Cerca e trova immobili

SVIZZERACosti della sanità, il Governo spinge sui farmaci generici

25.10.23 - 11:10
Dal 2024 i farmacisti - a parità di principio attivo - potranno dispensare il farmaco meno caro
Foto TiPress
Fonte ATS
Costi della sanità, il Governo spinge sui farmaci generici
Dal 2024 i farmacisti - a parità di principio attivo - potranno dispensare il farmaco meno caro

BERNA  - A partire al 2024, i farmacisti potranno dispensare un farmaco meno caro se nell’elenco delle specialità figurano più medicinali con la stessa composizione di principi attivi.

Si tratta di una delle novità presenti nel secondo pacchetto di contenimento dei costi sanitari - che semplifica anche le procedure per le importazioni parallele - la cui entrata in vigore è stata decisa oggi dal Consiglio federale. Il pacchetto non prevede alcun prezzo di riferimento per i farmaci generici, idea bocciata al parlamento che avrebbe fatto risparmiare da 300 a 500 milioni di franchi.

Nel caso dei medicinali, precisa una nota governativa odierna, l’aliquota percentuale per l’assicurato ammonta soltanto al 10%. Questo diritto di sostituzione sarà vincolato al requisito della "parità di idoneità medica" per il paziente ed esteso ai biosimilari. In questo modo si intende garantire che venga valutato lo stato di salute individuale del paziente e che si possa tenere conto di eventuali intolleranze.

Se per motivi d’ordine medico non è possibile dispensare generici o biosimilari, l’assicurato può ancora acquistare un preparato originale più costoso senza che gli sia applicata un’aliquota maggiorata.

Oltre alle novità per i farmacisti, all'anno prossimo i fornitori di prestazioni e gli assicuratori dovranno prevedere misure per la sorveglianza e la gestione delle quantità, dei volumi e dei costi nonché le pertinenti misure correttive (per esempio riduzioni delle tariffe o rimborsi).

Queste misure potranno essere integrate in convenzioni tariffali cantonali o nazionali esistenti oppure essere previste in convenzioni proprie valide in tutta la Svizzera. Tali convenzioni devono disciplinare le modalità di sorveglianza dell’evoluzione delle quantità e dei costi per ciascun settore. Anche nell’ambito delle assicurazioni per l’invalidità, contro gli infortuni e militare, i partner tariffali sono esortati a prevedere misure di gestione strategica dei costi nelle convenzioni tariffali.

Oltre a ciò, le organizzazioni degli assicuratori d'importanza nazionale o regionale avranno la possibilità di ricorrere contro le decisioni cantonali sugli elenchi degli ospedali al Tribunale amministrativo federale.

Per ultimo, la legge sugli agenti terapeutici è stata modificata in modo tale da semplificare la caratterizzazione e l’informazione riguardanti i medicamenti oggetto di importazioni parallele.

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Tracy 5 mesi fa su tio
Certo con il generico tutto è semplificato, non c'è più bisogno di controllarli visto che è già stato fatto sull'originale. Speriamo che questa mancanza non porterà ulteriori problemi. Berna dovrebbe ridare anche al medico la possibilità di fare il medico e non perdersi in rivoli informatici che si vanno ad aggiungere alla montagna di burocrazia quotidiana. I Medici non riescono più a fare una diagnosi clinica e mandano il paziente a fare tac e esami speciali. Questa si che fa aummentare i costi e non da poco
NOTIZIE PIÙ LETTE