Archivio Tipress (immagine illustrativa)
SVIZZERA
04.03.2021 - 12:340
Aggiornamento : 14:55

Antenne 5G nel mirino dei ricattatori

Ignoti hanno incendiato un impianto di Swisscom, chiedendo agli operatori di versare milioni a favore dei bambini

BERNA - Un incendio è stato appiccato in febbraio a un'antenna di telefonia mobile 5G nel villaggio di Uttigen (BE), nei pressi di Thun. Sul posto c'erano scritte che, minacciando altri incendi, richiedevano ai fornitori di telefonia mobile di donare milioni di franchi per i bambini.

La polizia cantonale bernese ha confermato a Kestone-ATS un notizia in tal senso diffusa oggi dal quotidiano Berner Zeitung.

Un chiamata al numero di emergenza ha segnalato un incendio all'impianto dell'antenna intorno all'1.30 del 22 febbraio. Quando i pompieri sono arrivati sul posto, le fiamme si erano già spente da sole.

Degli scarabocchi imprecisi lasciati sulla struttura dell'antenna vengono interpretati come un ricatto a Swisscom, Sunrise UPC e Salt, che dovrebbero effettuare delle donazioni. Ulteriori indagini sono ancora in corso, precisa la polizia cantonale.

L'impianto per il 5G di Uttigen appartiene a Swisscom. La società ha detto a Keystone-ATS che stima il danno a poco più di 30'000 franchi, e che ha presentato una denuncia penale.

Dal canto suo Salt ha affermato che generalmente non risponde ai ricatti, e di solito sporge denuncia quando i suoi impianti sono bersaglio di atti di vandalismo.

Si tratta di un problema che la maggior parte dei fornitori di telefonia mobile conosce bene.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-23 20:40:45 | 91.208.130.85