Cerca e trova immobili

SVIZZERANel 2023 sono arrivate 68'000 persone dall'UE

24.06.24 - 14:32
La SECO: «L’andamento si inserisce nella crescita dell’occupazione e nel basso tasso di disoccupazione».
Deposit
Fonte ats
Nel 2023 sono arrivate 68'000 persone dall'UE
La SECO: «L’andamento si inserisce nella crescita dell’occupazione e nel basso tasso di disoccupazione».

BERNA - Nel 2023 l'immigrazione dai Paesi dell'UE ha raggiunto livelli record in Svizzera. Ciò si inserisce in un contesto di crescita dell'occupazione e di basso tasso di disoccupazione. Inoltre, contribuisce a compensare gli effetti dell'invecchiamento della popolazione.

È quanto emerge dal 20esimo rapporto dell'Osservatorio della libera circolazione tra Svizzera e Unione europea pubblicato oggi dalla Segreteria di Stato dell'economia (Seco).

L'anno scorso 68'000 persone provenienti dai Paesi dell'UE/Associazione europea di libero scambio (AELS) sono immigrate in Svizzera, indica la Seco. Si tratta del 29% in più rispetto all'anno precedente.

In passato, l'immigrazione nell'ambito della libera circolazione delle persone era stata maggiore solo nel 2008, poco prima della crisi economica e finanziaria (72'100 persone).

Paesi vicini in testa - I principali Paesi di provenienza sono la Germania (21%), la Francia (16%) e l'Italia (15%), che insieme rappresentano più della metà di tutta l'immigrazione. Questa classifica è cambiata costantemente nel corso degli anni, secondo la Seco, la quale osserva che «la situazione economica della regione UE/AELS ha avuto un'influenza significativa» sulla sua composizione.

«Questa correlazione sembra essere confermata ancora una volta» nel caso della Germania, aggiunge la Seco: l'immigrazione dall'altra sponda del Reno è infatti «particolarmente aumentata nel 2023 in un contesto di debole sviluppo economico in Germania».

Ciò vale anche per la Svizzera, dove la crescita dell'occupazione ha «nettamente superato» la media dell'UE negli ultimi 20 anni. Anche nel 2023 la crescita è stata solida, mentre il tasso di disoccupazione ha raggiunto il livello più basso dal 2001.

Poco margine di manovra - Dal canto suo, il potenziale interno è stato ben sfruttato. La Seco sottolinea che la popolazione svizzera in età lavorativa è cresciuta solo leggermente negli ultimi vent'anni, a causa dell'invecchiamento demografico. Inoltre, è già ben integrata nel mercato del lavoro e ha un alto tasso d'attività.

In Svizzera, c'è poco margine di manovra rispetto ad altri Paesi comparabili come l'Austria, il Belgio e i Paesi Bassi. In questi ultimi due Paesi, ad esempio, il calo della disoccupazione e «lo sviluppo di un potenziale non sfruttato» hanno favorito l'impiego di lavoratori indigeni, osserva la Seco.

Costi/benefici dell'immigrazione - Il rapporto sottolinea anche che gran parte degli Europei che lavorano in Svizzera sono altamente qualificati. Molti di loro svolgono «attività impegnative in settori economici in rapida crescita, come i servizi specializzati, scientifici e tecnici, l'informazione e la comunicazione o la sanità».

Ma l'economia svizzera dipende anche dal reclutamento di immigrati dall'UE per occupare posti di lavoro meno qualificati, soprattutto nei settori alberghiero e della ristorazione, nonché nell'edilizia e nell'industria.

Per la Seco, questa situazione può essere vista come "un vantaggio, se non un privilegio" per la Svizzera dal punto di vista del mercato del lavoro.

Tuttavia, la Segreteria di Stato dell'economia non nasconde che gli alti livelli di migrazione a lungo termine «comportano anche delle sfide. I dibattiti appassionati e contraddittori sulla questione del rapporto costi/benefici dell'immigrazione per la società nel suo complesso, che si stanno svolgendo anche in altri grandi Paesi di immigrazione netta, lo testimoniano», viene precisato nelle conclusioni del rapporto.

Sostegno dei partner sociali - La segretaria di Stato Helene Budliger Artieda ha sottolineato ai media che in Svizzera sono riprese le discussioni sulla limitazione dell'immigrazione. Facendo riferimento all'esempio del Regno Unito, ha tuttavia rilevato che la fine della libera circolazione delle persone dopo la Brexit non ha portato a un calo generale dell'immigrazione.

Questa opinione è condivisa dai partner sociali. Il capo dell'Unione svizzera degli imprenditori (USI), Roland Müller, ha messo in risalto il costo della penuria di manodopera per le imprese. «L'analisi dimostra ancora una volta che l'immigrazione dall'UE e dall'AELS è un importante pilastro della prosperità della Svizzera», ha affermato, mettendo in guardia dall'accettare l'iniziativa sulla neutralità dell'UDC.

Dal canto suo, il capo economista dell'Unione sindacale svizzera (USS) Daniel Lampart ha insistito sul fatto che i sistemi a "punti", come in Canada, o i sistemi di quote non sono migliori della libera circolazione delle persone accompagnata da misure di accompagnamento.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE