Immobili
Veicoli
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FOTO
SVIZZERA
13 min
«WEF, riunione di assassini», ma sono in pochi a protestare
Solo una cinquantina di attivisti per il clima sono giunti a Davos per manifestare contro il Forum economico mondiale.
BERNA
1 ora
Scomparso da venerdì, trovato morto in riva al fiume
Il corpo del 54enne è stato trovato in riva alla Suze a Bienne.
SVIZZERA
2 ore
Quando sei miliardi non bastano
La Confederazione potrebbe dover sborsare un ulteriore miliardo per l'acquisto dei jet da combattimento F-35.
GINEVRA
2 ore
La rissa fra "bande" degenera e partono alcuni spari
I fatti sono avvenuti in un bar del quartiere ginevrino di Plainpalais. Nessuno è rimasto ferito.
SVIZZERA
5 ore
Quegli spinosi miliardi degli oligarchi con i quali non si sa bene che fare
In Svizzera sono 6 (ma c'è chi dice che siano molti, molti di più) e per la legge elvetica non si possono toccare
TURGOVIA
6 ore
Ubriaco sul trattore demolisce il passaggio a livello
Aveva un tasso alcolemico dell'1,6 per mille. La patente gli è stata ritirata.
SVIZZERA
6 ore
Anche il WEF 2022 si tinge di guerra
Al via oggi nella capitale grigionese il summit economico, attesi 50 capi di stato e anche Zelensky e Stoltenberg
TURGOVIA
6 ore
Entra nel lago, non ne esce più
Niente da fare per una donna di 65 anni che, nonostante i soccorsi, è deceduta sul posto.
SCIAFFUSA
7 ore
L'alcol, l'incidente e la fuga
Il conducente ha perso il controllo dell'auto, urtando una vettura ferma a un semaforo
SVIZZERA
7 ore
L'estate svizzera «potrebbe raggiungere i 40 gradi»
Le previsioni di Thomas Bucheli, caporedattore di SRF Meteo, dopo le temperature "non normali" del mese di maggio.
FRIBURGO
17 ore
Fattoria distrutta da un incendio
I pompieri hanno impiegato oltre due ore per domare le fiamme
SVIZZERA
17 ore
Party, vodka e caviale: perché al Wef di Davos si sentirà la mancanza dei miliardari russi
La rappresentativa, ufficialmente non grata, era solita portare nella città grigionese feste esclusive ed esosissime
FRIBURGO
18 ore
Ciclista deceduto sul ciglio della strada
Il 69enne era stato trovato privo di sensi, i tentativi di rianimarlo sono stati inutili
BASILEA CITTÀ
19 ore
Incidente in piscina, bimba in condizioni critiche
Sono stati due ragazzi a estrarre la piccola dall'acqua
VAUD
19 ore
Kitesurfer gravemente ferito dall'elica di una barca
L'incidente al largo di Montreux, un 21enne è stato trasportato in ospedale
SVIZZERA
22 ore
Vaiolo delle scimmie, c'è il primo caso in Svizzera
Stando all'UFSP è stato riscontrato nel canton Berna, l'allerta non è alta: «Monitoriamo la situazione»
ZURIGO
1 gior
Accoltellamento all'alba, due arresti
In manette un 18enne e un 19enne, uno dei colpiti è in gravi condizioni
BERNA
1 gior
Un altro bancomat fatto brillare nel Giura Bernese
Lo scoppio nel cuore della notte nei pressi di una Coop di Reconviller che oggi rimarrà chiusa
SVIZZERA
04.10.2018 - 11:200

Autodeterminazione: lanciata la campagna per il "no"

Secondo gli oppositori, il testo finirebbe per mettere in pericolo tutti gli accordi internazionali e «Università e Politecnici subirebbero perdite finanziarie»

BERNA - Ambiguità e diverse contraddizioni nell'iniziativa UDC "Il diritto svizzero anziché giudici stranieri", detta anche "per l'autodeterminazione", potrebbero mettere in pericolo gli accordi internazionali siglati dalla Svizzera. È questa l'opinione, espressa oggi a Berna, del comitato di oppositori al testo in votazione il 25 novembre.

L'iniziativa sarebbe troppo radicale e danneggerebbe la Confederazione da molti punti di vista: dalla protezione dei diritti umani, a margini di manovra per trattative in ambito politico ed economico, passando per lo Stato di diritto, è stato spiegato ai media dal comitato, nel quale sono rappresentati diversi partiti e organizzazioni della società civile ed economiche.

Il testo «non porta chiarezza fra i livelli di diritto, ma tramite contraddizioni garantisce solamente incertezza. Questa incertezza sarebbe dannosa per la Svizzera», ha spiegato il consigliere agli Stati Philipp Müller (PLR/AG). «La democrazia diretta c'è già, non serve un testo simile per ottenerla», ha aggiunto.

«Nessuna iniziativa è mai stata così pericolosa per i diritti fondamentali. Istituzioni come la Corte europea dei diritti dell'uomo permettono di garantire standard minimi da rispettare», ha sottolineato Andrea Huber, dell'Alleanza della società civile - Fattore di protezione D. «Una democrazia diretta senza limiti non è veramente democratica», ha concluso.

