Tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
52 min
Attivisti per il clima occupano le banche in Paradeplatz
Circa 200 persone si sono radunate all'entrata delle sedi di UBS e Credit Suisse questa mattina.
SVIZZERA
9 ore
Gli 007 elvetici vogliono lavorare da casa
Telelavoro offlimits in seno all'intelligence elvetica, anche durante il lockdown. Ma ora i dipendenti lo chiedono
SVIZZERA
11 ore
«Con agosto si passa alla fase tre»
Secondo diversi epidemiologi, i tempi sono maturi per la normalizzazione. «Ma bisogna procedere passo per passo».
SVIZZERA
16 ore
A Chiesa non piacciono le città
«Parassitarie» e «covi della sinistra». Il presidente dell'UDC si sfoga il Primo d'Agosto
SVIZZERA
17 ore
Il Grütli delle donne
Viola Amherd ha rilanciato l'impegno per la parità fra i sessi, nel discorso per il Primo d'Agosto
ZURIGO
17 ore
Meno mascherine in ufficio, e salgono i contagi a Zurigo
Aumentano anche le persone che contraggono il virus sui mezzi pubblici.
SVIZZERA / THAILANDIA
20 ore
Primo agosto: Cassis celebra la diversità della Svizzera da Bangkok
Il ministro degli esteri celebra la festa nazionale durante il suo viaggio ufficiale in Thailandia
SVIZZERA
20 ore
«Procedere insieme nella diversità»
Il discorso del Primo agosto tenuto dalla consigliera federale Karin Keller-Sutter
SONDAGGIO
SVIZZERA
20 ore
Uccidere i lupi? Meglio organizzare dei “safari”
È quanto propone il presidente di Graubünden Ferien per promuovere il turismo in Svizzera
VAUD
22 ore
Schianto in moto: morto 18enne
Tragico incidente ieri mattina a Saint-Livres, in coincidenza di una curva
SVIZZERA
23 ore
D'estate si batte la fiacca
Uno studio dimostra che la produttività in Svizzera cala del 20 per cento nei mesi caldi
SVIZZERA
23 ore
Happy birthday Svizzera!
Auguri da Biden, da Facebook, da Google, nel 730esimo compleanno della Confederazione
SVIZZERA
1 gior
Chi pagherà i test covid quando termineranno le vaccinazioni?
«Il contribuente? Non ne sono sicuro» ha dichiarato Guy Parmelin
BERNA
1 gior
Incendio in un'azienda chimica a Pieterlen, allerta rientrata
La popolazione non corre alcun pericolo, ha fatto sapere la polizia
GRIGIONI
1 gior
Investe un'anziana, si ferma e poi scappa
La polizia, giunta sul posto poco dopo, è alla ricerca di testimoni
SVIZZERA
1 gior
Già una terza dose? La Svizzera, per il momento, sta a guardare
Secondo l'immunologo romando Daniel Speiser, però, nel 2022 se ne dovrà discutere
SVIZZERA
02.12.2020 - 12:330
Aggiornamento : 13:20

Pigioni commerciali affossate anche dai senatori

Il Consiglio degli Stati ha deciso per la non entrata in materia dopo che il Nazionale aveva già bocciato la Legge.

Il progetto, proposto dal Consiglio federale per alleggerire gli affitti delle attività chiuse durante il lockdown, va quindi definitivamente agli archivi.

BERNA - Non ci sarà alcuna soluzione federale volta a sgravare gli esercizi commerciali dalle pigioni per il periodo durante il quale sono dovuti restare chiusi a causa del lockdown della scorsa primavera.

Dopo il "no" alla legge espresso lunedì dal Consiglio nazionale, oggi il Consiglio degli Stati ha respinto l'entrata in materia per 30 voti a 14 sul progetto del Consiglio federale, elaborato in risposta a due mozioni simili trasmesse dalle Camere federali. Con questo voto, il disegno di legge è definitivamente archiviato.

Il progetto - Il progetto del Consiglio federale, elaborato sulla base delle mozioni adottate in giugno dal parlamento, prevedeva che i gestori di esercizi commerciali avrebbero pagato "solo" il 40% della pigione dovuta per tutto il periodo di chiusura forzata decisa in primavera dal governo. Tale soluzione sarebbe stata valevole fino a un tetto massimo di 20 mila franchi di affitto mensile. Per chi ha dovuto solo ridurre l'attività, questa soluzione si sarebbe applicata per due mesi al massimo.

Per le pigioni comprese tra 15 e 20 mila franchi, le parti - affittuario e proprietario - avrebbero potuto decidere di non applicare il disciplinamento. Eventuali accordi già conclusi tra le parti sarebbero restati inoltre validi. La legge prevedeva anche che i locatori avrebbero potuto chiedere un'indennità alla Confederazione nei casi di rigore.

Costituzionalità in forse - Il plenum ha seguito la raccomandazione della sua commissione preparatoria. La maggioranza del plenum ritiene che questa legge intervenga inopportunamente retroattivamente nei rapporti contrattuali privati e potrebbe creare una grande incertezza giuridica. Insomma, si tratta di un attacco ad alcuni principi costituzionali, come la non retroattività, o la sicurezza della proprietà.

Un'opinione condivisa anche dal consigliere federale Guy Parmelin, il quale ha ricordato che il Consiglio federale si è messo al lavoro solo perché glielo ha chiesto il parlamento, ma di aver sempre espresso scetticismo per una norma che s'insinua nei rapporti di diritto privato.

Pur essendo preoccupato per la seconda ondata e per le ripercussioni sull'economia, il ministro dell'economia ha rammentato che esiste pur sempre la possibilità per le parti coinvolte di mettersi d'accordo o di ricorrere alla legge Covid-19 per i casi di rigore: A tale riguardo, il governo ha promesso di stanziare un miliardo di franchi.

Meglio soluzioni su misura - Oltre a ciò, diversi Cantoni hanno elaborato soluzioni ad hoc per risolvere questo problema, segno che è sempre possibile trovare soluzioni tagliate su misura per realtà diverse. Parmelin ha anche sottolineato che la proposta all'esame rischia di violare il principio di uguaglianza, sia perché farebbe pagare maggiormente i proprietari, sia perché non include i gestori di commerci proprietari del loro locale che devono continuare a pagare gli interessi ipotecari e gli altri costi, senza godere di alcun vantaggio.

Un'opinione, quest'ultima, difesa anche da Brigitte Häberli-Koller, secondo cui proprio quest'ultima categoria d'imprenditori rischia di essere penalizzata. Secondo Thomas Minder (indipendente/SH), anche in situazioni eccezionali lo Stato non può fare ciò che vuole. Nei rapporti di diritto privato deve rimanere neutrale. Ogni intervento dello Stato nella libertà contrattuale è «tabù».

Per Daniel Fässler (PPD/AI), dallo scorsa primavera, ossia da quando praticamente tutte le attività economiche sono rimaste chiuse su ordine del Consiglio federale per arginare la pandemia, la situazione è migliorata. In molti casi, proprietari e pigionanti hanno potuto mettersi d'accordo. I primi ad avere interesse a una soluzione amichevole sono proprio i proprietari di locali e immobili, ha aggiunto.

«Ci vuole coerenza» - Nella sua articolata prolusione, Carlo Sommaruga (PS/GE) ha accusato i contrari di poca coerenza dopo che molti di essi avevano accolto la mozione in giugno sfociata nel progetto governativo. Insomma, bisogna andare fino in fondo, anche perché ci sono migliaia di persone che non hanno ancora trovato un accordo con i proprietari e che attendono impazienti una risposta dalla politica.

Addentrandosi negli anfratti giuridici più problematici, Sommaruga ha sostenuto che le opinioni in materia, ossia circa l'intromissione nei rapporti di diritto privato e nel principio di non retroattività o del rispetto della proprietà, le opinioni sono assai disparate. Le riduzioni di affitto, ha spiegato, sono quasi sempre retroattive, giacché un giudice decide sempre ex post.

Oltre a ciò, una legge nazionale è benvenuta poiché finora solo sette cantoni, soprattutto romandi, hanno escogitato una soluzione che metta d'accordo locatori e locatari. Per il "senatore" ginevrino si tratta anche di una questione di giustizia: la soluzione federale costerebbe ai proprietari 212 milioni di franchi, a fronte di perdite per gli affittuari per mancati ricavi pari a circa 3,7 miliardi.

«Un voltafaccia» - Anche nel suo intervento Christian Levrat (PS/FR) ha dichiarato di non capire il «voltafaccia» dei colleghi contrari alla legge, un comportamento che demoralizza i molti gestori di esercizi commerciali in difficoltà. Per il friburghese si tratta di «un segnale di grande debolezza» a fronte invece di quei cantoni che hanno scelto di agire. A suo avviso non è giusto privilegiare la rendita immobiliare a scapito del lavoro.

Piccato per quest'ultima considerazione, Charles Jullliard (PPD/JU) ha rispedito al mittente le accuse, sottolineando che Parlamento e Governo hanno messo a disposizione miliardi per salvare il maggior numero d'impieghi. Certo, ha ammesso, non per tutti è stato possibile trovare una soluzione amichevole, ma per questo sono a disposizione fondi per i cosiddetti casi di rigore e le soluzioni cantonali.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 8 mesi fa su tio
Giusto così!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-02 08:11:04 | 91.208.130.89