Immobili
Veicoli

STATI UNITI / SVIZZERASorelle americane morte in Svizzera, mistero risolto

21.03.22 - 19:02
A metà febbraio, Lila A. e Susan F. sarebbero dovute tornare a Phoenix, ma hanno fatto perdere le loro tracce.
Facebook
Sorelle americane morte in Svizzera, mistero risolto
A metà febbraio, Lila A. e Susan F. sarebbero dovute tornare a Phoenix, ma hanno fatto perdere le loro tracce.
Non hanno detto ai loro amici che sarebbero andate a Basilea per trovare la "morte dolce".

BASILEA - Il 13 febbraio, Lila A. e Susan F. sarebbero dovute tornare a Phoenix, in Arizona. Sarebbero dovute rientrare al lavoro il 15. Ma non si sono più fatte vedere. I loro amici le hanno sentite per l'ultima volta il 10 febbraio, quando si trovavano a Basilea.

La notizia della loro scomparsa era stata pubblicata dal "Blick" lo scorso lunedì. Un amico delle due americane, sabato, sulla pagina Facebook creata per ritrovarle ha scritto della loro morte.

Contattata da 20 Minuten, l'ambasciata degli Stati Uniti a Berna ha confermato il decesso delle due americane. Per rispetto della famiglia, non sono state fornite ulteriori informazioni sulle circostanze del decesso.

Le due sorelle sono morte nella regione di Basilea. Lo ha confermato su richiesta il Ministero pubblico del Canton Basilea Campagna spiegando che non ci sono ragioni per aprire un'indagine penale. Una ricerca condotta da 20 Minuten ha rivelato che le due donne sono venute in Svizzera per trovare la morte dolce. E non avevano avvisato nessuno riguardo a questa decisione.

Svizzera nota per il turismo della morte - Entrambe erano professioniste nel settore medico. Lila A. lavorava come medico specializzato in cure palliative, sua sorella Susan era un'infermiera. Lila aveva 54 anni, sua sorella 40.

L'età relativamente giovane delle due non è un criterio valido per escludere una persona dal suicidio assistito in Svizzera. Secondo la legge, le organizzazioni che si occupano di eutanasia possono accompagnare alla morte le persone che vogliono suicidarsi, e possono farlo anche con le persone provenienti dall'estero.

Questa pratica ha effettivamente portato al turismo della morte in Svizzera. Ad esempio, la stragrande maggioranza dei membri di Dignitas, una delle organizzazioni di eutanasia più rinomate a livello internazionale, risiede all'estero.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA