Immobili
Veicoli
Keystone
GIURA
22.11.2017 - 14:480

Giura più generoso del Ticino: salario minimo da 20 franchi all’ora

Il Governo aveva proposto una retribuzione minima di 19,25 franchi l'ora, ma per il Parlamento non era sufficiente

 

DELÉMONT - Dopo quattro anni di discussioni il parlamento giurassiano ha varato questa mattina la legge sul salario minimo, che comporta una retribuzione di almeno 20 franchi l'ora. In seconda lettura, hanno approvato il progetto 40 deputati, mentre 18 si sono astenuti.

Le astensioni sono arrivate dai partiti di destra, che auspicavano di sottoporre la legge a referendum obbligatorio. La votazione al riguardo si è conclusa con 25 voti favorevoli e 25 contrari. Ha in definitiva fatto pesare l'ago della bilancia a favore del referendum il presidente cristiano-sociale del parlamento Frédéric Lovis.

Rispetto alla prima lettura, il legislativo ha deciso con 44 voti contro 14 di portare il salario minimo da 19,25 a 20 franchi l'ora, un aumento riconducibile alla volontà del PPD di fare un passo in direzione della sinistra.

«Questo importo di 20 franchi corrisponde ai minimi sociali che permettono di coprire i bisogni vitali di una persona adulta che vive da sola», ha spiegato il deputato verde Ivan Godat. Nel progetto sottoposto al parlamento, il governo aveva proposto una retribuzione minima di 19,25 franchi l'ora.

Le disposizioni legali varate oggi non saranno applicabili al datore di lavoro, ai suoi famigliari, alle persone in formazione o attive nel quadro di misure di integrazione professionale. I datori di lavoro disporranno di due anni dall'entrata in vigore della legge per conformarsi al testo.

L'adozione del testo interviene dopo la decisione del Tribunale federale (TF) di dare il via libera ad un salario minimo di 20 franchi l'ora nel cantone di Neuchâtel, una remunerazione ritenuta conforme al diritto federale e al principio costituzionale della libertà economica.

Nel Giura, un'iniziativa popolare intitolata “Un Giura con salari dignitosi" era stata approvata in votazione popolare nel 2013, ma il parlamento si era rifiutato due volte di entrare in materia sul tema, nel 2015 e nel 2016. Sul caso era intervenuta la Corte costituzionale cantonale, chiamata in causa da un ricorso del partito socialista, che ha costretto il legislatore ad affrontare la questione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Mag 4 anni fa su tio
Allora riepiloghiamo: nel 2013 si approva l'iniziativa nel Giura. 4 anni dopo si legifera qualcosa, ma solo DOPO l'intervento della Corte Costituzionale. Dal momento in cui la legge entrerà in vigore (fra quanto tempo ancora ... boh) i datori di lavoro disporranno di 2 anni per conformarsi al testo. Quindi se tutto va bene avranno il salario minimo applicato nel 2020. Se qualcosa di simile accade (come sembra stia accadendo) anche in Ticino, dove vogliono dare 3 anni ai datoti di lavoro per conformarsi, i lavoratori avranno diritto ad un salario minimo nel 2024. Poi nel 2024 un salario di circa-meno-quasi 20 fr. all'ora, sarà ancora considerabile dignitoso oppure si ripartirà con una stupida diatriba pantomimica politica come quella attuale? Ma a chi vogliamo prendere in giro ...?
GI 4 anni fa su tio
Significa che ci libereremo di un qualche frontaliere e del relativo traffico indotto....??

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-20 06:24:04 | 91.208.130.86