Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FOTO
SVIZZERA
47 min
«Bambini, fate valere i vostri diritti»
Parola di Alain Berset, oggi in piazza a Berna per la Convenzione sui diritti del fanciullo: «Un giorno non di promesse, ma di impegno»
SAN GALLO
1 ora
Ragazzino in bici investito da un furgone
L'incidente è avvenuto questa mattina a Berneck: il dodicenne ha rimediato ferite lievi
SCIAFFUSA
1 ora
Per «risparmiare tempo» non dichiarano oltre 160 chili di carne
Il furgone è stato notato nelle vicinanze delle cascate del Reno. Al suo interno si trovavano anche 52 chilogrammi di formaggio
GRIGIONI
2 ore
«Sì alla traduzione simultanea in Parlamento»
La conferenza dei presidenti del Legislativo ha di recente appoggiato una proposta del granconsigliere socialista Tobias Rettich
BERNA
2 ore
Moutier, c'è il sospetto di una frode elettorale
La giustizia ha aperto 16 istruttorie per verificare se alcuni elettori abbiano votato pur non essendo domiciliati nella cittadina
BERNA
2 ore
Le monete svizzere sono prodotte in Corea del Sud
La coniatura, però, avviene in Svizzera. Lo prevedono le norme sugli acquisti pubblici. Finora, una parte di pezzi grezzi veniva fabbricata in Germania
SVIZZERA
2 ore
Il Consiglio federale in breve
Ecco tutti i temi trattati dal'esecutivo nella seduta odierna in un colpo d'occhio
SVIZZERA
4 ore
Rapparono insulti sessuali contro Natalie Rickli: «Condanna da riesaminare»
Lo ha decretato il Tribunale Federale, a processo il gruppo hip-hop bernese Chaostruppe che potrebbe essere accusato anche di calunnia
SVIZZERA
4 ore
Donne imprenditrici: la Svizzera offre buone condizioni
L'imprenditoria femminile fiorisce soprattutto nelle economie ad alto reddito e sviluppate
BERNA
5 ore
Conto alla rovescia per la centrale di Mühleberg
Il 20 dicembre, tra un mese, il sito sarà disattivato dopo 47 anni di attività. Gli elementi combustibili saranno rimossi nel 2024 e la radioattività sarà eliminata nel 2031
BERNA
5 ore
Scambi studenteschi non solo con l'Ue
Il Consiglio federale vuole che il sostegno a queste iniziative non sia più limitato all'Erasmus
APPENZELLO ESTERNO
5 ore
Non ci sono soldi: Appenzello Esterno rinuncia agli scavi archeologici
I reperti degli scavi preliminari a Urnäsch saranno distrutti. La costruzione del nuovo palazzo comunale può continuare: «Recupero consigliabile solo da un punto di vista strettamente scientifico»
SVIZZERA
5 ore
Nuova vincita all’EuroMillions: 135 milioni di franchi
Il jackpot è stato conquistato con la combinazione 8, 10, 15, 30 e 42, e le "stelle" 4 e 6
SVIZZERA
6 ore
UBS: «Nel 2020 l'economia globale crescerà del 3%»
La progressione dei mercati emergenti, in particolare, accelererà dal 4,2% al 4,6%
SVIZZERA
6 ore
Gioco d'azzardo online, il blocco funziona ma...
Il reindirizzo alla pagina "Stop!" della CFCG non avviene sempre. Ogni in anno 250 milioni di franchi giocati in Svizzera finiscono nelle tasche di operatori stranieri
VAUD
6 ore
Interviene per fermare un vandalismo e viene pestato a sangue dalla baby gang
Un uomo è stato ferocemente aggredito dal branco il 12 novembre alla stazione di Vevey. 4 minorenni sono stati fermati. La polizia: «Sono recidivi. In questi casi non correte rischi e chiamate il 117»
SVIZZERA
6 ore
Matrimoni, addio al termine di attesa
Sarà abolito dal prossimo primo gennaio. La procedura preparatoria (in vigore dal 2000) lo ha reso obsoleto
VIDEO
SVIZZERA
6 ore
2'200 classi delle medie contro il fumo
Gli allievi che partecipano a "Progetto Nonfumatori" si impegneranno a non fumare sigarette e a non consumare altri prodotti a base di nicotina per sei mesi
SVIZZERA
04.10.2018 - 11:200

Autodeterminazione: lanciata la campagna per il "no"

Secondo gli oppositori, il testo finirebbe per mettere in pericolo tutti gli accordi internazionali e «Università e Politecnici subirebbero perdite finanziarie»

BERNA - Ambiguità e diverse contraddizioni nell'iniziativa UDC "Il diritto svizzero anziché giudici stranieri", detta anche "per l'autodeterminazione", potrebbero mettere in pericolo gli accordi internazionali siglati dalla Svizzera. È questa l'opinione, espressa oggi a Berna, del comitato di oppositori al testo in votazione il 25 novembre.

L'iniziativa sarebbe troppo radicale e danneggerebbe la Confederazione da molti punti di vista: dalla protezione dei diritti umani, a margini di manovra per trattative in ambito politico ed economico, passando per lo Stato di diritto, è stato spiegato ai media dal comitato, nel quale sono rappresentati diversi partiti e organizzazioni della società civile ed economiche.

Il testo «non porta chiarezza fra i livelli di diritto, ma tramite contraddizioni garantisce solamente incertezza. Questa incertezza sarebbe dannosa per la Svizzera», ha spiegato il consigliere agli Stati Philipp Müller (PLR/AG). «La democrazia diretta c'è già, non serve un testo simile per ottenerla», ha aggiunto.

