Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
7 ore
Insulta la poliziotta e le spegne una sigaretta sul volto
ZURIGO
13 ore
Elettrodomestici: boom di climatizzatori
SVIZZERA
13 ore
«La campagna del PPD è come un'azione di mobbing»
SVIZZERA
14 ore
«Siamo i lobbisti del popolo, difendiamo il nostro futuro»
BERNA
14 ore
Migros richiama la sedia pieghevole "Foldy"
GRIGIONI
14 ore
Terribile scontro fra auto, morta una 49enne
SVIZZERA
15 ore
Zio Paperone torna negli Usa: gli svizzeri non sono i più ricchi
BERNA
17 ore
"Sì" al contrassegno autostradale elettronico?
SVIZZERA
17 ore
La pianificazione ospedaliera è a livello cantonale
SVIZZERA
17 ore
La Svizzera può contare su 140'304 militari
SVIZZERA
17 ore
In Svizzera c'è una sovraproporzione di robot industriali
SAN GALLO
17 ore
Condannato il pedofilo che abusava di bambine dell'Est
BASILEA CITTÀ
17 ore
Allo zoo di Basilea è nato un piccolo gorilla
ZURIGO
17 ore
UBS, cause in vista da parte dei creditori delle obbligazioni Folli Follie
ZURIGO
17 ore
L'autorità avverte Swiss: «C'è il rischio di incendio ai motori»
SVIZZERA
17.08.2018 - 14:380
Aggiornamento : 30.08.2018 - 09:04

AutoPostale, Reto Baumgartner non fa più parte della task force

Il rapporto presentato dalla Posta menzionava la possibilità che fossero state commesse irregolarità anche negli anni '90. Ha quindi lasciato per evitare che il lavoro venisse messo in discussione

BERNA - Reto Baumgartner, capo delle finanze di AutoPostale alla fine degli anni '90, non fa più parte della task force incaricata di riorganizzare la filiale della Posta dopo la scoperta di irregolarità contabili. La notizia, pubblicata dal Blick, è stata confermata da un portavoce del gigante giallo.

Baumgartner è stato membro della Task Force fino in giugno. Nei primi mesi le indagini si erano concentrate sulle irregolarità commesse fra il 2007 e il 2015, ha detto il portavoce Oliver Flüeler.

A giugno la Posta e Baumgartner hanno interrotto la collaborazione di comune accordo, ha aggiunto Flüeler. Il rapporto presentato dalla Posta infatti menzionava la possibilità che fossero state commesse irregolarità anche negli anni '90. Baumgartner ha quindi lasciato per evitare che il lavoro del gruppo venisse messo in discussione a causa della sua persona.

La task force di cinque persone che si occupa della riorganizzazione è stata creata in febbraio ed è guidata da Thomas Baur, membro del consiglio di amministrazione e responsabile ad interim di AutoPostale. Non ha nulla a che vedere con il gruppo di tre esperti istituito dalla Posta per far luce sulle pratiche contabili illegali di AutoPostale. Anche in quel caso però c'era stata una dimissione per evitare un possibile conflitto di interessi: Kurt Grüter, direttore del Controllo federale delle finanze (CDF) fino al 2013, aveva lasciato la carica di presidente del gruppo di esperti appena due settimane dopo la nomina.

«Le indagini devono svolgersi nella calma e ciò non sarebbe stato possibile dal momento che la mia neutralità e la mia credibilità sono state messe in discussione», aveva detto Grüter in marzo, annunciando le sue dimissioni: le conclusioni dell'inchiesta non devono essere "macchiate" da interrogativi legati alla sua persona.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-19 05:05:58 | 91.208.130.86