Immobili
Veicoli

BernaSì alla proroga di alcune norme anti-Covid

27.09.22 - 11:33
Il Consiglio nazionale approva con 140 voti favorevoli e 47 contrari.
Foto Deposit
Fonte ATS
Sì alla proroga di alcune norme anti-Covid
Il Consiglio nazionale approva con 140 voti favorevoli e 47 contrari.

BERNA - Determinate disposizioni della legge Covid-19, valide solo fino alla fine di quest'anno, devono essere prorogate fino a giugno 2024 per far fronte a un'eventuale nuova ondata pandemica. Ne è convinto il Consiglio nazionale che appoggia la richiesta del Governo in questo senso. Domanda inoltre ai Cantoni ulteriori sforzi per garantire la capacità degli ospedali. Gli Stati devono ancora pronunciarsi.

La proroga passa con 140 voti favorevoli e 47 contrari - Il progetto del Consiglio federale, approvato con 140 voti favorevoli e 47 contrari e 1 astenuto dalla Camera del popolo, riguarda in particolare l'accesso ai test di depistaggio. La strategia in quest'ambito rimarrà di competenza della Confederazione.

Il Governo avrebbe voluto che da aprile 2023 il compito e i costi fossero trasferiti ai Cantoni. Questi ultimi si sono però detti contrari durante la procedura di consultazione: in particolare, la Conferenza dei direttori cantonali della sanità teme che i cantoni debbano spendere diverse centinaia di milioni di franchi in più.

A carico della confederazione i costi dei test di depistaggio - Oggi il Nazionale ha deciso che la Confederazione continuerà ad assumere la responsabilità e i costi dei test. Delegare simili oneri alle autorità cantonali in base alla proporzione della popolazione, creerebbe falsi incentivi, secondo il consigliere nazionale Marcel Dobler (PLR/SG).

Il suo collega parlamentare Thomas Aeschi (UDC/ZG) avrebbe voluto che la competenza fosse trasferita ai cantoni, per preservare le finanze federali. Ma la sua minoranza è stata respinta con 136 voti contro 55.

I cantoni devono garantire riserve di capacità - Il Nazionale ha invece approvato una modifica dell'articolo 3 della legge COVID-19 allo scopo di incoraggiare i Cantoni a garantire riserve di capacità negli ospedali, in caso di un'eventuale nuova ondata pandemica. Se le riserve servono a trattare i pazienti domiciliati in altri cantoni, i Cantoni interessati devono stabilire delle convenzioni per ripartire in modo equo gli sforzi finanziari.

Parlamentari di UDC e dell'Alleanza del Centro hanno tentato invano di opporsi a questa modifica, ma la maggioranza del plenum - con 112 voti a 78 - ha deciso altrimenti. Anche il Consiglio federale era contrario a questa modifica, perché dubitava che i cantoni potessero concludere in tempo gli accordi necessari.

Estese disposizioni relative al certificato Covid-19 - Con la proroga approvata oggi vengono estese anche le disposizioni relative al certificato Covid-19 in modo che il documento possa essere utilizzato in altri Paesi. La base legale dell'applicazione SwissCovid rimarrà in vigore e, se necessario, il software potrà essere riattivato nell'inverno 2023/2024. Una minoranza UDC ha tentato invano di opporsi al prolungamento della disposizione.

La proroga riguarda anche la promozione dello sviluppo di farmaci contro il coronavirus e le norme per la protezione delle persone vulnerabili.

 

NOTIZIE PIÙ LETTE