«Nessuna iniziativa è mai stata così pericolosa per i diritti fondamentali. Istituzioni come la Corte europea dei diritti dell'uomo permettono di garantire standard minimi da rispettare», ha sottolineato Andrea Huber, dell'Alleanza della società civile - Fattore di protezione D. «Una democrazia diretta senza limiti non è veramente democratica», ha concluso.

Secondo gli oppositori, il testo finirebbe per mettere in pericolo tutti gli accordi internazionali, compresi quelli confermati più volte dagli stessi cittadini svizzeri. Con questa spada di Damocle, per la Confederazione diventerebbe molto difficile arrivare a nuove intese.

Accettando questa iniziativa «la Svizzera si avvicinerebbe alla politica degli Stati totalitari. Non vogliamo andare nella stessa direzione della Turchia di Recep Tayyip Erdogan, della Russia di Vladimir Putin o degli Stati Uniti di Donald Trump», ha affermato con convinzione la consigliera nazionale socialista Nadine Masshardt (BE). «Nella vita di tutti i giorni noi approfittiamo del diritto internazionale, non è una cosa che ci fa soffrire», ha detto ancora.

Problemi economici e giuridici - Anche l'economia si oppone al testo dei democentristi: «Gli ambienti economici giudicano questa iniziativa in maniera nefasta. Alcune decisioni popolari potrebbero obbligare a rinegoziare, magari per questioni secondarie, interi accordi di grande importanza, ad esempio con la Cina, portando probabilmente alla loro cancellazione», ha evidenziato François Gabella, vicepresidente dell'associazione dell'industria metalmeccanica Swissmem.

«Si tratterebbe di un autogol incredibile», ha continuato Gabella. «Per le 97'000 imprese svizzere orientate all'esportazione un acceso sicuro ai mercati mondiali è assolutamente indispensabile».

Sempre a livello di accordi, secondo gli oppositori la stessa reputazione della Svizzera sarebbe messa in gioco. «In pratica il testo dice che non importa se non rispettiamo la parola data», ha dichiarato Laura Zimmermann, co-presidente di Operation Libero. «Finge l'autodeterminazione, ma priva la Svizzera della sua affidabilità. Finge di rafforzare la democrazia diretta, ma vuole dare alle autorità il diritto di rescindere importanti trattati internazionali, anche senza chiedere agli elettori».

A detta del consigliere agli Stati Beat Vonlanthen (PPD/FR), non solo la reputazione della Svizzera di partner affidabile sarebbe rovinata, ma gli stessi valori elvetici verrebbero messi sotto attacco. «Tradizioni come quella umanitaria e quella legata alle trattative e al dialogo scomparirebbero», in favore della politica del più forte.

Perplessità giungono anche dall'ambiente prettamente legale. Secondo quanto dichiarato dalla giurista Astrid Epiney, rettrice dell'Università di Friburgo, «l'iniziativa implica una 'assoluzione' della volontà popolare e una corrispondente diminuzione dei poteri dei tribunali, che tocca la sostanza della separazione dei poteri».

Per Zurigo «minaccia gli atenei» - L'iniziativa dell'UDC causerebbe «seri svantaggi agli atenei e alla piazza economica di Zurigo». Con questa motivazione il consiglio di Stato zurighese raccomanda di respingere l'oggetto in votazione il 25 novembre.

L'iniziativa denominata "Il diritto svizzero anziché giudici stranieri" mette in pericolo «la partecipazione degli atenei svizzeri ai programmi europei di formazione e di ricerca», sottolinea oggi in una nota il consiglio di Stato del canton Zurigo.

L'accesso a finanziamenti come quelli legati al programma europeo per la ricerca Horizon 2020 o al programma di scambio universitario Erasmus+ non sarebbe più garantito in modo automatico. «Università e Politecnici subirebbero perdite finanziarie», scrive l'esecutivo a maggioranza borghese (2 UDC, 2 PLR, 1 PPD e 2 PS).

In caso di approvazione dell'iniziativa, l'economia del canton Zurigo sarebbe quella maggiormente toccata in tutta la Svizzera. La piazza economica zurighese genera più di un quinto del prodotto interno lordo (PIL) nazionale e ospita diverse società internazionali. «Imprese mondiali come Google, IBM o Disney hanno un forte interesse affinché la Svizzera rimanga una partner affidabile dal punto di vista della sicurezza del diritto».

Commenti
 
Danny50 1 anno fa su tio
Pienamente d’accordo. Questi bastardi venduti allo straniero faranno carte false per terrorizzare gli zucchini e i cianfresi. I ticinesi saranno risoluti, al contrario delle loro larve politiche.
Thor61 1 anno fa su tio
E meno male che qualcuno si oppone a questo scempio portato avanti dal CF e soci.
Mattiatr 1 anno fa su tio
Principio di territorialità, in uno stato valgono le leggi di quello stato. L'ho imparato l'anno scorso ad economia ed è una cosa che DEVE essere rispettata. La Svizzera non fa parte dell'UE e non capisco come mai debba comportarsi come se invece ci fosse dentro. Per quanto riguarda l'ONU le nostre leggi sono già rispettose dei diritti umani e non è vero che sarebbe una mezza apocalisse preferire le nostre norme.
Monello 1 anno fa su tio
...Ottimo x voti da parte mia !!! Abbiamo ancora i patrioti veri ! Voterò a favore dell iniziativa ! ( almeno 5 voti )
Bandito976 1 anno fa su tio
Per tenere qui ditte estere piene zeppe di stranieri, con agevolazioni fiscali, sussidi e quant'altro? Votate SI. Grazie.
Danny50 1 anno fa su tio
Questi venduti non hanno nessun argomento valido e si arrampicano sui vetri con delle fesserie. Speriamo che i pecoroni non li seguano solo perché é l’UDC alla sorgente dell’iniziativa
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-20 17:02:51 | 91.208.130.86