Secondo gli oppositori, il testo finirebbe per mettere in pericolo tutti gli accordi internazionali, compresi quelli confermati più volte dagli stessi cittadini svizzeri. Con questa spada di Damocle, per la Confederazione diventerebbe molto difficile arrivare a nuove intese.

Accettando questa iniziativa «la Svizzera si avvicinerebbe alla politica degli Stati totalitari. Non vogliamo andare nella stessa direzione della Turchia di Recep Tayyip Erdogan, della Russia di Vladimir Putin o degli Stati Uniti di Donald Trump», ha affermato con convinzione la consigliera nazionale socialista Nadine Masshardt (BE). «Nella vita di tutti i giorni noi approfittiamo del diritto internazionale, non è una cosa che ci fa soffrire», ha detto ancora.

Problemi economici e giuridici - Anche l'economia si oppone al testo dei democentristi: «Gli ambienti economici giudicano questa iniziativa in maniera nefasta. Alcune decisioni popolari potrebbero obbligare a rinegoziare, magari per questioni secondarie, interi accordi di grande importanza, ad esempio con la Cina, portando probabilmente alla loro cancellazione», ha evidenziato François Gabella, vicepresidente dell'associazione dell'industria metalmeccanica Swissmem.

«Si tratterebbe di un autogol incredibile», ha continuato Gabella. «Per le 97'000 imprese svizzere orientate all'esportazione un acceso sicuro ai mercati mondiali è assolutamente indispensabile».

Sempre a livello di accordi, secondo gli oppositori la stessa reputazione della Svizzera sarebbe messa in gioco. «In pratica il testo dice che non importa se non rispettiamo la parola data», ha dichiarato Laura Zimmermann, co-presidente di Operation Libero. «Finge l'autodeterminazione, ma priva la Svizzera della sua affidabilità. Finge di rafforzare la democrazia diretta, ma vuole dare alle autorità il diritto di rescindere importanti trattati internazionali, anche senza chiedere agli elettori».

A detta del consigliere agli Stati Beat Vonlanthen (PPD/FR), non solo la reputazione della Svizzera di partner affidabile sarebbe rovinata, ma gli stessi valori elvetici verrebbero messi sotto attacco. «Tradizioni come quella umanitaria e quella legata alle trattative e al dialogo scomparirebbero», in favore della politica del più forte.

Perplessità giungono anche dall'ambiente prettamente legale. Secondo quanto dichiarato dalla giurista Astrid Epiney, rettrice dell'Università di Friburgo, «l'iniziativa implica una 'assoluzione' della volontà popolare e una corrispondente diminuzione dei poteri dei tribunali, che tocca la sostanza della separazione dei poteri».

Per Zurigo «minaccia gli atenei» - L'iniziativa dell'UDC causerebbe «seri svantaggi agli atenei e alla piazza economica di Zurigo». Con questa motivazione il consiglio di Stato zurighese raccomanda di respingere l'oggetto in votazione il 25 novembre.

L'iniziativa denominata "Il diritto svizzero anziché giudici stranieri" mette in pericolo «la partecipazione degli atenei svizzeri ai programmi europei di formazione e di ricerca», sottolinea oggi in una nota il consiglio di Stato del canton Zurigo.

L'accesso a finanziamenti come quelli legati al programma europeo per la ricerca Horizon 2020 o al programma di scambio universitario Erasmus+ non sarebbe più garantito in modo automatico. «Università e Politecnici subirebbero perdite finanziarie», scrive l'esecutivo a maggioranza borghese (2 UDC, 2 PLR, 1 PPD e 2 PS).

In caso di approvazione dell'iniziativa, l'economia del canton Zurigo sarebbe quella maggiormente toccata in tutta la Svizzera. La piazza economica zurighese genera più di un quinto del prodotto interno lordo (PIL) nazionale e ospita diverse società internazionali. «Imprese mondiali come Google, IBM o Disney hanno un forte interesse affinché la Svizzera rimanga una partner affidabile dal punto di vista della sicurezza del diritto».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Thor61 3 anni fa su tio
E meno male che qualcuno si oppone a questo scempio portato avanti dal CF e soci.
Mattiatr 3 anni fa su tio
Principio di territorialità, in uno stato valgono le leggi di quello stato. L'ho imparato l'anno scorso ad economia ed è una cosa che DEVE essere rispettata. La Svizzera non fa parte dell'UE e non capisco come mai debba comportarsi come se invece ci fosse dentro. Per quanto riguarda l'ONU le nostre leggi sono già rispettose dei diritti umani e non è vero che sarebbe una mezza apocalisse preferire le nostre norme.
Monello 3 anni fa su tio
...Ottimo x voti da parte mia !!! Abbiamo ancora i patrioti veri ! Voterò a favore dell iniziativa ! ( almeno 5 voti )
Bandito976 3 anni fa su tio
Per tenere qui ditte estere piene zeppe di stranieri, con agevolazioni fiscali, sussidi e quant'altro? Votate SI. Grazie.
Danny50 3 anni fa su tio
Questi venduti non hanno nessun argomento valido e si arrampicano sui vetri con delle fesserie. Speriamo che i pecoroni non li seguano solo perché é l’UDC alla sorgente dell’iniziativa
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-22 16:37:58 | 91.208.130.87