20 Minuten
BASILEA CITTÀ
13.12.2019 - 12:140

L'assassina del piccolo Ilias «non è perseguibile»

La donna, che a marzo aveva accoltellato un bimbo di appena 7 anni, è stata dichiarata «incapace di intendere e volere» dal Ministero pubblico basilese. La procura ne ha richiesto l'internamento

BASILEA - La 75enne che lo scorso marzo ha ucciso il piccolo Ilias con una pugnalata al collo a Basilea è stata dichiarata «incapace di intendere e volere». Il Ministero pubblico renano ha richiesto l'internamento dell'anziana.

«Non perseguibile» - A nove mesi dal delitto, la procura ha chiuso l'inchiesta penale per omicidio e il caso passa ora al tribunale penale. Un rapporto psichiatrico ordinato dal Ministero pubblico ha stabilito «l'incapacità» e «la scemata imputabilità» per la donna, che si trova ancora in detenzione preventiva per il rischio di recidiva.

Scelto a caso - Il fatto di sangue è avvenuto per strada il 21 marzo a poche centinaia di metri da una scuola sul St. Galler-Ring, nel quartiere Gotthelf, dove il bimbo di 7 anni frequentava la prima elementare. La pensionata, una cittadina svizzera che vive a Basilea, non conosceva né il bambino né la sua famiglia, originaria di Gjilan in Kosovo.

Morto in ospedale - Nella nota odierna, la procura indica che la donna ha improvvisamente accoltellato il bambino di ritorno da scuola. Una passante ha trovato il bambino gravemente ferito sul marciapiede e ha subito chiamato aiuto. Nonostante i tentativi di rianimazione e l'intervento chirurgico d'urgenza, il piccolo è deceduto poco più tardi in ospedale.

La confessione via SMS - In seguito all'aggressione, l'anziana si è diretta verso il vicino Schützenmattpark e ha informato via SMS diverse persone e istituzioni di aver accoltellato un bambino per avere indietro la propria casa. Il messaggio recitava così: «Ascoltate carissimi. Ho ucciso un bambino in modo tale da poter riottenere la mia proprietà. Avvertite pure la polizia e assumetevi le vostre responsabilità». In una telefonata a Telebasel la 75enne, che sembrava essere stata vittima di un complotto, aveva dichiarato: «Sono stata cacciata dal mio appartamento. Non vi ho più accesso. Nessuno mi ascolta. In qualche modo ho dovuto farmi sentire».

Poco dopo decideva di consegnarsi in procura.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-28 21:53:53 | 91.208.130.86