, con poca tecnologia e diversi sassi... PS: a quei tempi, con una mucca ed una decina di capre dai rendimenti (litri di latte) improponibili si sfamava una famiglia.
pulp 2 anni fa su tio
@tazmaniac I nostril avi? Avevano lo schioppo e lo usavano e se beccavano il lupo, ricevevano un premio.... ecco come facevano.
pontsort 2 anni fa su tio
@tazmaniac Semplicemente ammazzavano qualsiasi lupo che gli capitava a tiro. Quelli che restavano si guardavano bene di avvicinarsi all'uomo e sapevano bene che cacciare una pecora significava rischiare la vita
tazmaniac 2 anni fa su tio
@pulp Esatto, ma non avevano a che fare con uno o due lupi, ma con interi branchi...in Abruzzo mi sembra che siano altre le calamità a fare danni, non i lupi. Accidenti, come faranno ... sti badini, vuoi vedere che sono più svegli dei contadini nostrani ... porca miseria che onta!
pulp 2 anni fa su tio
@tazmaniac Non so se sono più svegli.... ma di sicuro le leggi sulla caccia in Italia sono ben più permissive di quelle Svizzere.....
pulp 2 anni fa su tio
@SosPettOso .....finisci però..... nel senso: dopo averlo preso, lo accompagnavano nei boschi dell'Abruzzo oppure ..... beh....... insomma non c'é nemmeno da spiegarla sta cosa.
tazmaniac 2 anni fa su tio
@SosPettOso ecco. E oggi è così difficile o è più costoso? Le possibilità di difendersi ci sono, volere è potere. Ma qui è più facile piangere che ingegnarsi...
pontsort 2 anni fa su tio
@tazmaniac Da quello che ho capito parlava di trappole dove poi il lupo veniva ucciso, quindi non mi sembra che segua la tua opinione.
tazmaniac 2 anni fa su tio
@pontsort Si, ma parlava dei tempi addietro, dove magari di lupi non ce n'erano solo uno o due ... adesso per un lupo, sembra quasi che siamo invasi da branchi immensi ... magari ridimensionare un po' il tutto e attrezzarsi, basta e avanza, ma sembra che qui lo sport in cui eccelliamo e il pianto lamentoso...
tazmaniac 2 anni fa su tio
@Roger maids e il bestiame nel recinto alto il giusto. Ma oggi, bisogna risparmiare su tutto. Anche i cari contadini STRAsovvenzionati, hanno bisogno del SUV, poverini, quindi non possono buttare i soldi per difendere e proteggere i propri introiti, noooo, più facile pretendere di sterminare tutto e tutti...
pontsort 2 anni fa su tio
@tazmaniac I recinti vanno bene quando le pecore sono vicine alle stalle, ma la vedo difficile recintare un intera alpe.E poi se si vuole fare un recinto a prova di lupo finisce che arriva la stan a dire che non v bene per il paesaggio... Una volta all'alpe c'era sempre qualcuno che accompagnava le pecore, di solito qualche ragazzo magari anche munito di fucile se si presentava il lupo. Ora i ragazzi hanno di "meglio " da fare e i contadini devono occuparsi del fieno visto che la mano d'opera (una volta familiari) é inferiore
tazmaniac 2 anni fa su tio
@pontsort e i cani pastori si sono estinti? O è troppo difficile allevarli?
pontsort 2 anni fa su tio
@tazmaniac I cani funzionano bene, ma il problema dei cani é che devono mangiare. Questo vuol dire che un contadino che passa la giornata a far fieno a valle deve poi ancora salire in vetta tutti i giorni per dargli da mangiare. Inoltre possono diventare un problema per i turisti che ultimamente sembrano saper sempre meno come comportarsi quando incontrano degli animali
tazmaniac 2 anni fa su tio
@pontsort E vabbè ... un cane ben addestrato attacca solo chi deve attaccare e tutti questi contadini chi sono supereroi che lavorano tutti da soli? mentre uno fa fieno in valle uno va in vetta a controllare il gregge e dar da mangiare al cane e magari, nel frattempo raccoglie qualche fungo o qualche mirtillo che servono sempre...
