Keystone
Donne al voto per le cantonali, a Ginevra nel 1961.
+1
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
8 min
«Più tempo per compensare le perdite»
Per il Nazionale, le imprese dovrebbero poter dedurre fiscalmente le loro perdite per 10 anni, al posto dei 7 attuali.
SVIZZERA
20 min
Nessuna carcerazione preventiva (nemmeno) per i sospetti terroristi
Respinta dagli Stati una mozione UDC: «Il provvedimento è contrario alla Convenzione europea dei diritti umani».
LUCERNA
1 ora
Medico si oppone alle misure anti-covid: non può più esercitare
L'autorizzazione gli è stata temporaneamente revocata perché ha violato i suoi doveri professionali.
FOTOGALLERY
SVIZZERA
1 ora
Quante code "non necessarie" fuori dai negozi
Le immagini dei lettori da un capo all'altro della Svizzera: code anche di 500 metri
SVIZZERA
1 ora
Quattordici milioni per lo Yemen
La donazione della Confederazione servirà a sostenere le attività di diverse organizzazioni umanitarie nel Paese.
BERNA
1 ora
La lupa è infine stata abbattuta
F78 - questo il suo nome - aveva fatto discutere per avere causato danni rilevanti ad animali da reddito
SVIZZERA
3 ore
Covid fonte di stress per gli infermieri
Un'indagine condotta su 4100 infermieri ha evidenziato che durante la pandemia lo stress è notevolmente aumentato.
SVIZZERA
5 ore
Covid-19: 2'560 casi nel weekend svizzero
Sono 16 i decessi registrati da venerdì a causa del virus.
SVIZZERA
5 ore
Posta «affidabile» nel 2020: i mesi più difficili, però, non sono stati nemmeno conteggiati
In primavera e in autunno Berna aveva dispensato il Gigante giallo dai vincoli, per garantire i servizi indispensabili.
GRIGIONI
6 ore
Due lupi sulla pista da sci
I predatori hanno seguito brevemente una sciatrice sul comprensorio di Obersaxen sabato scorso.
ARGOVIA
6 ore
Cadavere trovato un anno fa in una grotta: «Fu omicidio»
Il corpo, ritrovato senza vita il 5 aprile 2020 vicino a Brügg, apparteneva a un 24enne zurighese scomparso nel 2019.
SVIZZERA
7 ore
Una pandemia di donne arrabbiate
In Svizzera il Covid ha colpito l'occupazione femminile. Ma le relazioni coniugali ne hanno beneficiato
SVIZZERA
7 ore
«Vogliono zittire la scienza»
I Verdi lanciano un appello in difesa della task-force Covid
SVIZZERA
24.01.2021 - 09:280

Oggi il suffragio femminile a livello federale compie 50 anni

Ed è impossibile non domandarsi: come mai così tardi? Ma ci sono cantoni che l'hanno introdotto prima e altri dopo

Fonte Irene Widmer, Keystone-Ats
elaborata da Filippo Zanoli
Giornalista

BERNA - Il suffragio femminile in Svizzera compie 50 anni. È un argomento che genera sempre ilarità nelle conversazioni con gli stranieri. E proprio la Confederazione, la seconda democrazia più vecchia del mondo dopo gli USA, è stata uno degli ultimi Paesi a concedere alle donne i loro pieni diritti civili. L'hanno preceduta anche Gibuti e Kiribati, nonché la maggior parte degli Stati islamici.

Secondo la letteratura in merito, il motivo principale della tardiva introduzione del suffragio femminile è stato paradossalmente la democratizzazione precoce, del 1848. Mentre in altri Paesi il diritto di voto veniva introdotto dal Parlamento, in Svizzera questo poteva essere fatto solo modificando la Costituzione, il che richiedeva un voto popolare.

Inoltre, l'elettorato maschile era attaccato ai suoi privilegi. «La costruzione della mascolinità repubblicana - e con essa l'esclusione delle donne dalla politica" - era particolarmente accentuata in Svizzera, perché l'ideologia era strettamente intrecciata con i miti di fondazione della Confederazione, basati sulla fratellanza virile», spiega Werner Seitz nel suo libro di fresca pubblicazione "Auf die Wartebank geschoben" (che si potrebbe tradurre in italiano con "Lasciate in panchina").

Nel corso di una più tardiva revisione totale della Costituzione, l'introduzione del voto alle donne sarebbe avvenuta in maniera relativamente agevole, senza molte discussioni. Ma la prima revisione totale è arrivata troppo presto, nel 1874, e la seconda solo nel 1999.

Secondo Seitz, il coinvolgimento delle donne nella vita pubblica si rivelò poi anche controproducente. Nella prima metà del XIX secolo, furono fondate associazioni femminili attive nell'assistenza ai poveri, nell'educazione delle ragazze e nell'assistenza infermieristica.

Queste donne, per lo più di estrazione borghese, perseguivano una cosiddetta strategia dualistica: il ruolo servile di moglie, casalinga e madre esteso alla sfera pubblica ha cementato così l'idea della "immaturità" politica della donna.

Ciò nonostante il lavoro politico di milizia nel settore sociale ha avuto anche i suoi lati positivi: le donne hanno potuto vedere la dinamica delle procedure amministrative e del processo legislativo e hanno così acquisito competenze politiche, nota Seitz.

Questo, in un secondo momento, ha dato i suoi frutti. Nelle prime votazioni dopo l'adozione effettiva del suffragio universale, donne qualificate erano pronte: dieci di loro più una "subentrante" sono state elette in Parlamento: il 5,5%. E, almeno nel Consiglio Nazionale, la proporzione è cresciuta continuamente. Stando alle ultime elezioni del 2019 il tasso di donne è del 42%.

Nel Consiglio degli Stati, nei governi cantonali e, naturalmente, nell'esecutivo federale, il processo ha richiesto un po' più di tempo. Elisabeth Kopp fu la prima consigliera federale donna eletta, 13 anni dopo l'introduzione del suffragio femminile.

Quando fu accettato in Svizzera il diritto di voto per le donne ebbe una maggioranza sorprendentemente di favorevoli: il 7 febbraio del 1971, lo votarono 621'109 uomini, ossia una quota del 65,7%, con un'affluenza del 57,7%. In quel momento, le donne avevano già il diritto di voto e di candidarsi alle elezioni in nove cantoni, sia cantonali che comunali.

Ma l'alba del suffragio femminile in Svizzera è sorta a occidente, scrive Lotti Ruckstuhl nel suo libro del 1986 "Frauen sprengen Fesseln" ("Il suffragio femminile in Svizzera: storia di una conquista"). Si riferisce al ruolo di pionieri che hanno avuto i cantoni della parte occidentale del Paese. Vaud fu il primo a dare il voto anche alle donne nel 1959, seguito da Neuchâtel lo stesso anno e da Ginevra nel 1960. Questi tre, più Basilea Città, hanno anche avuto il più alto tasso di "sì" nel 1971: dall'82 al 91,1%.

Per molto tempo, nessun raggio di sole per le pari opportunità elettorali delle donne raggiunse invece gli Appenzellesi, nel lontano oriente del Paese. Alla prima votazione federale in materia, nel 1959, la media svizzera dei favori era del 33,1%, a fronte di solo il 4,9% ad Appenzello Interno. Nel 1971, i "sì" nel piccolo cantone raggiunsero il 28,9%: meno della metà della media svizzera.

Dopo che Appenzello Esterno ha introdotto il suffragio femminile cantonale e il diritto di eleggibilità nel 1989, il popolo di Appenzello Interno lo ha respinto per la terza volta nel 1990. Tuttavia, il Tribunale federale decise che ciò non era possibile e intervenì direttamente.

Così, il 28 aprile del 1991, le donne furono autorizzate a partecipare per la prima volta alla Landsgemeinde. Ma, si lamentavano gli uomini di Appenzello: «Se le donne sono alla Landsgemeinde, chi cucinerà e accudirà i bambini?».

Keystone
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-01 18:50:53 | 91.208.130.87