pontsort 2 anni fa su tio
@tazmaniac Ad allevare pecore di solito é gente che lo fa a meta tempo proprio perché danno meno da fare visto che vengono allevate per la carne é in minima parte per la lana. Ma non per il latte. Di solito hanno qualche familiare che li aiuta, ma quando si deve far fieno la manodopera non é molta per il lavoro da fare.
dragon2 2 anni fa su tio
Ecco rispondo primo ai due commenti, BRAVI avete ragione! Apro una parentesi, i contadini ci sono o ci fanno? Allora da quando avevamo abbattuto il predatore ad oggi facciamo gli innocenti e lasciamo il gregge pascolare tranquillo tranquillo........ma ai tempi esistevano dei recinti! In ogni articolo che si legge di danni che causa il lupo nn si vede mai traccia di un recinto, ovvio che sia furbo da quando esiste la natura lui si nutre cacciando! Ora le pecore con come alla Migros a portata di mano! Smettiamola di voler dare colpa al predatore! Contadini siete pure sovvenzionati vergogna provvedere a mettere in luogo sicuro e nn lamentatevi, nn potete fare due cose alla volta! Tipo chattare e fare il dovere di contadino, stimo il lavoro ma va fatto con serietà
j.francini 2 anni fa su tio
Ma smettiamola di civilizzare qualsiasi cosa. La natura deve fare il suo corso in ogni caso, non si può impedire questa cosa, soprattutto abbattendo ogni bestia in circolazione che mette il bastone fra le ruote. Cosè, se una persona uccide un'altra persona si abbatte? Non mi semba che viga la pena di morte, non penso che debba esserci neanche per gli animali. Rispettiamo quello che c'è e adattiamoci ogni tanto invece che voler conquistare tutto. Stiamo andando in malora.
Lepontina 2 anni fa su tio
Se esiste un problema in questa faccenda non è certamente il lupo e nemmeno la legislazione "permissiva"; il problema sono i contadini stessi (non tutti, qualcuno lavora bene) che pretendono di abbandonare le greggi, senza sorveglianza ma, allo stesso tempo, di ricevere sussidi; poi, se qualche pecora viene sbranata pretendono anche che gli venga pagata. Come dire: non faccio nulla ma in un modo o nell'altro qualcuno deve pagarmi. Togliamo gli pseudo-contadini e con essi i sussidi, e avremo risolto il problema. VIVA IL LUPO.
Lello 38 2 anni fa su tio
@Lepontina Bravissimo.....
miba 2 anni fa su tio
Mi associo con chi mi ha preceduto. Questo qui (Donati) legge troppe favole
Lepontina 2 anni fa su tio
Se esiste un problema in questa faccenda non è certamente il lupo e nemmeno la legislazione "permissiva"; il problema sono i contadini stessi (non tutti, qualcuno lavora bene) che pretendono di abbandonare le greggi, senza sorveglianza ma, allo stesso tempo, di ricevere sussidi; poi, se qualche pecora viene sbranata pretendono anche che gli venga pagata. Come dire: non faccio nulla ma in un modo o nell'altro qualcuno deve pagarmi. Togliamo gli pseudo-contadini e con essi i sussidi, e avremo risolto il problema. VIVA IL LUPO.
rexlex 2 anni fa su tio
@Lepontina VIVA IL LUPO VIVA L'ORSO
Liberopensiero 2 anni fa su tio
Pensare che c'è gente che va nel parco nazionale d'Abruzzo per vederli!....e addiruttura gli orsi!!!! Incredibile. noi siamo piu furbi li abbattiamo e qualche volta li impagliamo. Bravi!!!!
made 2 anni fa su tio
@Liberopensiero se ti piacciono così tanto puoi sempre tenerne un paio in giardino! e magari un qualche bel grizzly sul divano di casa
mariposa 2 anni fa su tio
siamo stati noi a rubargli il territorio
Lello 38 2 anni fa su tio
@mariposa vero tra qualche anno apriranno pure la caccia sulla luna vergogna....... chissa se l hanno gia avvistato pure lassu....
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-07-19 17:12:25 | 91.208.130.86